Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alberto Fernandez è tornato a casa dopo il G20 e la COP 26

Presidente Alberto Fernandez Sono partito oggi alle 18:50, ora scozzese (15:50 in Argentina), per un volo per Buenos Aires, dopo aver partecipato alla G20 e a Glasgow, in Scozia, dalla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26).

Il volo dell’Argentine Airlines è partito dall’aeroporto internazionale di Glasgow ed è arrivato all’aeroporto internazionale Ministro Pistarini, a Ezeiza, Buenos Aires, domani, verso le sei.

Fernandez è in viaggio con la First Lady Fabiola Eze; Ministri degli Affari Esteri, del Commercio Internazionale e del Culto, Santiago Cafiero; Agricoltura, allevamento e caccia, Julin Domnguez; Ambasciatore argentino negli Stati Uniti e sherpa al G20, Jorge Arguelo.

Segretario per le Relazioni Economiche Internazionali, Cecilia Todesca; portavoce Gabriella Cerruti; Segretario Generale della Presidenza Julio Vitubello. Il consigliere capo Juan Manuel Olmos, il consigliere presidenziale Cecilia Nicolini e il sottosegretario alla Comunicazione e stampa Marcelo Martin.

Nel frattempo, ha detto il ministro dell’Economia Martin Guzmen. Segretario per gli Affari Strategici, Gustavo Pelez; Rimasero a Roma per continuare a rinegoziare il debito con il Fondo Monetario Internazionale.

Nel frattempo, i proprietari dell’ambiente, Juan Cabande; Sviluppo produttivo, Matas Colvas; Continueranno alla COP26, che durerà fino al 12 di questo mese.

Fernandez alla COP26

Durante i vari interventi al vertice dei leader della COP26 e gli eventi di alto livello tenutisi contemporaneamente a Glasgow, il Presidente ha invitato la comunità internazionale ad attuare l’SDR in Fondo monetario internazionale Per un Grande Patto di Solidarietà Ambientale con l’obiettivo di rendere sostenibile il debito per una solida ripresa economica con l’inclusione sociale”.

Fernandez ha fatto ieri il suo primo intervento pubblico parlando all’evento di alto livello “Azione e solidarietà: il decennio che definisce”, guidato dal Primo Ministro del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Boris Johnson, e dal Primo Ministro d’Italia, Mario Draghi. Lì ha affermato che le organizzazioni di cooperazione multilaterale devono impegnare almeno il 50 percento del loro portafoglio di prestiti in misure ambientali per realizzare la transizione verso un modello di sviluppo inclusivo, sostenibile e inclusivo.

Prima della COP26, Alberto Verne

È stato il suo secondo discorso pubblico oggi a Glasgow, parlando alla sessione plenaria del vertice dei leader della COP26. Lì, Fernandez ha insistito sulla necessità che i diritti speciali di prelievo del FMI attuino un ampio accordo di solidarietà ambientale, che coinvolga paesi a basso e medio reddito che estendano i termini del debito e applichino tassi secondari.

READ  Chi è Xabi ha fatto la star italiana Tik Tok?

Nel corso della sua presentazione ha sottolineato la necessità di impegnarsi in contributi concreti, nel quadro del principio di responsabilità comuni seppur differenziate, accompagnati da strumenti per la loro attuazione. Inoltre, ha riferito che l’emergenza sanitaria in COVID-19 Non ha fatto altro che esporre una crisi molto più ampia e multidimensionale di insostenibilità e squilibrio che colpisce l’ambiente, la società e l’economia e che ha ampliato i divari preesistenti tra paesi e popoli.

Successivamente, parlando all’evento di alto livello intitolato Launching the Global Commitment on Methane, coordinato dal Presidente degli Stati Uniti, Joe Bidene il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il presidente Fernandez ha sottolineato che la sostenibilità ambientale va di pari passo con la sostenibilità sociale.

Ha sottolineato che è necessario che i debiti da rimborsare siano sostenibili per garantire una forte ripresa economica e con l’inclusione sociale, e ha chiesto, citando papa Francesco, che la globalizzazione della solidarietà si costruisca insieme, affinché quanto finora ha trionfato, globalizzazione, possa trionfare. per indifferenza.

Fernandez ha anche ringraziato la comunità internazionale per la storica emissione dei Diritti Speciali di Prelievo (DSP) dal Fondo Monetario Internazionale finalizzata al superamento degli effetti della pandemia, e ha richiamato attenzione e sensibilità per superare l’ostacolo che l’Argentina deve affrontare in termini di indebitamento estero. con il Fondo Monetario Internazionale. Farlo con successo accelererà la nostra transizione climatica.

Durante l’evento, al quale ha partecipato anche l’inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry, il presidente Fernandez ha confermato che il nostro Paese ha già preso provvedimenti sull’International Methane Emission Control Scheme.

READ  Le esportazioni crescono del 4,9% nel primo trimestre dopo il rimbalzo di marzo