Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bruxelles approva i bilanci della Spagna, definiti “contrattuali” | Economia

La Commissione europea elogia i progetti di bilancio della Spagna per il 2022. Gli piace che abbiano seguito il suo consiglio di “sostenere la ripresa attingendo ai finanziamenti del Recovery and Resilience Fund” e che mantenga l’investimento. Sottolinea inoltre che, essendo uno dei paesi con un debito elevato, è uno dei pochi paesi che riducono la propria spesa ricorrente. Tuttavia, la valutazione dei bilanci dei paesi dell’UE rivelata mercoledì si concentra anche sul fatto che i conti del governo di Pedro Sanchez sono “contrattuali”, il che è particolarmente sorprendente quando la Spagna è il paese che lascia il paese di più. Lentamente.. la crisi sarà l’ultima a tornare al livello in cui si trovava prima dell’arrivo del coronavirus. Solo altri due partner (Slovacchia e Malta) hanno un budget limitato.

Bruxelles chiede che i bilanci del prossimo anno stimolino la spesa pubblica per uscire dalla crisi, anche se non in modo omogeneo per tutti gli Stati membri. Per chi è arrivato alla crisi del coronavirus con conti pubblici più in forma e meno oneri di indebitamento, invita a investire con risorse proprie. Per chi invece è arrivato con un’alta responsabilità (Spagna, Italia, Belgio, Portogallo, Francia e Grecia) peggiorata ulteriormente con l’epidemia, chiede che questo sostegno arrivi, soprattutto, dal Fondo per la ripresa e la resilienza. . E non abbassare il livello di investimento. Tuttavia, allo stesso tempo, chiede loro di bilanciare il difficile in modo che le loro condizioni finanziarie non si deteriorino.

Guardando il livello del debito pubblico in Spagna […]Oltre alle misure di sostegno al bilancio, è importante mantenere una politica fiscale prudente per garantire conti pubblici sostenibili nel medio termine”. essere visto come uno dei tre paesi che lo ha ridotto nel 2022, insieme a Slovacchia e Malta. Le fonti dell’autorità spiegano che questa riduzione è dovuta al fatto che diverse misure promosse nel 2020 e nel 2021 per combattere il collasso economico causato dall’epidemia scomparire o declinare. Dall’altra parte della Spagna compare l’Italia, che riceve un serio monito ad aumentare la propria spesa di 1,5 punti di PIL.

READ  Le vendite di fiori all'estero sono cresciute del 38% e i maggiori acquirenti sono stati Stati Uniti, Paesi Bassi e Canada | Economia

Oltre alla retorica che chiede di preservare o promuovere gli investimenti, nelle dichiarazioni private si può vedere il cambio di paradigma, finora, tra la fine di questa crisi e la precedente e come Bruxelles si comporta in modo quasi opposto. Che la commissione ha rivelato questo mercoledì. Se nell’ultimo decennio c’è stato un impegno di austerità da parte della capitale europea – e da Berlino – ora è il sindacato stesso che sostiene la spesa pubblica. La Spagna è un ottimo esempio nel 2022: ha preventivato di investire due punti di Pil che saranno finanziati quasi interamente dal Recovery Fund.

Ma la valutazione fatta dai tecnici dell’esecutivo della società ha un aspetto paradossale nel caso spagnolo. Conferma di preservare gli investimenti ricorrendo alla sicurezza europea e sottolinea la sua cautela finanziaria. Tuttavia, sottolinea, nella prima frase della sua analisi, i conti pubblici che in questi giorni hanno l’approvazione alla Camera dei Rappresentanti si stanno “restringendo”. Quasi nessun altro paese europeo ha ottenuto questo risultato, solo la Slovacchia e un po’ di Malta. Dall’altro, la maggior parte dei conti pubblici allargati, con l’Italia in testa.

Questo risultato “deflazionistico” è piuttosto sorprendente, perché la Spagna è il paese che ha subito il calo più profondo nel 2020. E, a differenza della crisi precedente, non è uno dei paesi a uscire più velocemente. Al contrario, le previsioni pubblicate dalla Commissione Europea due settimane fa indicavano che sarebbero quelle che avrebbero poi riguadagnato il livello di attività perso dal Corona virus.