Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Clima dell’epoca: Si discute di cliniche e ticket prepagati e ci sono già gli psicologi blue dollaro

Clima dell’epoca: Si discute di cliniche e ticket prepagati e ci sono già gli psicologi blue dollaro

Domani i rappresentanti degli ospedali britannici, tedeschi e australiani, del sanatorio Mater Dei e di tutte le cliniche aderenti ad Adecra, la camera dei centri medici privati, si incontreranno per discutere della crisi del settore in generale e di un tema specifico: Quanta differenza può essere addebitata ai tuoi pazienti indipendentemente dal pagamento anticipatoQuesto è qualcosa che alcuni hanno già cominciato a fare, affrontando così una crisi che durava diversi anni e metteva in pericolo il sistema: Se le condizioni non cambiano, l’Argentina crollerà negli interessi Ed è molto probabile che tra qualche anno si passerà a un diverso schema di lavoro. Sarebbe la fine del servizio sanitario privato così come lo si intendeva fino ad oggi.

Il colpo finale potrebbe essere stato il congelamento delle tariffe prepagate, qualcosa che il governo ha ordinato una settimana fa e finalizzato sabato, con il ritorno delle Ettore Dyerleader della Sanitation Union, alla Conferenza di New York.

L’incontro più importante si è svolto il giorno precedente con la partecipazione del Ministro dell’Economia, Sergio MassaTutto ha portato all’impegno di congelare i prezzi da ottobre a dicembre, costringendo le aziende prepagate a pagare la metà dei costi per le cliniche, prevedendo aumenti salariali per i lavoratori e offrendo un’agevolazione fiscale per le aziende con piani di pagamento fino a dicembre 2025, cioè fino a quando nel prossimo governo.

“Lo chiuderemo almeno fino a ottobre e vedremo cosa succederà alle elezioni”., hanno detto a questo giornale in anticipo. Tutto è rischioso. E i meno convinti al riguardo sono i centri di erogazione dei servizi, che rappresentano il collegamento più importante con i medici che soffrono di una continua perdita di stipendio. E il pioniere dell’anticonformismo di questi tempi è stato lui Ospedale del SudChe venerdì ha sorpreso con un comunicato che avvertiva di costi aggiuntivi. “Cari pazienti” ha presieduto il testo e ha annunciato che, data la situazione economica, cominceranno a chiedere “vincoli contributivi per il tempo di cura” secondo questi valori: da lunedì 4 settembre, interventi ambulatoriali, 15.000 pesos; interventi chirurgici senza ricovero ospedaliero $ 20.000; ricovero ospedaliero $ 20.000; parti o tagli cesarei, $ 20.000; Emodinamica programmata $ 10.000 ed endoscopia $ 10.000. Da lunedì 11 settembre saranno inoltre necessari 3.000 dollari per le visite ambulatoriali e da lunedì 18 settembre 4.000 dollari per le visite di emergenza.

READ  L'influenza della robotica e dell'estetica futuristica sulla moda italiana

Questo passo, al quale hanno aderito altre cliniche e discusso con molti operatori del settore, ha incoraggiato alcuni medici. Ad esempio, per quelli Sanatorio della Trinidad de San Isidroche ha chiesto la stessa misura in una dichiarazione rilasciata domenica. “L’elevata inflazione da diversi mesi, il significativo deprezzamento della valuta avvenuto pochi giorni fa e il pagamento delle nostre parcelle dopo due o tre mesi della nostra clinica (consultazioni di procedure diagnostiche/chirurgiche), che, ad esempio, Per le visite mediche si aggira tra i 1.000 e i 1.500 pesos argentini, equivalenti a 2,5 dollari.E dicevano che la nostra perseveranza nella professione, la responsabilità e la professionalità che Ippocrate giurava avremmo ottenuto dopo tanti anni di studio, non è proprio possibile.

Ma il pagamento anticipato non è d’accordo. E ieri, dopo un incontro in cui si è analizzata l’esclusione dei prestatori di servizi che avevano aderito, hanno cominciato a fare pressioni per cancellare i ticket. “La fretta dell’ospedale australiano”In una di queste aziende hanno convinto l’offerente a sospendere la procedura per una settimana.

