Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chi è Enrico Bucci, lo scienziato accademico di rilevamento delle frodi che ha messo in dubbio i dati del vaccino Sputnik V.

File foto: fiale vuote della seconda dose di vaccino Sputnik V (Gam-COVID-Vac) prese all’ospedale San Martin, La Plata, Argentina, 21 gennaio 2021. Reuters / Agustin Markarian / File foto / File foto

Siamo molto preoccupati per la disponibilità di dati per la comunità scientifica per trarre le loro conclusioni.. I ricercatori russi affermano che i dati non verranno condivisi prima del completamento del processo e solo con il consenso delle parti coinvolte, compreso il cosiddetto dipartimento di sicurezza. Lo scambio di dati è uno dei pilastri principali dell’integrità investigativa e non dovrebbe essere condizionato ”. Questo è l’inizio della ricerca scientifica pubblicata su un rinomato quotidiano. Rivista scientifica The Lancet e firmata da diversi ricercatori indipendenti Interrogazione di dati e informazioni mediche dalla terza fase dell’esperimento Il vuoto di Sputnik.

Uno degli scienziati firmati è il biologo italiano Enrico Pucci. È professore di ricerca presso la Temple University di Filadelfia, negli Stati Uniti, e ha un’azienda che scopre plagi e comportamenti scorretti che compromettono l’integrità scientifica.

Bucci è un biologo italiano che attualmente lavora negli Stati Uniti.
Bucci è un biologo italiano che attualmente lavora negli Stati Uniti.

Pucci si è laureato in biologo nel 1997 S Dopo due anni di studio in Germania, ha conseguito il dottorato di ricerca in Biochimica e Biologia Molecolare nel 2001. Dal 2006 al 2008 è stato responsabile della ricerca e sviluppo nel Canavese Bioindustrial Park, Italia. Nel 2016 ha fondato Resis Srl, Una società dedicata a promuovere l’integrità della ricerca nella comunità accademica e privata. Inoltre, da quell’anno, è stato assistente professore di biologia dei sistemi presso la Temple University di Filadelfia. Come studioso, Pucci è autore di quasi 80 articoli su riviste peer-reviewed e due capitoli in due libri diversi. Il suo lavoro nel campo dell’integrità scientifica è stato trattato in numerose riviste nazionali e internazionali, tra cui natura.

READ  Gli spagnoli iniziano a programmare e sviluppare software durante la pandemia

Dopo aver trascorso più di 20 anni nella ricerca biomedica e diversi anni dopo aver indagato sulla frode scientifica e sviluppato nuovi programmi per scoprirla, Mi sentivo abbastanza sicuro da portare un nuovo servizio sul mercato. Sono il direttore di Resis “, dice Pucci in un mini curriculum sul loro sito web. Resis è una piccola azienda tecnologica con un piccolo team tripartito di un gruppo internazionale di consulenti, tra cui programmatori, consulenti legali, specialisti forensi e molti scienziati.

Bucci fornisce diversi servizi e consulenze professionali, quali:

Servizi di integrità dei dati e plagio: I documenti scientifici a volte contengono errori grossolani nei dati, nell’analisi o nel testo, dovuti a errori onesti oa frodi intenzionali. Combinando gli strumenti IT con la conoscenza dei nostri esperti, scopriamo potenziali problemi per editori, riviste accademiche, istituzioni accademiche, enti pubblici e industria. Controlliamo: Manipolazione dell’immagine inappropriataE il Fabbricazione di numeri e manipolazione di statistiche Spoofing testi

Fornire consigli su potenziali casi di cattiva condotta: Le università, le istituzioni scientifiche e gli uffici governativi spesso mancano delle definizioni, dei regolamenti, dei quadri legali e delle tecnologie necessarie per affrontare la cattiva condotta accademica. Sulla base della nostra vasta conoscenza, aiutiamo a risolvere casi e ad attuare procedure e linee guida corrette per mitigare i rischi futuri di cattiva condotta. Abbiamo esperienza con problemi che includono: Organismi accademici e scientificiE il Agenzie scientifiche S governi.

