Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La giusta consapevolezza, terapia che attraverso la vibrazione si propone come la medicina del futuro – El Eco

L’obiettivo primario della consapevolezza fonologica è, dal suono come mezzo multidirezionale e il corpo come grande risuonatore e collettore di vibrazioni, esplorare e dare l’opportunità di stimolare il cervello destro e la sua percezione complessiva. Suono e silenzio, essere e vuoto, costituiscono una sfera di coscienza, un sistema vibratorio. Questa percezione sensoriale apre percorsi, genera equilibrio e favorisce stati di benessere frequenti e a lungo termine.

La Sensibilización Sonora, o Sense Sound, richiede più di due decenni di ricerca, sviluppo e applicazione per mano della sua creatrice, Silvina Beatriz Mazzola, insegnante di pianoforte, compositrice e terapista vocale. Questa volta ci rivolgiamo ad esso per scoprire cos’è questo strumento audio.

Che cos’è il suono e che effetto ha sugli esseri umani?

Quello che sentiamo quotidianamente. Se lo consideriamo un fenomeno ondulatorio o vibratorio, le possibilità di applicazione aumentano perché siamo vibrazione e i suoi effetti sulla nostra salute e sui cicli biologici possono essere evidenti.

Cos’è la desensibilizzazione?

Basato su ricerche che menzionano il corpo come il dominio in cui risiedono i ricordi e le emozioni, il sensing è l’applicazione di suoni specifici per innescare ed espandere la consapevolezza della nostra capacità vibratoria. In altre parole, diventa consapevolezza vibratoria attraverso il corpo, la sua sensibilità e memoria, usando i suoni degli strumenti della terapia delle onde acustiche, suoni puri.

-Perché il corpo?

Come abbiamo detto, il corpo è lo spazio e la terra è il luogo in cui la nostra coscienza ospita i suoi ricordi sensoriali, dove ci costruiamo come persone qui e ora. La consapevolezza del corpo vibrazionale ci aiuta ad ascoltare altri corpi vibranti: il corpo emotivo, il corpo mentale, l’energia e il corpo fisico. È la finestra tangibile su quel paesaggio vibrante che ci passa accanto in ogni momento.

READ  Rapporto sulla salute pubblica sul coronavirus n. 466

– Com’è stato il processo di scoperta di questo strumento?

– Sono un musicista e, come insegnante, ho ricercato i confini sensuali per molti anni. Consapevolezza e sensibilità per amplificare le capacità espressive di ogni allievo.

Quindi, come insegnante di canto e approfondendo le tecniche di guarigione delle vibrazioni, ho deciso di studiare l’ecografia in Europa nel 2011. Dopo aver incorporato molti anni di ricerca e pratica, è nata la consapevolezza del suono che va oltre l’idea terapeutica. È una tecnica di autocoscienza e autocalibrazione vibratoria. In breve, autoguarigione.

Come funziona il programma di consapevolezza vocale?

Voci e consapevolezza. È molto semplice.

Quali sono i migliori trattamenti vocali attualmente conosciuti e i rischi di un uso improprio della voce?

Credo che quando siamo pienamente consapevoli del nostro corpo, possiamo percepire ciò che ci mette a disagio oa disagio. Penso che si tratti di questo: essere consapevoli.

– Quali sono i suoni delle due orecchie?

– L’abbiamo sentito con entrambe le orecchie. Ciò significa che ascoltiamo con due orecchie. Preferisco pensare alla stimolazione acustica bilaterale, che migliora l’equilibrio dei nostri emisferi cerebrali e stabilizza la nostra vibrazione.

Perché si dice che il suono è la medicina del futuro?

– Perché qualifica tutti i nostri corpi vibranti, aprendo ed elevando la nostra coscienza vibratoria.

Il percorso della scoperta e della ricerca

Silvina Beatrice Mazzola è pianista, insegnante di pianoforte a coda, compositrice, ricercatrice in ultrasuonoterapia e creatrice di didattica del suono. Si è laureata come Professore di Strumenti al Conservatorio Isaías Orbe e come Professore Principale di Strumenti al Gral. Conservatorio San Martino. Come tale, ha insegnato all’Isaías Orbe e alla Facoltà di Arte dell’Università Nazionale del Centro.

READ  Gli studenti di Salamanca partecipano al progetto di divulgazione scientifica - Boletines Dependencias

Ha svolto un ampio lavoro creativo sia a Tandil che a Buenos Aires con esibizioni regolari come solista e pianista da camera. Come creatrice, ha composto e messo in scena diversi musical.

Silvina fa anche parte dell’Unacom (Unione dei Compositori Argentini), con cui tiene diversi concerti. Il gruppo è stato riconosciuto per aver generato un’idea diversa del concerto suonando le opere con ambienti audio creati dal pubblico. In altre parole, è il pubblico che genera le intensità sonore da lui proposte. Ambienti sonori incredibili vengono creati collegando tutti al suono in modo artistico e ragionevole.

Come previsto, si è formato come terapista ad ultrasuoni a Barcellona, ​​​​con gli insegnanti Jürgen van Wien e Claudia Murcia, dove ha ampliato le sue conoscenze sugli strumenti per la terapia ad ultrasuoni come diapason, piramidi di quarzo e vasi tibetani.

Dal punto di vista della conoscenza energetica, Mazzola ha approfondito il suo campo bioenergetico per oltre 15 anni con un professionista che è discepolo diretto del Dr. Brian Weiss, e con un esperto in campo bioelettrico e plastico.

Ha anche una solida formazione in Reiki Usui e Akashic. La sua ricerca l’ha portata ad approfondire la conoscenza delle dinamiche energetiche umane, con grande responsabilità e conoscenza, per intervenire con voci di organico naturale.