Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vinile di salsa per ‘Dj Chino’ da non perdere

Cali Luis Felipe Valero, DJ Chino, è uno dei DJ di salsa più famosi al mondo e le sue presentazioni nei cinque continenti lo tengono in contatto con i nuovi campioni e le tendenze dei ritmi tropicali, non importa da dove provengano le sue canzoni. Perché la salsa non è più solo caraibica e newyorkese. Orchestre e gruppi escono dalle angolazioni più inaspettate e con il minimo pensiero di lingue, o chi può immaginare un coro di bambini austriaci che eseguono le seconde voci di un cantante d’opera a ritmo di pachanga?

Queste scoperte sono quelle che fanno parte delle raccolte musicali di molti CD di Luis Felipe Valero, ma il formato fisico che è sopravvissuto all’arrivo di iPod, lettori MP3 e ora piattaforme digitali non è altro che CD in vinile, e DJ Chino ha appena pubblicato il suo ultima collezione di salsa contemporanea Intitolata El ltimo Guiso, in questa forma tradizionale.

Perché scegliere l’acetato?

Per me è importante che i giovani si rendano conto che la musica è arrivata da questo formato e non da un cellulare, devi recuperare il suono originale con cui è stata fatta la salsa, è più fedele, più organico, devi prendetene cura e trattatela con amore.

Com’è stato il processo di selezione per questa assemblea?

Il mio lavoro di DJ mi permette di ascoltare quotidianamente tutto ciò che viene dalla musica salsa nel mondo e ho molte orchestre nella mia testa, ho parlato con i loro direttori e ho cercato di inserire gruppi non solo di salsa forte ma anche di Boogaloo, come Cuba Libre o come Caleña Song Band Orchestra; Kopari Orchestra, di Vienna (Austria), che esegue molto bene Pachanga in tedesco e con cantanti lirici; Inoltre, un’orchestra di tempere cubana e un pianista di Bucaramanga hanno considerato la salsa forte per questo album: Henri Benavides. Tutto questo nel tentativo di dare all’album diverse sfumature di salsa.

READ  Italia in lutto per la morte di Franco Patiato | Cultura e intrattenimento | Edizione America

Quali tendenze caratterizzano l’album?

L’album deve il suo nome al bolero, che si sta registrando di nuovo, ma ci sono tutte le direzioni: mambo, cha-cha-cha, sono cubani, salsa hard, salsa romantica, tra gli altri.

Puoi leggere: Zucchero! Barbie rilascia bambole in onore di Celia Cruz e Julia Alvarez

Da dove è nata l’idea di ottenere questo vinile?

Durante il lockdown dello scorso anno a causa della pandemia, ho iniziato a frequentare incontri virtuali di dj di tutto il mondo che stavano programmando vinili, concerti Covid, e ho visto che le nuove orchestre non erano rappresentate lì perché erano tutte sonorità tradizionali. Quindi, per dare una visione a questi gruppi e ascoltarli su vinile, ho creato questo album.

Qual è la tendenza più ascoltata a Cali?

Ci sono due tipi di “calis”: da Simon Bolivar fino in fondo, nella regione di Agoblanca puoi sentire tutto nuovo, trap, reggaeton, oltre ai classici, ma sono i più salceros. Da Simón Bolívar e superiori, sono più tradizionali, diciamo che sono in una zona rilassata, ma la zona è più viva e vivace, dove si sente tutto nuovo.

Si discute su un presunto torpore musicale di Cali, dal momento che non ci sono nuove proposte, o concerti, potremmo perdere il titolo di capitale mondiale della salsa?

No, Cali in termini di consumi è la capitale del mondo. Qui i più giovani hanno già ascoltato tutta la musica classica e cercano e ascoltano le nuove tendenze attraverso Internet, e le orchestre dall’Italia, da Barcellona, ​​da Bogotà e da Cali stanno spingendo molto aggressivamente il consumo di salsa. E in termini di produzioni, ci sono orchestre che fanno cose molto importanti come Son 21, Calibre, Clandeskina, Jairo Gañán e Bataklán, tra molte altre che registrano e provano in attesa che si aprano gli spazi di gioco. Purtroppo, a causa della pandemia, non ci sono spettacoli o concerti. La creatività c’è, ci sono tante nuove proposte a Cali.

READ  Didier Andres canta per le belle ragazze

DJ cinesi si sono esibiti su palcoscenici in Germania, Berlino, Belgio, Francia, Repubblica Ceca e Turchia. Partecipazione a festival riconosciuti in Europa

Dove va a finire la salsa?

L’importante della salsa è che continui a essere fatta nei posti meno attesi come San Pietroburgo, Kiev, Mosca, Barcellona, ​​Milano e Vienna; Le città da cui arriva l’orchestra con nuove esibizioni, la salsa è già stata affermata ma nuovi gruppi stanno sperimentando. Sempre più artisti vogliono fare salsa.

Cosa manca adesso alla salsa Kalina?

Sostegno da parte di tutti noi, chi l’ascolta, i ballerini, desiderosi di scoprire nuove proposte e ascoltarle dal vivo, perché è quello che vuole l’orchestra, ascoltarle dal vivo, essere curiosi, aprire le orecchie e conoscere gli altri suggerimenti.

Quali altre regioni del Paese producono la nuova salsa?

Bogotá ha un movimento salsa molto unificato con orchestre come La 33, e Medellín si batte in modo aggressivo con orchestre come Siguarajazz, che ha registrato due dischi in vinile e altre produzioni discografiche.

Perché il vinile è tornato a tutta la musica?

Il vinile è romantico, ribelle, è contro la proliferazione dei media digitali, in un formato in cui possono stare al massimo 8 canzoni di buona qualità e va contro l’idea che io sia un buon collezionista perché ho una memoria di 12 GB di musica.

Vedi anche: Jovita Vigo e il suo nuovo messaggio dietro il cambio d’abito