Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alberto Fernandez ha partecipato a un forum con Joe Biden e ha chiesto supporto nei negoziati con il FMI | “È essenziale che i debiti da rimborsare siano sostenibili”.

Davanti agli occhi del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Alberto Fernandez ha insistito sul fatto che l’Argentina aveva bisogno di “maggiore flessibilità in termini di termini e tassi” per far fronte al debito con il Fondo monetario internazionale (FMI). Durante un forum alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), il presidente ha osservato che “sostenibilità ambientale e sociale vanno di pari passo” e che è essenziale per i paesi in crisi che il debito con le organizzazioni multilaterali sia “sostenibile”. In precedenza, nella sua ultima presentazione alla sessione plenaria del Summit, aveva proposto “la creazione di meccanismi di pagamento per i servizi ecosistemici”.

In un evento dal titolo “Unlocking the Global Commitment on Methane”, coordinato dal suo omologo nordamericano, il capo di Stato argentino ha invitato la “sensibilità” della comunità internazionale “a superare l’ostacolo dell’indebitamento esterno” e ha sottolineato che il suo Paese è “pronti a legare parte dei pagamenti a indispensabili investimenti in infrastrutture verdi” “E’ fondamentale che i debiti da rimborsare siano sostenibili per garantire una solida ripresa economica con l’inclusione sociale”, ha affermato, facendo eco alla richiesta di Papa Francesco di “globalizzazione di solidarietà».

Di fronte ai rappresentanti delle grandi potenze economiche, Fernandez ha ricordato il credito senza precedenti – 57 miliardi di dollari – che il FMI ha concesso all’amministrazione Campimos e il debito che il Paese sta ora rinegoziando: il FMI è dedicato a tutti i paesi del mondo che combattono la pandemia . Ciò significa che metà del budget che il mondo ha impegnato per affrontare il cambiamento climatico deve ancora essere raggiunto”. e tassi, per far fronte a questo debito.” .

READ  Hanno trovato i corpi dei passeggeri dell'aereo scomparso nella Russia orientale

Avendo previsto che l’economia argentina crescerà del 9% quest’anno, Fernandez ha confermato che il Paese è pronto a “legare parte dei suoi pagamenti a investimenti essenziali in infrastrutture verdi”. “Il futuro sta nello sviluppo di un’economia con conoscenze e capacità tecnologiche, adattando la sua matrice di produzione all’idrogeno – tra le altre fonti di energia rinnovabile – e scommettendo sulla mobilità elettrica”, ha affermato. Ha così ribadito uno degli assi della proposta nazionale di legare la tutela dell’ambiente alla capacità di crescita dei Paesi debitori, e ha ringraziato “gli sforzi della comunità internazionale per la storica emissione dei Diritti Speciali di Prelievo (DSP) da quando il Fondo Monetario Internazionale con l’Unione Europea.” Lo scopo è superare gli effetti dell’epidemia”.

In precedenza, nella sua recente presentazione al vertice dei leader della COP26, Fernandez ha ribadito che l’SDR dovrebbe essere utilizzato per concludere un “grande patto di solidarietà ambientale” che includa paesi a basso e medio reddito che estendano le scadenze per il debito contratto e ottengano tassi più bassi. Ha anche spiegato in questo contesto che l’epidemia ha messo in luce una crisi globale che colpisce “la società, l’economia e l’ambiente” e ha approfondito i divari esistenti tra paesi sviluppati e paesi poveri.

In questo contesto, il Presidente ha chiarito che affinché il vertice non si limiti a essere una diagnosi e rimanga a parole, l’Argentina propone la creazione di un comitato politico e tecnico sulla finanza climatica “con la partecipazione paritaria dei paesi sviluppati e in via di sviluppo “. che “traccia una tabella di marcia su come mobilitare i fondi necessari tenendo conto di responsabilità comuni ma differenziate”, indebitamento e problemi strutturali. “Dobbiamo impegnarci per contributi tangibili che devono essere accompagnati dalla loro attuazione che ci permetta di muoverci verso un’economia pulita, con meno carbonio e resistenza agli effetti del cambiamento climatico”, ha spiegato.

READ  Un professore ed economista turco al MIT ha spiegato perché l'Argentina ha fallito più e più volte

Ha anche avvertito che “l’impatto sulle risorse e sui beni naturali condivisi sta oltrepassando i confini che pongono sfide specifiche che devono essere affrontate”. Ha osservato che “paesi come l’Argentina, attraverso i loro ecosistemi, sono un supporto per i mezzi di sussistenza dell’intero pianeta, contribuendo in modo decisivo alla sicurezza alimentare globale”.

Impegno argentino

A dimostrazione dell’impegno del suo governo nei confronti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e dell’Accordo di Parigi, ha affermato: “Abbiamo aumentato il nostro contributo nazionale determinato (NDC) del 27,7% rispetto al 2016 e abbiamo assunto il nostro impegno a favore di investire e sviluppare le filiere produttive nazionali per andare avanti con una matrice energetica inclusiva, stabile e sovrana, sostenibile e federale; e promuoviamo un complesso produttore e fonte di idrogeno come nuovo vettore energetico”, tra gli altri punti. “Chiediamo di rispettare gli impegni e gli impegni assunti dalle economie avanzate e garantire l’accesso a 100 miliardi di dollari stanziati per promuovere l’azione per il clima”, ha affermato il capo di Stato. “E’ ora di agire, facciamolo insieme”, ha concluso.

In questo scenario, l’Argentina ha firmato ieri il Global Commitment on Methane, una proposta promossa da Stati Uniti, Unione Europea e loro partner volta a ridurre le proprie emissioni per combattere il riscaldamento globale e ridurre il riscaldamento globale. Il documento è stato firmato da più di 100 paesi che rappresentano il 70% dell’economia globale e circa la metà delle emissioni di metano di origine antropica.

Ha inoltre firmato un accordo per fermare e invertire la deforestazione indigena e il degrado del suolo. Questo impegno, con scadenza al 2030, è stato annunciato come uno dei risultati tangibili del Vertice. Nel suo discorso alla plenaria della COP26, Fernandez ha predetto che avrebbe intrapreso “un’azione profonda per sradicare la deforestazione illegale, classificandola come un crimine ambientale”. Il capo dello Stato ha descritto questi sviluppi come “concreti” e “concreti” e ha sottolineato che ratificano l’impegno dell’Argentina nella lotta globale contro il cambiamento climatico.

Indietro

Dopo quattro giorni di viaggio, ieri alle 18:50 in Scozia (15:50 in Argentina), il Presidente e la First Lady, Fabiola Yanez, hanno iniziato a rientrare a Buenos Aires con gran parte della delegazione nazionale. il ministro dell’Economia Martin Guzman; Segretario per gli Affari Strategici, Gustavo Pelez; Continueranno a Roma per continuare a negoziare il debito con il Fondo Monetario Internazionale. Nel frattempo, i ministri dello sviluppo produttivo, Matthias Colvas; e ambiente, Juan Cabandié; Rimarranno al vertice, che si concluderà il 12 novembre.