Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elezioni in Brasile: Simone Tebet afferma che la decisione di sostenere Lula o Bolsonaro al ballottaggio è “già fatta” | Si è classificato terzo con il 4,16% dei voti

Con gli occhi già puntati sul ballottaggio 30 ottobre in BrasileE il Il senatore e candidato alla presidenza del Movimento democratico brasiliano Simon Tibet ha annunciato che la decisione su quale candidato sostenere “è già stata presa”. Poi ha detto: “Ho una posizione e parlerò al momento opportuno”. Elezioni domenicali Un senatore del partito dell’ex presidente Michel Temer e del vicepresidente Dilma Rousseff fino a quando l’impeachment lo ha lasciato alla presidenza.

In qualità di senatore dal 2015, Tebet ha votato per mettere sotto accusa Rousseff e si è ripetutamente opposto alle rivendicazioni territoriali indigene, oltre a criticare la negazione della pandemia da parte di Bolsonaro.

Tebethche riunisce anche il sostegno del mondo finanziario e dei media, come la grande serie O Globo, È arrivata al terzo posto con il 4,16 per cento, con circa 4,9 milioni di voti, che determinerà il secondo turno tra Lola da Silva S Jair Bolsonaro. Così, ha rimosso PT Cerro Gomez (3,05%), una figura importante nella politica brasiliana negli ultimi decenni, al quarto posto.

Spero che capiscano che questo non è solo un momento in Brasile. È importante che le persone dormano e guardino i risultati in ogni caso, è tempo di prendere una decisione e agire”.Il Tibet ha avvertito. “Purtroppo abbiamo visto che la polarizzazione ideologica sta contaminando l’anima del popolo brasiliano”, ha detto la senatrice dopo un’elezione in cui è emersa come figura politica in un Brasile pericolosamente diviso, con l’estrema destra sostenuta dall’elezione di Bolsonaro.

Il Tibet e la sua nomina

La candidatura del Tibet, figlia del famoso senatore Ramiz Tabet, è stata accompagnata da una coalizione composta dal Partito socialdemocratico brasiliano.all’ex presidente Fernando Henrique Cardoso, di cui è co-fondatore Gerardo Alckmin, vicepresidente in carica di Lula.

Nacque a Tres Lagoas, nello stato del Mato Grosso do Sul, Il senatore ha guadagnato slancio, soprattutto nei dibattiti presidenziali. Davanti alle telecamere, Tebet si è confermato sostituto tra Bolsonaro e Lula, che si incontreranno in un serrato secondo turno il 30 ottobre. Senza nulla da perdere, è stata più aggressiva con entrambi i candidati ed è persino apparsa il suo status di femminista per rispondere agli attacchi misogini di Bolsonaro, nonostante si sia pronunciato contro il diritto all’aborto.

Essere femminista significa vincere come un uomo. Il mio femminismo è molto diverso dal tuo concetto di femminismo. Ci scusiamo per la tua visione selettiva. Difendo la vita. Il femminismo in Brasile non può essere inteso come un’agenda di sinistra, ma come un’agenda cristiana‘, ha rassicurato il Tibet rispondendo alle critiche mosse dal reverendo Célmon Luis da Silva, anche lui candidato alla presidenza, nell’ultimo dibattito presidenziale poche ore prima del primo turno.

La Tibet, figlia del famoso e ormai defunto senatore Ramiz Tibet, ha iniziato a tracciare la sua carriera alla presidenza durante la commissione d’inchiesta aperta contro Bolsonaro in Parlamento per la sua gestione della pandemia, che ha provocato la morte di quasi 700.000 persone nel Paese. Durante la campagna elettorale, la senatrice ha sottolineato il fatto di essere una donna e una parlamentare esperta e ha concentrato le sue proposte sull’istruzione e la lotta alla fame, che è aumentata drammaticamente negli ultimi anni in Brasile durante il governo Bolsonaro.

Nonostante sia proprietario di grandi piantagioni, il Tibet ha sostenuto nella campagna un progetto agricolo “sostenibile”, compatibile con l’ambiente, ed è stato favorevole a “nessuna deforestazione”. Tebet, che raccoglie consensi anche dal mondo della finanza e dei media, come la grande serie O Globo,

Fondato nel 1980, quando il Paese era ancora sotto il dominio di una dittatura militare (1964-1985), MDB è uno dei partiti storici del centrodestra ed è sempre stato una sorta di credente negli equilibri politici brasiliani. Tuttavia, dal 1989, quando si sono svolte le prime elezioni dirette dopo la dittatura, ha governato solo due volte e in entrambi i casi a seguito di gravissime crisi.

Nel 1992 lo ha fatto con Itamar Franco, che, come vicepresidente, ha sostituito il presidente Fernando Collor de Mello dopo le sue dimissioni in mezzo a scandali di corruzione. E la storia si è ripetuta nel 2016, quando ancora oggi Michel Temer, uno dei più grandi mentori del partito nonché suo vicepresidente, è entrato in carica dopo la destituzione della socialista Dilma Rousseff, dopo un processo politico promosso dalla stessa ADB.

Temer è stata una figura di spicco alla convenzione che ha annunciato la candidatura del Tibet e, come leader del partito, l’ha incoraggiata a “difendere la pacificazione nazionale” e “porre fine a tutte le ostilità”, che è “ciò che la società vuole”. “Brasiliano”.

La caduta di Gomez

L’ascesa del Tibet portò anche al declino di Gomez, il principale rivale di Lula nel campo progressista e con il quale parte dell’elettorato si oppose. Il candidato del Partito d’azione democratico (PDT), riferimento storico del centrosinistra, aveva aspirato per la quarta volta alla presidenza del Brasile, ma la sua nuova candidatura non ha avuto successo. Gomez, che era ministro di Lula e non nasconde il suo odio nei confronti del leader del Partito Laburista, ha perso in queste elezioni gran parte del suo capitale politico, dopo aver ricevuto solo 3,5 milioni di voti, rispetto ai 13,3 milioni che aveva ricevuto nel 2018, quando finì. Al terzo posto.

Durante la corsa alle elezioni, il laburista ha affermato di essere stato vittima di una campagna “immorale” nei suoi confronti per favorire l’ex sindacalista, con il quale ha tagliato tutti i rapporti alla vigilia della campagna 2018, quando era un ex sindacalista . Incarcerato per corruzione. Gomez ha cercato di sostituire Lula come candidato laburista, non ha avuto appoggio e si è licenziato, in una campagna in cui era, come ora, duro con la sinistra come con l’estrema destra, che ha finito per portare Bolsonaro al potere. Dopo il voto di domenica, Gomez è venuto a proporre la fine della sua carriera politica con una frase rocciosa: “Forse è ora di prendersi cura della mia vita”.

A causa dell’affinità ideologica, si ritiene che gli elettori di Gomez preferiranno un candidato come Lula al secondo turno. Mentre parte della base elettorale tibetana è favorevole a Bolsonaro. Tuttavia, dato quanto accaduto in altre elezioni nella regione, è impossibile prevedere con precisione il comportamento degli elettori.

continua a leggere:

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | La prima nave carica di grano ucraino è partita dopo l'accordo