Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vicepresidente della Colombia nella Commissione interamericana per i diritti umani: “Se vuoi venire, nessun problema”.

Dopo la decisione della Commissione interamericana sui diritti umani (IACHR) di intraprendere una missione in Colombia, a causa delle denunce sull’abuso della forza pubblica nel mezzo delle proteste sociali, il vicepresidente di quel paese, Marta Lucia Ramirez ha detto che il paese cancella Aperto.

Dopo gli eventi all’aeroporto di Bogotà, terminati con la deportazione di Juan Graboa, la Commissione interamericana per i diritti umani ha insistito per ottenere un permesso per entrare in Colombia, da allora Comprendi che si tratta di un bisogno urgente. Ma la risposta del governo di Ivan Duque è stata smentita fino ad ora, fino al completamento delle indagini interne, che avverrà il 29 giugno.

Tuttavia, questo mercoledì, secondo El Tiempo, negli incontri che Ramirez ha avuto con i rappresentanti della IACHR a Washington, DC, USA, Il vicepresidente avrebbe aperto le porte al Paese e invitato a entrare la commissione per i diritti umani. ““Se vogliono venire domani, nessun problema”, ha detto il quotidiano colombiano.

“La Commissione interamericana sui diritti umani afferma chiaramente che mi hanno incontrato e li ha invitati a venire in Colombia non appena l’udienza è iniziata Hanno fissato la data al 29 giugno Valuteranno le informazioni che hanno richiesto all’ufficio del pubblico ministero, all’ufficio del pubblico ministero e all’ufficio del controllore “, ha detto il consigliere.

Ramirez riferisce di aver incontrato il presidente della IACHR, Antonia Origula. Segretaria Esecutiva, Maria Claudia Polido; I commissari Stuardo Rallone, Julisa Mantilla, Flavia Biovisan e Joel Hernandez; Spiritualmente Riaffermando il fermo impegno dell’amministrazione Duque a rispettare i diritti umani E con un lavoro continuo per il rafforzamento istituzionale.

La vicepresidente e ministro degli esteri della Colombia Maria Lucia Ramirez.

La Commissione interamericana per i diritti umani aveva rilasciato la notte precedente una dichiarazione in cui insisteva Ha chiesto il permesso di visitare il paese, ma mercoledì ha preso un altro testo, Più grave, in quanto ha espresso la sua preoccupazione per le violazioni dei diritti umani avvenute dall’inizio delle proteste sociali, alla fine di aprile, da parte delle forze di sicurezza.

READ  L'Indonesia ha trovato il sottomarino disperso, frantumato sul fondo del mare: tutti i 53 membri dell'equipaggio sono morti.

Alle ripetute richieste di autorizzazione al viaggio, la Commissione interamericana per i diritti umani ha aggiunto oggi un’altra denuncia. La commissione ha concluso che le denunce riguardanti 132 persone ancora scomparse sono molto gravi e per le quali la Procura pubblica mantiene un meccanismo di ricerca urgente. La commissione ha avvertito che con il passare dei giorni queste persone continuano a scomparire, soprattutto quando sembra che alcune delle 276 disperse abbiano perso la vita.

Questo martedì, il leader sociale, Graboa, che è un membro di una delegazione di osservatori, è stato arrestato e deportato dalla Colombia, mentre stava partecipando a una missione per esplorare la situazione dei diritti umani nel contesto della recente repressione.

Sul suo account Twitter, ha detto: “L’ho arrestato e un governo autoritario lo ha attaccato di nuovo. Ora in una piccola stanza. Aspetto. I miei compagni argentini e colombiani stanno cercando di risolvere l’esterno, non abbiamo paura! La grande patria resiste. ” Ore dopo, è stato costretto a tornare a Buenos Aires.

Nazione

Konosah The Trust Project