Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Attraverso il telescopio James Webb, la NASA ha confermato l’esistenza di un esopianeta sconosciuto

L’esopianeta LHS 475 b ha un diametro molto simile alla Terra (Immagine per gentile concessione della NASA)

Questa settimana, i ricercatori responsabili Telescopio spaziale James Webb confermato l’esistenza di A esopianeta che fino ad allora era sconosciuto. Due delle caratteristiche principali è che orbita attorno a una stella diversa dalla stella stessa sole, in un processo di due giorni, e ha un clima caldo. il LHS 475bcome lo chiamavano scientificamente, hanno un diametro quasi identico a quello del TerraSecondo quanto affermato dagli esperti Contenitorel’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese.

Questo è fantastico Trovare In una conferenza stampa tenutasi presso l’American Astronomical Society (AAS) il Mercoledì 11 gennaio. Lì, è stato riferito che LHS 475 b si trova a 41 anni luce dal nostro pianeta, in particolare nella costellazione ottano. Gli specialisti hanno monitorato attentamente questo obiettivo dopo aver ricevuto i dati dagli esopianeti sul Transit Survey Satellite della NASA. Utilizzando lo spettrometro nel vicino infrarosso di Webb (NIRSpec), sono bastate solo due osservazioni per confermare le informazioni.

Uno degli specialisti incaricati di questo lavoro, Kevin Stephenson – membro dell’Applied Physics Laboratory della Johns Hopkins University nel Maryland, USA – ha spiegato: “Il fatto che si tratti di un pianeta piccolo e roccioso è impressionante per l’osservatorio. ” Uno dei colleghi di Stevenson, un fisico applicato Jacob Lustig-Yeger, ha aggiunto: “Non c’è dubbio che il pianeta esista. I dati originali di Webb lo confermano.

Gli astronomi non hanno ancora studiato se questo esopianeta abbia un'atmosfera
Gli astronomi non hanno ancora studiato se questo esopianeta abbia un’atmosfera

Come hanno dimostrato le osservazioni, LHS 475 b ha caratteristiche simili alla Terra in termini di dimensioni e superficie terrestre. Tuttavia, gli scienziati stanno ancora chiarendo se questo esopianeta abbia un’atmosfera, qualcosa che non sono stati in grado di confermare utilizzando il telescopio Webb. “I dati dell’osservatorio sono bellissimi. Il telescopio è così sensibile che può facilmente rilevare un’ampia varietà di particelle, ma non possiamo ancora trarre conclusioni definitive sull’atmosfera del pianeta”, ha detto Irene May, un altro membro del team.

READ  La straordinaria funzione di WhatsApp che pochissimi sanno cosa sta dicendo la voce senza suonarla

“Ci sono alcune atmosfere terrestri che possiamo escludere”, ha spiegato il già citato Lustig-Yaeger. Ha aggiunto: “Il fatto è che questo pianeta al di fuori del sistema solare può avere un’atmosfera densa dominata dal metano, simile all’atmosfera della luna di Saturno, Titano”.

Da parte sua, Mark Clampin, direttore della divisione di astrofisica presso il quartier generale della NASA a Washington, ha osservato che “i risultati della prima osservazione di un pianeta roccioso delle dimensioni della Terra aprono la porta a molte possibilità future per lo studio dell’atmosfera. Webb. Questo telescopio ci avvicina più che mai alla comprensione di nuovi mondi simili alla Terra oltre il sistema solare, e la missione è solo all’inizio”.

Il James Webb Telescope ha rivoluzionato il campo dell'astronomia grazie ai risultati senza precedenti che consente
Il James Webb Telescope ha rivoluzionato il campo dell’astronomia grazie ai risultati senza precedenti che consente

Lanciato poco più di un anno fa, il James Webb Space Telescope è il più grande e potente del suo genere. È senza dubbio un manufatto che ha rivoluzionato il campo dell’astronomia, qualcosa che non solo si riconosce nelle testimonianze di chi lavora nel campo, ma anche nei progressi che ha permesso di fare. Ad esempio, la combinazione di un grande specchio e della visione a infrarossi ha reso più facile osservare galassie antiche e lontane che gli astronomi non avevano mai visto prima; cercare segni di vita e abitabilità; e lo studio della chimica cosmica e dell’evoluzione delle galassie, tra gli altri punti.

“Il significato di James Webb è che si tratta di un telescopio che osserva la radiazione infrarossa, con diverse telecamere che suddividono la luce in diversi spettri e poi la analizzano in profondità”, ha osservato. infobae Diego Pajo, astronomo della Scuola di Scienze Astronomiche e Geofisiche dell’Università Nazionale di La Plata ed ex direttore del planetario dell’istituto.

READ  Identifica la vulnerabilità associata al bluetooth che può essere utilizzata per tracciare i dispositivi

Poiché funziona nell’infrarosso anziché solo nella luce visibile, questo telescopio può penetrare nei campi di gas stellari che spesso rendono difficile osservare le stelle e le galassie in modo più accurato.Parlando matematicamente di come si comporta l’universo, è possibile calcolare approssimativamente la distanza degli oggetti osservabili , con un margine minimo di errore”, aveva aggiunto Pajo.

Continuare a leggere: