Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Valentina Petrillo, la prima atleta trans paralimpica, sta venendo alle vesciche in Italia… e in Spagna

Valentina Petrillo, la prima atleta trans paralimpica, sta venendo alle vesciche in Italia… e in Spagna

Da domani 24 agosto a domenica 5 settembre Paralimpiadi di Tokio. Comprenderà 22 sport e 539 eventi. Ma, come già accaduto con le Olimpiadi, La competizione inizia circondata da polemiche sull'inclusione degli atleti transgender.

L'italiana Valentina Petrillo sarà la prima donna paralimpica nella storia dei Giochi. Ha vinto tre ori nelle qualificazioni per i Giochi Paralimpici di Jesolo, in Italia e È diventata l'unica atleta transgender a puntare alla gloria a Tokyo 2020.

lui ha Compromissione della vista diagnosticata da adolescente (malattia di Stargardt, una malattia degenerativa per la quale non esiste cura)Si rende conto che Tokyo è il suo sogno e potrebbe essere la sua ultima possibilità all'età di quarantasette anni.

Ha vinto 11 titoli da uomo

Sono passati poco più di due anni dall'inizio del cambiamento.a partire dalla terapia ormonale, Dopo aver confessato alla moglie e al figlio che si sente davvero una donna. in precedenza Come Fabrizio ha conquistato 11 titoli nazionali nell'atletica leggera anche se ha iniziato a correre solo a quarant'anni. In precedenza ha fatto parte della squadra italiana di futsal per persone ipovedenti.

La sua prima gara ufficiale come Valentina è avvenuta lo scorso settembre, nel Campionato Italiano Paralimpico, in cui ha vinto tre medaglie d'oro.Nelle gare dei 100, 200 e 400 metri categoria T12. Per mettere a tacere chi si oppone alla partecipazione delle atlete transgender alle competizioni femminili, si assicura che siano trattate –Oltre a causare cambiamenti nel suo metabolismo, umore e sonno, lo colpì anche emotivamente e fisicamente. In pista ha visto come In sei mesi ha perso 11 secondi nei 400 metri e 2,5 secondi nei 200 metri, la sua specialità.

READ  Bocca, diretta: all'undicesimo di Almiron vs. Platense, il futuro del Barco, mercato, rinforzi e altre novità oggi, venerdì 18 agosto

“Come atleta, è difficile accettare di non andare più veloce come una volta, ma mi rende felice.”Conferma, ripetendo la frase che è già diventata il suo slogan “È meglio essere una donna felice e lenta che un uomo infelice e veloce.”.

Nonostante le sue parole, la verità è questa Lo scorso aprile l'atleta transgender era riuscita ad abbassare il record italiano nei 400 metri per la nuova categoria T13 (non vedenti) a 1:01.17. Petrillo ha infranto di 30 centesimi il precedente record stabilito nel 2012, Un traguardo che si aggiunge ai due record stabiliti ad Ancona nei 200 e nei 400 di inizio anno. Per il 47enne corridore napoletano, Si tratta di un’ulteriore conferma del suo successo dall’inizio del percorso transitorio nel 2019. Dopo aver debuttato nelle gare femminili nel settembre dello scorso anno.

Ma la sua meravigliosa carriera Nell'atletica femminile è stata messa al centro di polemiche e ha suscitato perplessità non solo in Italia ma anche in Spagna.

Lo hanno denunciato gli atleti italiani

Più di 30 atleti italianiÈ stato firmato dall'avvocato e atleta veterano Fausta Quileri richiedere Rivendicando la sua superiorità Ciò rende chiaramente la concorrenza “sleale”. Inoltre, affermano che, sebbene soddisfino i requisiti del Comitato Olimpico Internazionale relativi ai livelli di testosterone (devono essere inferiori a 5 per litro di sangue, ed è normale che una donna biologica sia inferiore a due anni), la sua taglia e il suo fisico “sono anche influenzare. “Mantiene le qualità maschili che… Violazione dei principi di lealtà e correttezza Alla base di ogni competizione sportiva. Se vuoi competere con noi non abbiamo problemi, ma non è questione di titoli“.

READ  Jesse Carraquedo, giovane pilota messicano, gareggerà per un posto nell'Accademia Ferrari

Aggiungono nella loro denuncia che:L'ammissione di corpi maschili nelle competizioni femminili costituisce una violazione dell'articolo 1 della legge sulle pari opportunità tra uomini e donne. Questo – scrive l'avvocato Quillery – “Impone il rispetto assoluto, obbligatorio e irrinunciabile dell’individualità fisica femminile”. La petizione è stata inviata al presidente della Federazione italiana di atletica leggera, Stefano Mei, alla ministra per le Pari opportunità, Elena Bonetti, e al sottosegretario di Stato con delega allo Sport, Valentina Vezzali. Nessuna di queste autorità ha risposto.

Tra gli atleti che hanno firmato anche la petizione Cristina Sanoli e Dennis Newman, Che ha gareggiato con Petrello agli Italian Masters di Arezzo nell'ottobre 2020 e che dopo i test lo ha confermato Sentivano di “non competere su un piano di parità”.

Usurpare la posizione olimpica femminile

In Spagna le reazioni non si sono fatte attendere. La Coalizione contro la cancellazione delle donne ha denunciato la loro partecipazione e il 23 luglio il Partito delle donne ha pubblicato una dichiarazione in cui metteva in guardia contro ciò. La partecipazione di Valentina Petrillo “rappresenta un'usurpazione dello status di atleta olimpica” Hanno invitato il Comitato Olimpico Internazionale a correggere la sua politica “ridicola e sbagliata”.

Tra il 2016 e il 2018 Petrillo Ha vinto 11 titoli nazionali nella categoria maschile. Adesso è alla ricerca di una medaglia olimpica, ma qualunque sia il risultato, il dibattito resta aperto.