Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alberto Fernandez al Vertice del Mercosur | Dobbiamo rendere forte il Mercosur.

Il Mercosur deve vivere molti più anni, deve vivere per sempre

Dopo aver evidenziato le potenzialità di un potenziale accordo regionale per esportare gas e generi alimentari, Fernandez è tornato su uno dei temi più tesi della giornata: la decisione dell’Uruguay di portare avanti un accordo di libero scambio con la Cina.

“L’unica cosa che chiedo a tutti Che non ci inganni l’idea della separazione, che non ci inganni l’idea di cercare soluzioni individualiPer elaborare un progetto tutto mio che mi raggiunga, perché tutto questo non è durato a lungo”, ha detto per primo, senza menzionare l’accordo.

In un messaggio diretto all’Uruguay, ha aggiunto: “Non mi rifiuto di analizzare tutto ciò che deve essere analizzato in quella che il mio caro Luis Lacalle Beau chiama la flessibilità del Mercosur, perché mi rendo conto che vivo in un mondo che cambia e che in questo cambiamento, stiamo camminando sull’orlo e non voglio che nessuno di noi cada fuori dall’orlo”.

“Domani è sempre meglio e possiamo iniziare a costruirlo oggi, in unità, rendendoci parte di ciò che fa l’altro”, ha detto Fernandez. Ha detto: “Non sappiamo quando finirà la guerra e quanta povertà porterà questa guerra. Quindi perché non unire le mani per renderlo il più indolore possibile?”

“Proprio come abbiamo fatto con Singapore, era possibile, se c’è la possibilità che la Cina abbia un accordo con il Mercosur, perché non analizzarlo insieme?”, ha detto. Ad esempio: “Perché l’accordo sarà più importante se includiamo 200 milioni di brasiliani”.

Proposta argentinaIn conclusione, ha detto, è “iniziare un altro Mercosur, dando a noi stessi i poteri che abbiamo e abbiamo in modo che possiamo essere tutti più potenti”.

“Vi invito a pensarci prima di pensare a quali erano i titoli di alcuni giornali un paio di anni fa quando Lewis parlava della sua idea di pensare alla Cina: ‘Il Mercosur sta morendo’. No, Il Mercosur deve vivere molti più anni e deve vivere per sempre. E l’America Latina e i Caraibi devono unirsi una volta per tutte, perché il mondo è cambiato geopoliticamente. E se non lo capiamo e crediamo che ognuno può essere salvato da solo, allora non si comprenderà l’insegnamento di papa Francesco: nessuno si salva da solo».

“Voglio una società in cui tutti vincano”

Fernandez ha osservato durante il suo discorso al Vertice del Mercosur La possibilità di produrre idrogeno verde e venderlo all’Europa. “In Argentina abbiamo già avviato un progetto da 8,6 miliardi di dollari. Abbiamo una seconda riserva di gas non convenzionale che ci consente di esportare gas in grandi quantità. Perché non iniziamo a lavorare insieme? Perché l’Argentina ha il gas e in questo modo puoi aiutare con i finanziamenti .”

READ  Tra forti accuse di brogli, il partito di Putin guidato dalla Duma di Stato mantiene il riconteggio del 60% dei voti

In tale contesto , Riconosco che ci sono “asimmetrie tra Paraguay e Uruguay per quanto riguarda Brasile e Argentina” e hanno detto che “questo deve essere risolto”.. “Perché non vediamo fare un progetto insieme come quello in Argentina ma dove siete soci e guadagnate anche? Non mi piace sfruttare l’asimmetria, voglio una società dove vincano tutti“.

“Siamo in un continente che ha ciò che il mondo sta cercando domani, e se non ci rendiamo conto che dobbiamo essere più uniti che mai, faremo gli errori peggiori”, ha insistito.

“Abbiamo una straordinaria opportunità per andare ad aiutare gli affamati”

Dato l’attuale scenario bellico, il presidente ha aggiunto: “Le due preoccupazioni principali sono dove otterremo cibo e dove otterremo energia”.

Di fronte a questo, Fernandez ha continuato, Va tenuto presente che “Paraguay, Uruguay, Brasile e Argentina sono i maggiori produttori di cibo”così “Abbiamo una grande opportunità per andare ad aiutare gli affamatise sappiamo come accettare di sfruttare l’opportunità”.

Oltre ad essere i principali fornitori di cibo, il presidente ha continuato, ‘Possiamo essere grandi fornitori di energia’ Dal momento che “Tra Bolivia, Cile e Argentina abbiamo le più grandi riserve di litio del mondo”.

Ha chiesto ai suoi colleghi: “Cosa accadrebbe se accettassimo di lavorare su un consorzio di litio che ci permetterebbe di produrre e dare al mondo il litio di cui ha bisogno e richiesto?”

“Un continente senza guerra”

In un’altra parte del suo discorso, Fernandez ha sottolineato che sebbene “viviamo nel continente più ineguale”, è “un continente senza un appello alla guerra” e “questo è un grande vantaggio per i tempi in cui viviamo”.

Eppure, “Mentre i proiettili volano nel nord, La fame vola al sud. Ha osservato che questo è ciò che non possiamo continuare a consentire. “Tutti noi, siamo parte del continente, vogliamo la pace. Ma Quello che vogliamo oltre alla pace è un continente più giustoPiù equilibrato, più equo, dove possiamo parlare di più e prendere decisioni comuni, perché il mondo a venire è il mondo delle regioni, non il mondo dei paesi”.

READ  È morto il filosofo spagnolo Antonio Escuhotado

In questo contesto, ha insistito, “dobbiamo rafforzare la nostra regione, perché E stiamo parlando di tutto questo cambiamento climatico che sta ancora accadendoE “ne soffre l’America centrale, che un tempo era regioni fertili e oggi sono regioni aride e perdute di produzione agricola”, o “i Caraibi, le cui isole stanno affondando un po’ di più ogni giorno”.

“Il mondo dovrà affrontare una carestia che colpirà 300 milioni di persone”.

“La FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura) ha annunciato un mese fa che cCome risultato di questo conflitto armato, il mondo dovrà affrontare una carestia che colpirà 300 milioni di persone. Dove sono questi residenti? “Nel nostro emisfero”, ha detto Alberto Fernandez.

“Di fronte a una tale realtà, non dovremmo vedere come ci proteggiamo, come possiamo assicurarci che non accada?”, ha chiesto.

“I paesi dell’emisfero sud sono le principali vittime”

Il capo dello Stato ha osservato che durante il vertice del G7 ha avvertito che i Paesi dell’emisfero sud “sono le principali vittime” e non sono stati chiamati a discutere della guerra tra Russia e Ucraina. “E lì hanno avuto l’intelligenza e la generosità per invitare il presidente dell’Unione africana, per invitare il primo ministro dell’India e per invitare me come presidente del gruppo latinoamericano e caraibico”, ha detto.

Ha aggiunto: “Devi ascoltare l’Europa che dice che la sua energia si sta esaurendo. Devi ascoltare l’Europa che dice che la sua inflazione sta salendo del 300, 400, 500 percento. Devi ascoltare gli Stati Uniti che dicono che la sua l’inflazione è all’800 percento. (…) Devi vedere come il carbone è improvvisamente tornato importante quando siamo venuti tutti e abbiamo parlato della necessità di questioni ambientali e ambientali”.

Ha anche affermato che “dobbiamo renderci conto del mondo in cui ci troviamo” perché se non è così, “commetteremo errori”.

“La fame ha cominciato a inghiottire il mondo intero”

Alberto Fernandez ha osservato che a causa della guerra tra Russia e Ucraina “il mondo sta vivendo un’enorme complessità”.

“Quando la Russia e l’Ucraina sono entrate in guerra, dovrebbe essere chiaro che milioni di tonnellate di grano, grano e girasoli hanno lasciato il mercato e che anche il 75 per cento dell’olio che viene consumato in Europa e che proviene dall’Ucraina è scomparso. E quella carestia cominciò ad assediare il mondo intero».

READ  Stanno testando una macchina che genererà acqua e ossigeno per i futuri residenti lunari

“La pandemia ha dato una tregua all’economia globale”

Alberto Fernandez ha avvertito al vertice del Mercosur che “la pandemia ha generato un anno di collasso nell’economia globale”. “Per un anno l’economia globale è stata paralizzata e tutti abbiamo sofferto, altri hanno sofferto di più e altri meno, ma nessuno era al sicuro”.

Il presidente ha osservato che “abbiamo iniziato a riprenderci l’anno successivo, chi più e chi meno” e che “quando la graduale ripresa ha cominciato a sembrare sostenibile, è scoppiata una guerra nell’emisfero nord che ha avuto ripercussioni per quel tempo. Siamo vivere in.”

“Sapete cosa è cambiato dalla fondazione del Mercosur? Ciò che è cambiato di più è che a quei tempi la globalizzazione era agli albori e non si comprendeva appieno la dimensione, ma oggi la globalizzazione è pienamente funzionante e cosa succede a qualsiasi latitudine in il mondo ha un effetto spietato su tutte le regioni del mondo. lo scienziato”.

“Il tempo che abbiamo avuto per giudicare è un momento molto difficile per il mondo”

“Questa occasione ci è utile per riflettere insieme sulle sfide che ci attendono come popolo dell’America Latina – ha affermato il presidente Alberto Fernandez -. Il tempo che abbiamo dovuto governare è un momento molto difficile per il mondo”.

Ha aggiunto: “Purtroppo, questo è un prodotto di ciò che il mondo ha assistito, a cui forse non tutti noi prendiamo una misura completa della gravità del problema. L’Argentina ha ereditato ciò che ho ereditato e non ti annoierò con la situazione economica ha passato e il livello di indebitamento che ha ricevuto. Ma dopo 99 giorni nella sua presidenza, ci siamo trovati con un’epidemia che ha devastato il mondo, trovandolo non protetto. Molti dei nostri paesi hanno disarmato i sistemi sanitari ed è stato necessario uno sforzo enorme per essere fatti per ricostruire quei sistemi ed essere in grado di affrontare ciò che l’epidemia ha generato”.