Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Brasile: Lula e Bolsonaro si mescolano e danno ancora | Dopo il primo turno delle elezioni e in arrivo alle urne il 30 ottobre

da San Paolo

Brasile È un colosso complesso, come un gioco mecano in cui non tutti i pezzi stanno al loro posto. elezioni in primo round Credevano in due impressioni. Il potere distorsivo dei sondaggi d’opinione ha alimentato l’epica convinzione del Labour in una rapida fine del ciclo di estrema destra. Non è stato così, e la produzione dell’autobiografia che ha dato a Lola la nomination del vincitore di oltre il 50%, ha funzionato in un modo. L’ipotetica vittoria senza un secondo turno, anche la vittoria effettiva di oltre cinque punti percentuali, si è trasformata in un senso di disagio che sicuramente sarebbe scomparso sulla strada per 30 ottobre.

La differenza con il progetto del presidente Jair Bolsonaro I voti che ha ottenuto è che la percezione della sua sconfitta non è venuta dall’immaginazione dei consiglieri. È un fatto concreto. Perse la formula militare che aveva completato con il generale in pensione Walter Braga Neto e le sue forze subirono un duro colpo.

Niente è definitivo nei prossimi giorni, è vero. Ma Lula ha già iniziato a incoraggiare alleanze politiche con i partiti dei senatori Simon Tibet e Ciro Gomez.E il MDB e PDT. Ci aveva provato il secondo, il suo ex ministro e forse il rivale che lo ha aggredito di più in campagna elettorale Marina Silva. Il leader ambientale ha partecipato con lui al governo durante il primo governo nazionale del Partito Laburista. Ieri, in un incontro con i giornalisti in questa città, ha dichiarato: “Per ora avremo bisogno di tutti. E lui lo sa”, quando ha accennato a uno dei perdenti più famosi alle elezioni, ha relegato al quarto posto.

Le autorità laburistiche e i loro alleati hanno iniziato i loro incontri in modo che il punto e mezzo mancato a Lula la seconda domenica fosse la maggioranza che avrebbe garantito la vittoria a fine mese. Con il 48,43% dei voti il ​​suo vantaggio su Bolsonaro (43,20) supera i cinque punti. Queste percentuali rappresentano 6.187.171 voti in più per nominare il leader storico, oggi si è spostato più al centro per polarizzazione e perché dovrà affrontare ancora una volta quello che chiama “il presidente del genocidio”. Per il suo ruolo poco brillante e cinico durante la pandemia che ha ucciso quasi 700.000 brasiliani.

READ  50 anni dopo lo scatto della foto, la 'Napalm Girl' del Vietnam ha terminato le cure per le sue ferite

Esci dalla tua zona di comfort

Sul quotidiano Polista Fulha, uno degli editorialisti più esperti, Igor Gelo, ha osservato che non sarebbe bastato a Lola continuare a parlare di “amore” e che avrebbe dovuto lasciare la sua zona di “comfort”. La verità è che dovrà consolidare la sua base elettorale in mezzo classe media urbana, soprattutto negli stati sudorientali e meridionali del Paese, dove le elezioni sono state negative, ad eccezione di Minas Gerais. A questo ha contribuito un altro specialista in analisi elettorale, il giornalista Thomas Truman della Fondazione Getulio Vargas La sfida ora per i consiglieri è trovare il ‘voto nascosto’ per Bolsonaro che non sono stati ricevuti negli ultimi mesi. Forse un voto imbarazzante”.

cazzo L’estrema destra avanza Che l’attuale presidente rappresenti sfacciatamente su scala planetaria è il problema più grande. La sua interpretazione è quasi un semplice fatto. Bolsonaro per il Brasile è quello che Donald Trump è per gli Stati Uniti o Santiago Abascal da Fox alla Spagna. Oggi è a capo di un paese con una popolazione di circa 214 milioni di persone. Per la prima volta nella storia, ha avuto un tasso di crescita demografica negativo nel 2021 a causa della politica ufficiale durante lo tsunami di Covid-19.

Tuttavia, uno dei maggiori responsabili della catastrofe umanitaria della pandemia, Ministro della Salute, il generale in pensione Eduardo Pazuelo, Alle elezioni è stato il secondo deputato I più votati Rio de Janeiro. Questo è un esempio che illustra la complessa geografia del voto brasiliano. La stessa disumanizzazione è stata applicata al voto in una città meravigliosa non più piena di magia – come dice la canzone popolare – ma di milioni di volontà che hanno accompagnato Bolsonaro, il funzionario sanitario e candidato governatore che si candidava alla rielezione. Claudio Castro, avvocato e cantante gospel, ha ottenuto circa il 60 per cento dei voti. La percentuale che il presidente militare si aspettava di essere eletto non era sufficiente.

