Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Club di Parigi: sono iniziate le trattative e il governo cerca di ridurre il prezzo per pagare l’importo residuo di 2000 milioni di dollari Usa

Il ministro Sergio Massa dovrebbe recarsi nella capitale francese una volta raggiunto il consenso finale, che potrebbe avvenire a metà novembre.

Il governo della capitale francese ha ripreso i negoziati tecnici con Club di Parigi da ristrutturare 2 miliardi di dollari In attesa di pagamento per quell’unione dai paesi creditori. Una delle questioni centrali che verranno discusse tra le due parti è la Suprema tasso d’interesse Che questo importo è stato aggiornato negli ultimi anni e che il team economico cerca di ridurre in modo significativo.

Molto discretamente, Consigliere Capo del Ministero dell’Economia Leonardo Madcor Direttore INDEC e Consulente in Relazioni Finanziarie Internazionali Marco Lavagna Nelle scorse ore hanno avviato contatti tecnici con gli uomini Emanuele MullenSegretario Generale del Club di Parigi e Tesoriere della Francia. Ministro Serge Massa Si prepara a sbarcare nella capitale francese una volta raggiunto il consenso per dare il tocco finale all’affare, cosa che potrebbe accadere a metà novembre.

Le chiavi della trattativa tecnica iniziata a Parigi e che proseguirà domani, venerdì, devono fare, come si è detto, con l’interesse contenuto nell’accordo firmato nel 2014 dall’allora ministro dell’Economia. Axel Kisilo. Il formato abilitato in quel momento favorisce un aggiornamento tra 3 S 4,5% annualmente nei primi anni del contratto di pagamento.

La copia esatta firmata con il Club di Parigi, tuttavia, forniva una finestra per altri due anni per annullare quei saldi in sospeso, sebbene a un costo aggiuntivo significativo. L’interesse per il quale tale importo è stato aggiornato è diventato 9% annualmente, il doppio del suo tasso fino al 2019.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Così, il 1,9 miliardi di dollari che è rimasto non pagato cinque anni dopo l’inizializzazione del contratto, presentato a più di $ 2,4 miliardi Per questo interesse che inizia a correre. Parte di questo saldo è stato restituito in due tranches attraverso un accordo tecnico “ponte” raggiunto dal Ministro all’epoca Martin Guzman Fino a trovare la soluzione di base, cioè quella che si negozia in questo momento. alcuni 227 milioni di dollari Pagato a luglio 2021 ecc $ 188,5 milioni lo scorso febbraio.

Emmanuel Moulin, Ministro del Tesoro francese e Segretario Generale del Club di Parigi
Emmanuel Moulin, Ministro del Tesoro francese e Segretario Generale del Club di Parigi

Un altro problema con il dare e avere tecnico è il periodo per restituire il saldo residuo e quando inizieranno i corsi. Il Fondo Monetario Internazionale, nella sua valutazione della sostenibilità del debito argentino, ha proiettato quei pagamenti al Club di Parigi Dovrebbe riprendere nel 2026con un periodo di grazia di poco più di tre anni, un piano simile a quello dell’Expanded Fund Facility (EFF).

C’è poi la questione geopolitica che pesa molto su questo tipo di negoziazione. Parallelamente all’accordo tecnico, lo Stato avrà bisogno della volontà dei quindici paesi creditori che compongono questo consorzio per attuare la firma. Per tradizione, il Club di Parigi prende le sue decisioni all’unanimità. Per raggiungere questa comprensione, Casa Rosada avrà bisogno dell’aiuto del FMI: i membri del suo consiglio di amministrazione sono, allo stesso tempo, i paesi partner dell’Argentina nel club.

anche lei Kristalina Georgiev Nel loro ultimo rapporto tecnico, il personale del FMI ha fatto pressioni per accelerare la definizione. “Sono necessari sforzi continui in buona fede, da parte di tutte le parti, per garantire una ristrutturazione riuscita del debito del Paris Club. Garantire che i partner internazionali rispettino i loro impegni di finanziamento è fondamentale per sostenere gli obiettivi principali del programma”, ha affermato l’amministratore delegato.

READ  Ordinano la carcerazione preventiva di un messicano accusato di essere un prestanome della segretaria di Kirchner

In una lettera allegata di Sergio Chodos dentro personale In un rapporto pubblicato venerdì, il funzionario ha confermato: “Le nostre autorità hanno ripreso i negoziati con il Club di Parigi e il nostro obiettivo è raggiungere un accordo nei prossimi mesi, sulla base di un piano di rimborso coerente con la nostra capacità di rimborso e sostenibilità del debito.

Massa cerca di chiudere la porta della trattativa e della ristrutturazione del debito con il Club di Parigi come terzo passo nel processo di ridiscussione delle passività in valuta estera intrapreso dal governo della Repubblica araba d’Egitto. Alberto Fernandez Tra gli obbligazionisti privati ​​in primis e poi il Fondo Monetario Internazionale.

Il team economico argentino ha preso contatto con le autorità del Club di Parigi durante l'ultima riunione annuale del Fondo monetario internazionale a Washington
Il team economico argentino ha preso contatto con le autorità del Club di Parigi durante l’ultima riunione annuale del Fondo monetario internazionale a Washington

Più della metà del debito dell’Argentina verso il Club di Parigi è concentrato in due paesi: Germania (37%) e Giappone (22%). Seguono i Paesi Bassi (circa l’8%), la Spagna (6,68%), l’Italia (6,29%) e gli Stati Uniti (6,28%).

Nel 2014 il governo Cristina Kirchner Ho firmato un accordo firmato che include un reso $ 9,69 miliardi Tra cinque anni, a maggio 2019. Complessivamente, circa 5 miliardi di dollari Il capitale è stato maturato mentre il resto (circa $ 4.700 milioni) è stato generato da interessi su queste passività e multe accumulate negli anni.

Attualmente, il Club di Parigi è composto da Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Corea del Sud, Paesi Bassi, Norvegia, Russia, Spagna, Svezia e Svizzera. . , il Regno Unito e gli Stati Uniti, che rappresentano quasi il 60% del PIL mondiale.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | Affermano che più di 100 civili sono stati evacuati dalle acciaierie di Mariupol

Prima di dimettersi dal Palacio de Hacienda, Martin Guzman Ha affermato di aver avanzato un’intesa tecnica con quell’organizzazione nella capitale francese per ottenere nuove condizioni e un nuovo tasso di interesse.

Continuare a leggere: