L’Albero delle storie compie vent’anni

Venerdì 26 gennaio alle ore 19:30 si terrà ad Acqualagna la cena solidale per i 20 anni dell’Albero delle storie, il centro socio educativo riabilitativo con sede a Cagli. Il centro, aperto dal 1998, si alimenta della sinergia sviluppata dalla cooperativa Labirinto e dall’Unione Montana Catria e Nerone. Al suo interno ospita adulti con disabilità. Alla base vi è lo scopo di costruire un progetto di vita che possa essere sia individuale che collettivo. Inizialmente partiti con semplici laboratori, l’offerta si è ampliata nel corso degli anni arrivando persino ad organizzare le proprie attività assieme ai pazienti promuovendo così una partecipazione attiva. Una struttura di questo genere richiede la nobiltà di tutti per poter continuare ad esistere: finanziamenti, leggi, cultura. L’evento sarà un’occasione per far conoscere le attività ed i progetti del servizio e vedrà l’intervento del sindaco di Acqualagna, Andrea Pierotti, dell’assessore ai servizi sociali, Sandra Marino, del presidente della cooperativa sociale Labirinto, Simona Giommi e dell’educatore coordinatore Aurelio Clementi. Il ricavato della serata sarà destinato al sostentamento dei progetti della struttura. L’auspicio per il 2018 è quello di riuscire ad inaugurare un servizio residenziale in modo da dare la possibilità ai propri ospiti di poter soggiornare direttamente all’interno della struttura durante la settimana per poi tornare dai propri cari nel weekend. Ultimo ma non meno rilevante è l’importanza che questo centro si porta con sé essendo l’unico della zona all’interno dell’entroterra pesarese. In un periodo storico caratterizzato da continui tagli ai servizi, possiamo solo immaginare cosa possa comportare la perdita dell’Albero delle storie per le persone bisognose della nostra zona che non potranno più alternare il proprio tempo tra la struttura e la propria dimora ma che saranno costrette a spostarsi in maniera quasi permanente in centri appositi assai più lontani.