Cagli, gli arcieri dell’oca sette volte sul tetto d’Italia

salus

Con i sette titoli conquistati nel campionato italiano nel tiro dell’arco tradizionale e con tanti altri successi nei tornei in cui hanno partecipato, gli arcieri dell’Oca di Cagli, rappresentano la loro città, divulgandone il nome, la tradizione e la storia. Nell’anno appena concluso è stata grande la soddisfazione dell’intero gruppo per il successo di Riccardo Barzotti nella conquista del titolo individuale di campione d’Italia. Tutto questo non fa che premiare l’impegno, la dedizione e il sacrificio che quest’attività richiede, perché oltre a essere uno sport, è un culto che ricrea l’atmosfera e le emozioni delle antiche sfide medioevali. La compagnia nasce nel 2003,  grazie alla volontà dell’associazione Giochi Storici di Cagli, che  per ricostruire fedelmente la disfida rinascimentale, hanno voluto inserire nel Palio nuovi e spettacolari giochi con arcieri, cavalieri, balestrieri e chiarine comunali. La società partecipa al campionato di tiro con l’arco indetto dalla Fitast (Federazione italiana tiro con l’arco storico e tradizionale) e allestisce spettacoli di tiri con l’arco in costume per creare quella suggestiva atmosfera nel ricordo storico della città di Cagli. Nel campionato le compagnie degli arcieri provengono da tutt’Italia e disputano la gara nei centri storici attraverso un itinerario in cui vengono posizionati i vari bersagli, per simulare i momenti della battaglia “Grande soddisfazione – dice il capitano della compagnia Goffredo Ciancamerla – per l’entusiasmo che la gente ci dimostra in ogni occasione. Siamo in continua crescita come numero di atleti che come qualità nell’attività svolta. Abbiamo in cantiere ambiziosi progetti, partendo dai corsi per l’avviamento al tiro con l’arco, che inizieranno il prossimo ottobre”. Per info www.giochistoriciagli.it  oppure 338.8713670.