Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sebastian Minera, 22 anni, è morto dopo aver subito un colpo al collo durante le proteste a Popayan

Centinaia di manifestanti sono scesi nelle strade di Popayan questo venerdì per respingere la presunta violenza sessuale di una giovane donna la notte del 12 maggio presso la polizia URI nella capitale, Cauca, un luogo che è stato vandalizzato per il giorno in cui diversi uomini mascherati hanno messo lei giù. a fuoco.

A causa dello stato dell’ordine pubblico, le autorità si sono nuovamente rivolte ad Asmad, che per tutto il pomeriggio si è scontrato con i manifestanti, uno dei quali era il 22enne. Sebastian Minera, Chi secondo quanto riferito è stato colpito al collo da un agente non verificato, provocando la sua morte.

Contagio Radio ha riferito che “il ragazzo di 22 anni colpito al collo da un fulmine è morto all’ospedale Susanna Lopez”. Informazioni rilasciate da El Parche Critical: “La morte di un giovane a Popayan è stata confermata dopo essere stato colpito da un lacrimogeno sul collo”..

Sui social è apparso un videoclip, in cui il giovane giaceva a terra e si gettava un pezzo di stoffa intorno al collo, e alcuni dei presenti gridavano che era stato ucciso, mentre altri cercavano di fermare l’emorragia.

Questo è il video:

“Ci rammarichiamo e rifiutiamo la morte violenta del giovane Sebastian Quintero Monera, 22 anni, avvenuta poche ore fa a #Popayan. Chiediamo calma, rispetto della vita e dei diritti umani di tutte le persone”.Ho confermato all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Juliette De Rivero.

Sulla scia delle violenze, il presidente Ivan Duque ha recentemente pubblicato sul suo account Twitter quanto segue: Ho incaricato i Ministeri della Difesa e dell’Interno di trasferirsi a Popayan e di guidare il ripristino dell’ordine pubblico nella città. Di fronte agli sfortunati eventi di un diciassettenne deceduto, è necessaria un’indagine approfondita “.

READ  Il clamore che nasconde una cattiva gestione

Una delicata denuncia di “pulizia sociale” a Popayan

Venerdì la Commissione Giustizia e Pace ha condannato un ciclo di “pulizia sociale”. Sarà pianificato con la polizia e i settori ricchi di Popayan Contro i giovani manifestanti e contadini che prendono parte alle iniziative iniziate il 28 aprile nell’ambito dello sciopero nazionale.

Consiste nell’utilizzo di auto della polizia con modifiche e mascheratura dei colori verdi e dei simboli aziendali mediante la verniciatura e la colorazione per tutti i finestrini. Nel tentativo di evitare il rilevamento, le targhe dei veicoli subiranno modifiche “., Legge la denuncia di questa organizzazione.

Hanno confermato che secondo una fonte vicina alla Fondazione di Polizia, alcuni veicoli sarebbero già stati verniciati nei parcheggi della Questura del capoluogo di provincia del Cauca, sulla 17a strada principale di fronte alla scuola INEM.

“Alcuni operai e pittori di rame sono stati portati alla stazione e costretti a svolgere il lavoro. La denunciante ha confermato che sta anche cercando imbianchini per cambiare un gruppo di auto in nere da utilizzare nei tour notturni del quartiere che si terranno a i prossimi giorni in città “.

Di conseguenza, le misure previste combineranno forme paramilitari per impedire che la polizia indagata possa essere ritenuta responsabile. Alcune azioni saranno realizzate in manifestazioni e altre in luoghi dove vivono persone che condividono espressioni di malcontento, cercando di provocare paura, paralisi e isolamento sociale “: Commissione Giustizia e Pace.

Continuare a leggere: