Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

A Tel Aviv, gli argentini si congelano mentre gli israeliani svolgono la loro routine

Tel Aviv: questa città ha visto uno dei suoi peggiori sabati negli ultimi tempi. Non sono più solo sirene, Anche i missili hanno colpito Quelli che sono arrivati ​​dalla Striscia di Gaza a causa della violenta escalation con Hamas. Tuttavia, gli israeliani cercano di riprendere la loro routine – “la vita deve continuare” – mentre lo fanno Gli argentini, che non hanno familiarità con queste situazioni, le trovano più inquietanti e dolorose.

“Quando senti le sirene e io sono solo, mi congelo. Non so dove andare e non so cosa fare. È molto strano: la mia mente è pronta per un altro tipo di realtà Come rapina o altri atti violenti“, Dice Agustina Kirsman, un’argentina di 27 anni arrivata nel Paese otto mesi fa. Si è rifugiata in questi giorni a casa del suo ragazzo, a 11 chilometri da Tel Aviv,” perché ha un bunker nel suo stesso edificio. “Sono rimasto sorpreso, come altri argentini. Vedere aziende aperte e persone che lavorano: “Tutto continua al lavoro e le persone sono ancora in strada, come se nulla fosse successo”.E lui avverte.

Jessica Nystat ha 28 anni e vive a Tel Aviv da un anno e mezzo. Ha vissuto per cinque giorni “nella paura, molto vigile e molto vigile”.Sebbene fosse in grado di mantenere una certa routine mentre continuava ad andare al lavoro. Come nel caso di molti edifici di questa città – che non sono stati costruiti con rifugi per ricevere missili -, Non sa dove andare quando sente le sirene“Vado in bagno perché è il posto meno pericoloso, perché non ci sono finestre”, spiega. Si sente abbattuta e dolorante ed è più attenta al rumore: “Sto ascoltando un’ambulanza e aspetto di vedere se è davvero così, o l’allerta”, spiega in dettaglio.

Il bagno dove Jessica Naistat si rifugia ogni volta che suona l’allarme

I cittadini di Tel Aviv non sono abituati a sparare sirene e missili, come nel sud del Paese. L’ultima volta che è scattato l’allarme qui è stato nel novembre 2019 e per una volta non ci sono state esplosioni. In pochi minuti, la vita normale è tornata e la gente accorreva a bar e ristoranti. La questione è diversa questa volta a Tel Aviv: finora, nell’escalation, sono caduti più di 400 razzi, lasciando morti e feriti sulla loro scia. Sebbene l’ultimo allarme sia iniziato mercoledì alle 13 (ora locale), le persone sono ancora in allerta, la maggior parte delle attività commerciali sono chiuse per prevenzione e solo pochi negozi sono aperti durante il giorno. Di notte il panorama cambia e le strade sono vuote. Il silenzio regna sulla città, l’allarme non si sente forte, ascoltarlo e il rifugio è la chiave per la sopravvivenza.

READ  È stato riportato che il vaccino Novavax è efficace al 90% in...

Mio figlio ha 21 anni e sta combattendo vicino a Gaza, e comunque non lo sento da due settimane So che starà bene perché l’esercito è forte“E ‘il caos e al governo non importa”, dice Moshe, proprietario di un club di feste a Tel Aviv. La sua preoccupazione principale è legata agli scontri tra arabi ed ebrei. “Questo venerdì abbiamo dovuto chiudere alle 16 perché ci sono voci che gli arabi verranno a rompere tutto “. Crede. L’escalation con Gaza continuerà per alcune settimane, ma dobbiamo continuare la routine: “Dobbiamo sempre muoverci. Non possono controllare le nostre vite”., Dado.

Il movimento delle persone oggi a Tel Aviv
Il movimento delle persone oggi a Tel AvivMichel Wigdorovitz

Avia Levi è una 29enne israeliana di Gerusalemme, ma vive a Tel Aviv da un anno. A differenza di Jessica e Agustina, ha vissuto la Seconda Intifada (“spara ogni giorno nel quartiere”) e Tsuk Eitan, il conflitto scoppiato a Gaza dopo il rapimento e l’uccisione di tre adolescenti israeliani da parte di Hamas. Tuttavia, vivi questa grande scalata “Con molta tensione e molta paura.”

“Quando è suonata la prima sirena, martedì sera, ero in strada e ho filmato tutto, e stavo correndo verso un rifugio”, ha ricordato, apprezzando la presenza dell’Iron Dome, il sistema di difesa israeliano che intercetta e salva i missili. Molte vite. Praticamente non esce in strada e soffre di difficoltà a mangiare e dormire, Guarda le notizie tutto il tempo e le traduce in spagnolo – la lingua che ha imparato da sola – “per mostrarle cosa sta succedendo al mondo e agli immigrati dell’America Latina”, con i quali è in costante contatto. Avia racconta cosa sta succedendo in spagnolo ed ebraico sul suo account Instagram, hebreoconavia.

Pagina Instagram di Hebreoconavia
Pagina Instagram di Hebreoconavia

Per quanto riguarda la differenza tra ciò che potrebbe sentire uno straniero israeliano e uno straniero latinoamericano, ad esempio, fa notare: “Chi l’ha sperimentato per la prima volta ha più paura, e alcuni israeliani sono più” abituati “o più tranquilli i loro volti da questa situazione, motivo per cui è importante informarli. Aiutarli a capire cosa sta succedendo “.

READ  L'Europa inizia a vedere la luce alla fine del tunnel con progressi incontrollati

Come Avia, nemmeno Daniel Cohen, il 28enne israeliano, è uscito allo scoperto: “Negli ultimi giorni ero molto spaventato e non riuscivo a dormire, mi sentivo depresso, Avevo paura di essere aggredito“Questo è quello che ha detto il giovane, che ha spiegato di non essere abituato al suono delle sirene. Non ha un posto sicuro in casa sua, quindi va in bagno”.

Per quanto riguarda il modo in cui crede che questo conflitto continuerà, afferma: “Si calmerà, perché Hamas ha gravi danni, ma saremo calmi per un anno o due, e Più tardi saliremo di nuovo perché è normale in IsraeleDice che i suoi amici “continuano a fare quello che vogliono perché la vita va avanti”.

Questo è lo slogan che molti israeliani hanno sentito, non solo da Tel Aviv, ma da tutto il paese: “La vita deve andare avanti.”

Konosah The Trust Project