READ  Dopo il licenziamento di Boris Johnson, la corsa per succedergli è diventata tra i finalisti

Lula affronterà il suo terzo ritorno al governo nel contesto sfavorevole di Stati densamente popolati come Rio de Janeiro, dopo due mandati presidenziali e all’età di 76 anni. Tre giorni prima della sua seconda trasformazione, avrà settantasette anni. Ma la sua immagine biologica non riflette la sua vitalità, la sua attrattiva e la sua capacità di integrarsi con le persone e raggiungere l’elettorato che aspira ancora a penetrare. Dieci anni più giovane, Bolsonaro viaggia nei suoi frequenti raduni motociclistici e, se si permette di esagerare, forse i chilometri che il suo avversario ha percorso in molte campagne politiche per più di tre decenni.

Questa seconda polemica elettorale determinerà il destino del Brasile per i prossimi quattro anni, Getta affermazioni accurate e non verificabili che non lasciano in buona luce il politico di estrema destra. In termini di elezioni vinte nel 2018, ha perso quasi sette milioni di voti. Era lontano dalle aspirazioni della maggior parte dei suoi elettori incondizionati che si vantavano nei giorni precedenti al voto che Bolsonaro avrebbe ottenuto il sostegno di 70 milioni di brasiliani. Che tutta la vita è un sogno, sogni, sogni… dirà Calderon de la Barca.

Un altro fatto. Lula ha aggiunto 25 milioni di voti in più rispetto a nominare il suo potenziale erede politico, Fernando Haddad. Nel 2018, quando lo tsunami dell’ex capitano e del gradito vice del dittatore ha spazzato via tutte le aspettative elettorali, il Labour sembrava essere diretto a un declino irreversibile. Con i risultati pubblicati domenica, questa situazione non è più possibile. Nonostante Lula e la composizione delle sue forze disperse, la simpatia della sinistra che lo rispetta come un alleato e l’illusoria convivenza della sua ala destra, dovrà trovare un equilibrio per continuare a crescere verso l’apice dell’appuntamento.

Ieri i 4,6 milioni di follower dell’ex presidente su Twitter hanno controllato dove si propone di andare in questo momento cruciale: “Aumenteremo il nostro vantaggio nel Nordest, a Minas Gerais. Visiterò più regioni. E il mio consiglio è: da domani ci saranno meno chiacchiere tra noi e aumenterà il dialogo con l’elettorato. Parleremo con chi sembra non piacerci, spesso a causa di notizie false”.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | Mosca ha dichiarato un cessate il fuoco a Mariupol per evacuare i civili

Lola Era più ottimista di quanto lo fosse stata lei domenica sera e ha lasciato una dichiarazione potente:Siamo esperti nel vincere le elezioni del secondo turno. Abbiamo un programma nazionale, un dibattito sulla questione climatica, per opporsi all’attuale presidente. La creazione di posti di lavoro, SUS (Unified Health System), ha discusso molte questioni che devono essere discusse”.

Mentre il leader laburista inizia a trasferire alte dosi di umore elettorale nella sua lotta, per mantenere e aumentare ciò che ha ottenuto, il suo avversario al secondo turno è già uscito per mostrare la strada verso dove andrà nei prossimi giorni. Con l’apparato statale a sua disposizione, continuerà a distribuire assistenza sociale, Là dove la predicazione delle tenebre non si diffondeNemmeno con il sostegno del suo gregge di pastori evangelici che la pensano allo stesso modo. i settori più svantaggiati.

Il giorno dopo che è stato confermato che sarebbe stato al secondo turno, il suo governo si aspettava che avrebbe spinto il pagamento del piano di aiuti brasiliano all’undicesimo di questo mese. Doveva svolgersi il diciottesimo. Lusso a pieno regime, come quello della sua potente moto Triumph con cui percorre le autostrade di questo colosso latinoamericano. Sicuramente più tardi sentirà la sensazione che la strada lo riporti indietro. Con i sondaggi che lo mostrano perdere senza possibilità di rivincita il 30 ottobre, non vuole sapere nulla. Ma Lula non dovrebbe fidarsi di loro a causa della vittoria fallita che hanno esposto nei media. Le previsioni delle precipitazioni di San Pablo hanno raggiunto esattamente ciò che i consulenti non potevano fare.

[email protected]