Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vedo bene Egan che aspira al titolo Jiro: Gianni Savio

Due anni fa, quando Egan è diventato il campione del Tour de France, “Ora arriva l’era di Bernal”, ha detto il leader italiano Gianni Savio, che ha aperto le porte a Cundinamarca per unirsi al ciclismo europeo nel 2016.

E questa visione del futuro, a meno che non ne accompagni la salute, è preservata dal direttore sportivo dell’Androni Giocattoli-Sidermec, il cast in cui lo scarabeo colombiano è balzato nella massima categoria dello sport verso il Team Ineos.

Savio, parlando con EL COLOMBIANO, è stato pieno di emozione quando ha visto l’emergere di nuovi personaggi mentre presentano una scena più grande in uno sport che, dice, non richiede solo il talento per eccellere. Tra loro spiccano il belga Remco Evenepoel (Deceuninck), lo sloveno Primoz Roglic (Jumbo) e Tadej Pogacar (Emirati Arabi Uniti), ma sottolinea che se Bernal è in buona forma fisica e ha superato il mal di schiena, potrebbe essere il superiore. Loro in grandi ritorni.

Gianni, che si è rammaricato della mancanza di corridori colombiani nella sua squadra all’attuale Giro d’Italia, dice che è difficile scegliere un candidato prima delle tappe di montagna per battere la 104a edizione della Corsa Rosa, anche se non sospetta che il suo allievo Bernal ha le condizioni per combattere per posizioni onorarie.

Ci sono grandi aspettative su ciò che potrebbe accadere nel risultato finale del giroscopio. Finora, chi vedresti come un ovvio contendente per il titolo?

“Anche se ci sono già alcune mosse, non si può ancora valutare, il Giro sarà determinato nella grande salita, questo c’è da aspettarselo. Personalmente mi fido molto di Egan, sono un suo tifoso perché nella nostra squadra non abbiamo un uomo che può battersi nella classifica generale, magari con l’ecuadoregno Jefferson Cepeda, lotteremo per classificare le montagne “.

Chi vedi come il più grande avversario di Egan?

“Se Bernal risolve i suoi problemi alla schiena, sono convinto che possa vincere la gara. Vedo Simon Yates come il mio principale avversario perché nell’ultimo round delle Alpi ha fatto una grande prestazione per vincere. Tuttavia, per essere in grado di prendere una foto di Gero, bisogna aspettare la prima tappa di alta montagna (la nona tappa termina a Campo Felice. “

Ti piacciono i ciclisti colombiani, quindi perché qualcuno questa volta non si è messo in fila al Giro?

READ  Il ritorno di Ancelotti al Real Madrid: una promessa e una presa in giro? Informazioni su CR7

“Apprezzo questa domanda. Sono sincero, fino all’ultimo ho aspettato di poter portare un colombiano. Il punto è che Santiago Umpa, che considero un vero talento, ha solo 18 anni e lo chiama a questa prova. è come gettarla nella tana del leone. Può fare degli sforzi. “Violenta in una gara di quattro o cinque tappe, ma non ancora per tre settimane consecutive. Se ci danno l’opportunità di essere di nuovo lì, Umba può partecipare nel 2022 . “

E cosa è successo a Jonathan Restrepo e Daniel Muñoz?

“Con Jhonatan è stato un vero peccato perché è stato fissato per il Giro. Gli ho parlato molto, ma da quando ha preso il virus lo ha indebolito. Anche se ha iniziato la sua preparazione, gli ho detto di non forzare il suo corpo e sperare che il suo corpo risponde a ciò che ha chiesto. È andato al tour del Ruanda. Lì ha ritrovato la sua condizione, al punto da vincere una piccola porzione. Come Daniel Muñoz, che soffriva di problemi fisici, tra cui l’asma, e l’abbandono di certe razze.

Qual è la differenza al Giro dal Tour de France e dalla Vuelta a España?

“Forse il giroscopio può offrire tappe di montagna più brevi, ma più difficili, con rapporti di elevazione molto alti, che sono più del 15% della pendenza. Durante il tour, con la salita più lunga, la salita è più dolce.”

Perché il colombiano sta andando così bene al Giro?

“Per le sue caratteristiche. Formalmente, come struttura fisica, ha il prototipo di un vero scalatore. Mentre la salita è più difficile, il cavaliere colombiano rotola meglio”.

Perché i giovani motociclisti stanno facendo la differenza adesso?

“Penso che in questo ciclismo moderno ci sia più spazio per i giovani che in passato. Prima c’erano alcuni leader, che volevano tutta la squadra per sé, e al momento c’è molta libertà di azione, e è anche questione di talento nascere “.

Cosa manca nell’ultimo ciclo?

