Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

13 persone sono state arrestate in Francia per un duplice omicidio a Salou legato a spacciatori di Marsiglia.

13 persone sono state arrestate in Francia per un duplice omicidio a Salou legato a spacciatori di Marsiglia.

I quattro membri del comando autori del delitto, nonché una donna che fungeva da intermediario e si trovava anche lei a Salou, sono stati posti in custodia cautelare, mentre gli altri, ritenuti complici, sono stati posti sotto sorveglianza.

Un'operazione congiunta ha permesso di giungere sul posto alla polizia francese e ai Mossos d'Esquadra Arrestate 13 personetra cui i quattro presunti autori di A Doppio omicidio commesso nel maggio 2023 a Salou (Tarragona) nel contesto di una guerra tra bande legate al traffico di droga a Marsiglia.

Lo hanno rivelato lunedì in una conferenza stampa tenuta dal procuratore di Marsiglia Nicolas Besson e dal vicepresidente della Commissione generale di investigazione penale di Mossos Juan Carlos Granja Figueras.

“Apprezziamo di aver perseguito i quattro membri del commando responsabili dell'omicidio di Salou”, ha detto lunedì il pubblico ministero, sottolineando che l'età dei 13 detenuti variava tra i 19 e i 55 anni, sebbene la maggior parte di loro avesse tra i 20 e i 55 anni. . 25.

Beeson ha sottolineato che esiste Otto donne Tra i detenuti, sono tutti sospettati di appartenere al gruppo Questa è come una mafiaSi tratta di una competizione nelle guerre interne tra le bande del clan Yoda, a cui appartengono le due vittime.

Tutto ciò evidenzia il fenomeno giovanile e la femminilizzazione della criminalità organizzata, fenomeno che considero nuovo.

Sono entrati in scena i quattro membri del comando autori del delitto, oltre ad una donna che fungeva da intermediario e che era presente anche lei a Salou. Prigione preventivaMentre gli altri ritenuti complici sono presenti Libertà sotto controllo.

READ  In migliaia a Roma hanno protestato contro il passaporto sanitario

Tra loro ci sono tre donne che hanno contribuito alla fuga di tre membri del commando e della persona che ha fornito loro l'appartamento in cui si erano rifugiati nel sud della Francia.

L'indagine è iniziata subito dopo l'uccisione di due uomini avvenuta il 3 maggio 2023 davanti a un hotel a Salou. Lasciato da sconosciuti Che è fuggito a Marsiglia con un'auto rubata.

I Mossos d'Esquadra, la polizia francese e la Procura della Repubblica denunciano un'operazione contro la mafia marsigliese

Il perimetro di sorveglianza ha permesso di localizzare l'auto con la quale si erano rifugiati nell'area di servizio dell'autostrada AP7 in direzione della Francia, e di arrestare uno dei commando che le aveva appena dato fuoco.

All'interno hanno trovato Due armi da fuoco corte, un'arma lunga e due granate.

Le indagini portarono subito a Marsiglia. Tra la polizia francese e Mossos d'Esquadra è stata avviata una linea di cooperazione che ha portato, nell'ambito di Eurojust, alla formazione di una squadra investigativa comune il 26 luglio.

Per otto mesi gli agenti di entrambi i lati del confine hanno tenuto riunioni operative e condiviso informazioni che hanno portato all'identificazione dei responsabili del duplice omicidio e dei loro complici.

Il pubblico ministero ha insistito sull'”eccellente collaborazione tra la polizia francese e i Mossos d'Esquadra” e ha sottolineato che essa deve continuare perché “la Catalogna potrebbe fungere da retroguardia per le bande marsigliesi” che, come dimostra il duplice omicidio di Salou, potrebbero commettere crimini in altre regioni: “I criminali non si fermano ai confini dei Pirenei.”

Pertanto, questa cooperazione è il futuro e la chiave lotta alla criminalità organizzata, – ha osservato Besson.

READ  Il dono crudele di Robert O'Neill, l'uomo che ha ucciso Osama bin Laden

La procura di Marsiglia, che un anno fa dichiarò guerra alle bande di narcotrafficanti che affliggono la seconda città più grande della Francia, ha affermato che l'operazione Salou rappresenta un “prima e un dopo”.

Da un lato, questo doppio crimine dimostra “la capacità di queste organizzazioni (criminali) di formare rapidamente una leadership, emergere all’estero e assassinare membri di spicco del clan avversario”.

Lui ha sottolineato che fino ad allora le vittime di questo regolamento di conti erano solo dei piccoli criminali.

Inoltre, secondo il Pubblico Ministero, il duplice delitto di Salou dimostra che: DZ Mafia ha battuto Yoda.

(Con informazioni da EFE)