Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

CEOE chiede maggiore flessibilità nella gestione dei fondi europei

La mancanza di flessibilità nell’amministrazione centrale e tra le diverse amministrazioni pubbliche è uno dei motivi addotti da datori di lavoro e sindacati alla luce del basso tasso di attivazione degli attuali bandi per l’attuazione dei fondi europei. È la tua reazione al sapere l’apprezzamento fatto da Funcas, che hanno pubblicato ieri avanguardia , indicando che ha solo inviti aperti per il 21% di tutti i fondi di riscatto pianificati quest’anno. Nello specifico, è stato fissato a 5.700 milioni di euro.

Gli amministratori delegati sono particolarmente preoccupati per “la frustrazione per la lentezza con cui il denaro entra nell’economia reale nelle aziende”, secondo Luis Socias, capo dell’Ufficio progetti europei. A questo effetto si aggiunge il rischio di un rallentamento del ritmo di ripresa.

“Sarebbe un grave errore non utilizzare tutte le risorse fornite dai fondi”, afferma Sanchez Lieber.

Una critica ai datori di lavoro è che non è garantito l’equilibrio tra grandi progetti di trasformazione con bandi specifici destinati alle PMI e ai lavoratori autonomi. “Vediamo solo piccole, piccole chiamate, per importi inferiori, è difficile implementare denaro in questo modo”, afferma Sosias.

Un altro punto che risalta è la necessità di migliorare la flessibilità dei sistemi amministrativi, e citano come modello il Decreto 36/2020 per le misure urgenti di ammodernamento della pubblica amministrazione e l’attuazione del piano di risanamento, che affermano non essere attuato perché è vietato sul tavolo del Congresso.

Dai datori di lavoro spagnoli è stato citato un esempio concreto della mancanza di flessibilità. L’auto elettrica PERTE è stata lanciata a luglio, ma le chiamate sono state fatte solo per elementi minori, non per la linea di base del progetto

READ  Spagna, il paese europeo in cui i marchi offrono i maggiori sconti sulle vendite di auto

Da parte sua, Josep Sanchez Lieber, presidente di Foment del Tribal, ha avvertito che “il governo ha la responsabilità di utilizzare tutte le risorse che il denaro mette a disposizione”. “Non farlo sarebbe un errore amministrativo molto grave”, ha detto.

Il presidente dell’Associazione catalana dei datori di lavoro ha osservato che fin dal primo momento al governo è stato chiesto di seguire l’esempio dell’Italia, in cui è stata creata un’agenzia indipendente per accelerare l’elaborazione dei fondi, una proposta che non è stata presa in considerazione. Allo stesso modo, ha chiarito che la scorsa settimana lui e Nadia Calvino, Senior Vice President e Ministro dell’Economia, hanno sollevato la necessità di accelerare le chiamate e il processo di aggiudicazione. La sua tesi è che la procedura dovrebbe essere veloce e trasparente e che dovrebbero essere coinvolti anche gli imprenditori. “Ora sono necessari molti passaggi amministrativi, il che rende difficile l’attuazione del progetto”, ha avvertito.

D’altra parte, da CC.OO. È necessaria una maggiore partecipazione alla gestione di questi fondi. Ritengono che una delle ragioni della stagnazione sia la mancanza di partecipazione degli agenti sociali, che sono semplicemente informati, ma non di più. “Man mano che gli agenti sociali sono più coinvolti, è più facile per le aziende essere più attente”, afferma Vicente Sanchez, segretario delle trasformazioni strategiche del sindacato, e aggiunge che la riforma del lavoro e la riforma delle pensioni hanno una grande visione, ma non il resto, non si negozia o partecipare.

Un altro elemento indica l’ignoranza di qualcosa di nuovo, come l’arrivo di questi soldi, che può essere risolto solo pubblicando una pagina web. Al tavolo delle trattative sul piano di rilancio, che venerdì ha incontrato i ministri delle zone economiche con i vertici degli agenti sociali, hanno già formulato una richiesta di maggiore partecipazione.

READ  I fondi ProA Capital e Artá ​​competono per acquistare Cardiva per guidare il mercato spagnolo delle forniture mediche