Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Ci hanno offerto di viaggiare con i feriti”.

“Ci hanno offerto di viaggiare con i feriti”.

Irene ha 19 anni ed è arrivata a Bari il 7 marzo, dove aveva intenzione di fare uno stage: «Non ci hanno avvisato di nulla».

“Non ci hanno avvisato di nulla”, dice Irene, una studentessa madrilena bloccata a Bari a causa della pandemia di coronavirus. Arrivò in Italia il 7 marzo, quando in Spagna ancora si parlava di influenza e si tenevano in considerazione l’anamnesi e l’età dei morti. “Ci hanno detto che ci sono problemi nel nord Italia, e che ci sono alcune città interessate dai controlli”, racconta dalla città costiera nell’est della penisola. “Siamo venuti in silenzio.”

Il suo progetto era quello di completare la formazione obbligatoria “per il titolo di Assistenza alle Persone Dipendenti”, e gli studi di livello intermedio presso l'IES Ciudad Escolar di Madrid, con una borsa di studio ottenuta con un collega. . . “Siamo in una trappola per topi”, dice. “Il consolato ci ha informato che c'era una nave in partenza da Roma diretta a Barcellona. Ma come si arriva a Roma, se tutto è bloccato e tagliato fuori? Riferendosi ai 500 chilometri da percorrere per raggiungere la capitale: «Non ci danno soluzioni». “La polizia può fermarci, può cancellare i treni. Non sappiamo cosa fare.”

La nave salpò senza di loro. E aggiunge: “Il consolato ci ha informato che dobbiamo firmare un documento che autorizzi il viaggio con pazienti affetti da coronavirus sotto la nostra responsabilità”. Sono stati rilasciati per essere riportati in patria. “La prima cosa che ci hanno detto è che era tutto sotto controllo. “Allora abbiamo dovuto trovare una vita.”Irene, che ha 19 anni e vive “da sola in studio”, spiega.

Il consolato a Napoli e l'ambasciata a Roma hanno inviato l'informazione tramite una email alla quale questo giornale ha potuto accedere. La crociera per Barcellona è partita “il 24 marzo alle 22,15 dal porto di Civitavecchia”. Nel testo si spiega come ottenere i biglietti, «con allegato l'avviso di rimpatrio». “Non sembrano informazioni molto sicure.” C'era anche un documento che permetteva loro di spostarsi nel Paese: “Non è più consentito l'accesso ai collegamenti”.

READ  Felix Gonzalez, vicedirettore medico di Miranza a Madrid

“Non dormo”

La sua famiglia lo accoglie “regolarmente”. “A volte mi viene da piangere e posso raccontare molte cose di quello che sta succedendo – dice suo padre, che lavorava per un'azienda farmaceutica -. Conosco Fernando Simón”. Soffre di insonnia. “Non riesco a dormire leggendo le notizie e cercando di trovare una soluzione In modo che mia figlia possa tornare in Spagna.”

Erin invia e-mail all'ambasciata e al consolato “per iscritto” e non riceve risposta in cambio. “Ci hanno detto che avrebbero iniziato dai cittadini che non hanno risorse, ma da qualche giorno non abbiamo più notizie”. A Irene è stato consigliato di aspettare mentre guardava l'altro Erasmus tornare a casa. “Alcuni studenti di Siviglia hanno lasciato il Paese. Quindi gli aerei sono atterrati a Siviglia. Nessun aereo è tornato a Madrid. Penso che dovremo aspettare qui perché ciò accada.”

Il loro ritorno era previsto per il 20 giugno. “Alcune aziende offrono di cambiare la data dei biglietti.” L'attesa è lunga. “Ho l’incertezza”, decide. Nel Sud Italia la gente è nervosa. “Non derubano più i supermercati: derubano la gente con i sacchetti della spesa. Se ti sentono parlare spagnolo si allontanano. Mio padre consiglia di uscire in gruppo per fare la spesa. C'è molta insicurezza”, insiste. richiedente.