Bucci è specializzato nel rilevamento di frodi accademiche
Bucci è specializzato nel rilevamento di frodi accademiche

Istruzione e difesa: Educare la prossima generazione di ricercatori, aiutare i ricercatori senior a implementare una pipeline di integrità dei dati appropriata e implementare tecnologie appropriate: questi sono tutti passaggi fondamentali per migliorare la riproducibilità e l’affidabilità della scienza. Inoltre, stiamo raggiungendo il pubblico in generale sull’integrità scientifica, come parte di un ampio sforzo per ripristinare la fiducia nella comunità scientifica. Di solito siamo attivi in: Insegnamento di corsi universitari sull’integrità della ricerca e la comunicazione in incontri e forum S Comunicazione nei media

READ  I casi di coronavirus aumentano dell'8%; Vaccinazione del 29% della popolazione

Ricerca sulla cattiva condotta scientifica: Quanto sono inaffidabili i dati pubblicati? Quanti scienziati tradiscono? Quali tecniche possono essere sviluppate per rilevare e prevenire la manipolazione fraudolenta? Crediamo che solo la scienza possa fornire le risposte corrette. Questo è il motivo per cui partecipiamo a progetti volti a costruire strumenti migliori e studiare la frode nella scienza. Le principali aree di interesse attivo per la Resis srl sono le seguenti: Ampia analisi di documenti scientificiE il Analisi delle immagini per il rilevamento delle frodi S Etica della ricerca scientifica

Domande per le sperimentazioni cliniche dello Sputnik V.

Abbiamo effettuato diverse richieste indipendenti per accedere al set di dati non elaborati, ma non hanno mai ricevuto risposta. Nonostante i suddetti problemi e la mancanza di trasparenza, i risultati provvisori del processo di fase 3 dello Sputnik V1 sollevano ancora una volta serie preoccupazioni “. uno studio Pubblicato Scritto da Pucci e colleghi di The Lancet.

La seconda preoccupazione citata dall’inchiesta evidenzia Protocollo di prova. I ricercatori di Sputnik V riferiscono che tre analisi ad interim sono state aggiunte allo studio il 5 novembre 2020, ma questo cambiamento non è stato registrato in ClinicalTrials.gov. Sfortunatamente, pertanto, il protocollo completo dello studio non è stato reso pubblicamente disponibile La base di questo cambiamento è sconosciuta“.

EFE / EPA / YURI KOCHETKOV / Archivo
EFE / EPA / YURI KOCHETKOV / Archivo

Un altro punto di preoccupazione sul protocollo di studio riguarda il reclutamento e la randomizzazione dei pazienti. Secondo il profilo dello studio, sono stati selezionati 35.963 individui e 21977 individui sono stati selezionati in modo casuale. Il record del 20 gennaio 2021 afferma che sono stati registrati 33.758 pazienti. Quest’ultimo numero dovrebbe essere uguale al numero di partecipanti selezionati o selezionati in modo casuale. Cosa c’è di più, Non ci sono informazioni sul motivo per cui 13.986 partecipanti sono stati esclusi. Secondo il file di scansione.

READ  Corona virus in Spagna oggi in diretta | Restrizioni, incidenza, decessi, epidemie, vaccini e le ultime notizie

La terza preoccupazione riguarda Dati e risultati numerici riportati. Gli autori dello studio – ci sono nove scienziati qualificati: Enrico M. Pucci, Johannes Berkhoff, Andrei Gilbert, Gauri Gopalakrishna, Raphael A. Calogero, Lex M Potter, Konstantin Andreev, Florian Nudet e Vasily Vlasov – affermano di aver trovato le seguenti incongruenze in i dati.

Pucci è Professore di Biologia Molecolare a Philadelphia, USA.
Pucci è Professore di Biologia Molecolare a Philadelphia, USA.

I rapporti del gruppo vaccinato il giorno 20 indicano più persone rispetto al giorno 10, ad esempio informazioni mancanti per 100 partecipanti al giorno 10 o se i partecipanti si sono registrati dopo il giorno 10; Il numero di partecipanti che segnalano diverse coorti di età da vaccinare non viene aggiunto al totale riportato. “Con tali incongruenze, mettiamo in dubbio l’accuratezza dei dati riportati “. Confermano.

Hanno concluso: “Chiediamo ancora una volta di avere accesso ai dati da cui derivano le statistiche, per un esame più attento. Invitiamo nuovamente i ricercatori a Rendere pubblicamente disponibili i dati su cui basano le loro analisi. “L’accesso al protocollo, alle sue modifiche e alle cartelle cliniche dei singoli pazienti è essenziale, sia per chiarimenti che per una discussione aperta di tutte le questioni”.

Continuare a leggere:

The Lancet ha avvertito che il vaccino Sputnik V, stadio 3, non è stato segnalato
L’insolita risposta della Russia alle obiezioni di Lancet alle segnalazioni di Fase III del vaccino Sputnik V.