Gli imprenditori sanno che l’accordo raggiunto con Massa non è definitivo e non sono sicuri di poterlo rispettare. Claudio BellocopetIl capo della Federazione Argentina della Salute, esploso di rabbia due giorni fa quando le misure all’estero lo hanno sorpreso, è tornato in quel momento urgente e ha tenuto diversi incontri questa settimana. Non appena hanno saputo che il governo intendeva congelare i prezzi, le case di cura e le case di cura hanno deciso di incontrarsi martedì, invitando i loro avvocati a preparare ricorsi di protezione che fino ad ora non avevano, ma non hanno escluso. Anche.

READ  Prosegur lancia un programma di benessere fisico ed emotivo per i suoi 150.000 dipendenti - RRHH Press

La crisi in questo settore esiste da diversi anni, ma negli ultimi due mesi ha subito un’accelerazione drammatica. Quando l’economia non si adegua al prezzo, lo fa al volume, e questo è ciò che ha iniziato ad accadere poiché i costi erano molto più alti di quelli che i fornitori addebitavano ai loro pazienti. La carta prepagata ha un’altra capacità. Per ora dal punto di vista finanziario: ricevono il compenso dai loro affiliati nei primi giorni del mese e pagano la copertura per le cliniche per un periodo da 30 a 90 giorni a seconda dell’azienda, una lacuna che con gli interessi attuali consentono. Per sfruttare il flusso di investimenti. La tesi a favore del pagamento anticipato è che ha sempre funzionato in questo modo; Centri di interesse, che sono meccanismi applicati quando la fatturazione avviene su carta, con il tempo necessario.

La conseguenza più evidente di questa crisi colpisce i medici, un settore che da troppo tempo è in disparte. Questo è il motivo per cui ottenere ruoli è molto più difficile. Secondo un sondaggio della Confederazione Medica della Repubblica Argentina, a giugno quest’anno il 15% dei professionisti aveva rinunciato alle cure prepagate e gli specialisti stimano che questa cifra potrebbe superare il 35%.

A Prepaid dicono che se ne vanno solo i professionisti più esperti. Ma un semplice giro per le cliniche rivela una sorta di deficit: chi, essendo i più esigenti, ha la possibilità di farsi pagare fuori dal sistema, se ne va.

ogni pezzetto di salario basso che, a volte, Stanno spingendo i più giovani a tentare la fortuna con la chirurgia plastica o, come si dice in gergo, a mettersi “nell’industria”. Cioè ai laboratori. Un medico che lavora in una delle cliniche più importanti chiede tra i 1.500 e i 2.400 pesos per una visita. Lo stipendio del capo dei servizi di un importante sanatorio della città di Buenos Aires è di 700.000 dollari netti al mese. “Ovviamente non si guadagna da vivere, lo fa perché gli dà prestigio”, ha detto il direttore di uno di questi centri di cura. Se, ad esempio, deve vivere solo con ciò che gli procura il pagamento anticipato, il chirurgo traumatologo che lavora nell’ospedale riceverà 50.000 pesos per un intervento al ginocchio. Per il parto, circa 85.000. Per quanto riguarda la neurochirurgia, che è un’operazione molto complicata, chiedono 70.000 pesos. “I chirurghi sono fuori casa da molto tempo”, dicono nel settore.

READ  Spiritualisti, streghe e guaritori: la guarigione nelle aree grigie della medicina

La distanza tra costi e prezzi si allarga. A partire da luglio, secondo i dati del settore, i sanatori avrebbero dovuto aumentare le prestazioni del 35,7% per raggiungere l’equilibrio. Come pubblicato in Nazione Fabiola Chubag, un sondaggio condotto lo scorso anno dalla Plata Medical Association ha indicato che circa un medico su quattro (26,4%) soffre di grave affaticamento.

Gli psicologi, alcuni dei quali hanno iniziato a cercare di uscire rapidamente, dovrebbero riassumere queste prove: Hanno già annunciato tramite WhatsApp ai loro pazienti che non solo non si presenteranno con il prepagato, ma che da settembre la visita costerà 10 dollari.. “Al prezzo del blu” spiega il testo. tempo monsonico.

Ulteriori informazioni sul progetto di fiducia