“Il pedale era più una dimensione umana, che le sensazioni. Adesso c’è molto spazio anche per il business. Anni fa le squadre erano molto alla pari. Oggi ci sono squadre stratosferiche tra gruppi WorldTour (Categoria 1) e professionisti. Io ‘ Sto parlando in cifre. Abbiamo un budget di 2,5 milioni di euro. Per ogni stagione, mentre al WorldTour hanno un budget che parte da 15 milioni e arriva fino a quasi 50. In questo caso, è impossibile per attori professionisti aspirare al titolo assoluto di Great Tour perché chi ha tutti quei soldi assume il meglio del meglio “.

READ  Confermato il primo cambio di stadio nel pieno della crisi argentina: CONMEBOL ha confermato che il Rosario Central giocherà la partita contro il 12 ottobre a Banfield.

In questo modo, lo sport è diventato più controllante quando si tratta di uscire in cerca della vittoria?

“Qualche controllo, il più forte, per fare la differenza nella parte finale della tappa, ma ci sforziamo sempre di essere campioni, attaccando da lontano per cercare di vincere. Il lavoro degli attori professionisti è cercare giovani talenti da mostrare e mostrare il loro potenziale e poi entrare in una grande squadra, come dovrebbe essere “.

Cosa ti fa innamorare di un corridore creolo per avere qualcuno nella tua squadra?

La sua capacità di difendersi in alto, perché il vero capello del ciclismo per me sono le montagne, e lì il colombiano si muove come un pesce nell’acqua. A volte sento che il Sud America ha talento ma non è una testa, che è non è vero, perché la stessa cosa accade in Italia o in Belgio o in Francia o in qualsiasi altro paese, ci sono atleti con enormi potenzialità fisiche ma nessuna mentalità. Ci sono ciclisti disciplinati e altri che non sono disciplinati, ma quello che sono sicuro è che il colombiano è un lavoratore instancabile “.

Come impieghi molti talenti per la tua squadra?

“Rispondo con una parola: passione. Questo è ciò che mi spinge e mi mantiene saldo nello sport. Nel senso migliore della parola, è una passione ridicola. Il ciclismo è la mia vita, non posso farne a meno. È quello che mi permette di combattere le avversità, e hai sempre un occhio clinico per cercare grandi orizzonti: “Ovunque ho contatti, seguo tutto quello che sta succedendo, c’è la sensazione di scoprire talenti, e poi fanno il loro lavoro”.

Cosa vedi di diverso da Egan in quel ragazzo che hai ricevuto all’età di 18 anni?

“Ovviamente sembra molto più maturo. Ma attenzione, quando era nella mia squadra ho detto che Egan aveva la stessa mentalità e l’equilibrio psicosomatico di un corridore trentenne stagionato. Non che ci fossero molte cose diverse. La sua atletica e la dimensione sociale è davvero cambiata. Ma è ancora una persona semplice di tanto tempo fa e ha un’umiltà impressionante “.

READ  Gabrielle Deek ha già sorpreso con alcuni numeri, ma gli Oklahoma City Thunder hanno subito una storica sconfitta in NBA contro gli Indiana Pacers.

Quando parli di Santiago Umpa, o di gioventù, pensi che sia inutile per un concorrente come Egan, in così giovane età, fare grandi giri anno dopo anno? Questo potrebbe influenzare la tua performance nei tuoi 30 anni?

“Certo che no, l’attuale ciclismo è più meditato e più scientifico e non influisce sulla salute degli atleti. Prima c’erano tappe molto lunghe, ora è più breve e gli schemi di allenamento sono cambiati grazie alla tecnologia, ci sono grandi professionisti dietro i ciclisti che permettono di recuperare meglio, così si può prolungare. La loro carriera “.

E nel caso dei veterani, stanno perdendo terreno nei confronti di questi ragazzi quando in precedenza si diceva che più invecchiano, meglio è a pedalare?

“I veterani sanno già che ci sono talenti per superarli, se sono intelligenti lo capiscono. Non sono invidiosi ma piuttosto lavorano per loro, sì, i più disciplinati cercano di continuare la lotta tra questi nuovi personaggi. Penso che la maturità di il ciclista è cambiato. Se sarà al meglio, tra 22 o 30 anni, i suoi dirigenti ne approfitteranno per uscire con buoni risultati e rafforzarsi “.

Cosa ne pensi ora con l’avvento di così tante meraviglie del pedale?

“Due anni fa ho detto che il regno di Bernal è iniziato dopo aver vinto il tour, e penso ancora di sì, perché se risolve il problema con la schiena, otterrà molte grandi vittorie. Devi essere realistico, e non è un segreto a chiunque al momento, Egan da solo non può fare la differenza., Perché ci sono Remco, Pogacar e Roglic, ma quando la montagna arriva e viene superata l’altezza di 2000 metri, non c’è rivale per il colombiano., Soprattutto sul grandi giostre. “

Cosa differenzia Bernal dagli altri corridori?

“Un incredibile talento fisico naturale, così come una mentalità corretta, con un equilibrio psicologico – il mio corpo che non ho visto in un altro concorrente. La sua maturità è impressionante e sono sicuro che porterà molte gioie, non mette a soffitto su se stesso, non si arrende di fronte alle avversità, non vive del passato e vuole sempre vincere sempre di più “.