Restituire il sussidio?

Hanno ricevuto in anticipo “l’80% del contributo”, ovvero circa 5mila euro. «Il restante 20% ci viene pagato al termine del periodo formativo», che non è ancora iniziato. “Non abbiamo mai potuto. L'insegnante ci ha detto che non potevamo andare al centro dove avremmo dovuto lavorare. Siamo venuti con un obiettivo che non saremmo stati in grado di raggiungere.” Puoi perdere il corso. “Forse possiamo farlo da settembre a dicembre, Ma non ho potuto iscrivermi ad altri studiAd esempio, questo è quello che volevo.”

READ  Science Law and Tax Reform, un'opportunità per promuovere la ricerca e lo sviluppo nel settore delle biotecnologie

I soldi della borsa di studio li aiutano a superare questi giorni. “Paghiamo l'appartamento e il cibo, almeno abbiamo abbastanza per quello. Nessuno ci dice niente”, Se dovremo restituirlo oppure no, se dovremo restituire ciò che restaE il. Niente”.

Erin sente che sono stati dimenticati. “Non ci muoviamo, sono tranquillo, non penso molto, sto cercando di fare alcune cose, è una situazione strana e difficile, non so quando potrò tornare a casa. ” Non abbiamo alcuna soluzione.”

“Hanno il nostro sostegno”

“Quando se ne sono andati, avevamo tutti le stesse informazioni su ciò che stava accadendo”.«Quattro a Bari e due a Genova», spiega Miguel Angel Sánchez, direttore dell'IES Ciudad Escolar, che ha inviato sei studenti in Italia. “Abbiamo appreso la notizia in tempo reale. Se ne sono andati prima che noi in Spagna conoscessimo l'entità dell'epidemia.”

“Non possono sentirsi soli. Da qui, Noria, la coordinatrice del programma Erasmus+, lavora ogni giorno per offrire loro soluzioni affinché non si sentano impotenti. Comprendiamo la situazione di Irene e le sue lamentele, ma i nostri studenti non sono soli.” L'insegnante avverte. Ha ammesso che stavano valutando la possibilità di sospendere il programma. “Ci causa problemi. Gli altri istituti non lo fanno. Non ne avremo bisogno. Lo facciamo per il bene degli studenti.”

A causa della mancanza di soluzioni, il direttore del centro non è d'accordo. “È difficile. Sì, le soluzioni ci sono. Siamo riusciti a far uscire dall'Italia altri studenti. Devono prendere la decisione degli adultiSono maggiorenni. Se preferisci restare lì finché non passa o rischiare di viaggiare attraverso tre aeroporti diversi in un momento difficile. Infatti, l’ambasciata ci ha detto che se hai un alloggio garantito, non è il momento di trasferirti”.

READ  Cambiano la formula che aggiorna le tariffe dei farmaci prepagati | diario koyo

Dice: “Partiranno sicuramente con le loro qualifiche. Non dipende da noi, dipende dal ministero, ma questa è la mia sensazione”. Per quanto riguarda i soldi per le borse di studio, crede che “non ci saranno problemi”. L'istituto si è offerto di pagare le spese. “Non abbiamo molte risorse, ma se ne hanno bisogno sanno già: Possiamo pagare le tue spese se hai bisogno di tornare in Spagna. “Non restituiranno il contributo”, spiega il direttore dell’istituto, “potrebbero attivare la clausola di forza maggiore già riconosciuta”.

Miguel Angel Sanchez è preoccupato per i suoi studenti. “Stanno vivendo una situazione tragica. Cerchiamo risposte. Anche noi siamo colpiti. Abbiamo un legame emotivo e comprendiamo la disperazione. Tutto è amplificato”.

Dal Dipartimento di Stato si parla di “emergenze consolari”. Restano attivi i numeri telefonici del Consolato a Bari e dell'Ambasciata di Spagna a Roma.