Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vaccini e focus sul clima Vertice G7, primo di persona dalla pandemia

Il presidente Joe Biden (a sinistra) parteciperà al vertice del G7, nel suo primo viaggio all’estero, mentre incontra il primo ministro britannico Boris Johnson (a destra), a Carbis Bay il 10 giugno 2021. afp_tickers

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2021 – 22:55

(AFP)

Dal clima alla pandemia, venerdì i leader del G7 cercheranno risposte congiunte alle crisi globali durante il loro primo vertice in quasi due anni, a partire dalla distribuzione di un miliardo di dosi di vaccini COVID-19.

Dopo mesi di videoconferenza, tornano gli incontri faccia a faccia, e fino a domenica ci saranno anche gli incontri one to one, un ricevimento con la regina Elisabetta II e un barbecue in spiaggia dove non mancherà la legna -marshmallow arrostiti.

L’evento riunisce capi di Stato e di governo di Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito nella città portuale di Carbis Bay, nel sud-ovest dell’Inghilterra.

È il primo vertice come il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, profondamente impegnato nel multilateralismo dopo gli anni isolazionisti di Donald Trump. Anche per l’italiano Mario Draghi e il giapponese Yoshihide Suga.

Ma l’ultimo incidente è di Angela Merkel, che quest’anno lascerà il premier tedesco in carica da 16 anni.

Tuttavia, il primo ministro britannico Boris Johnson, il cui Paese detiene la presidenza di turno del Gruppo dei Sette, non stringerà la mano a nessuno dei due: per evitare il contagio, l’evento è soggetto a restrizioni che includono test giornalieri per il virus Corona.

Azione tanto necessaria poiché il Regno Unito, con quasi 128.000 decessi per coronavirus, affronta un aumento della variabile delta che minaccia di ritardare la fase finale dell’attenzione.

– 1 miliardo di vaccini –

Al centro dei colloqui la ripresa dell’economia globale paralizzata dalla pandemia e una distribuzione più equa dei vaccini contro il Covid-19 da parte dei Paesi ricchi.

Di fronte alle crescenti richieste di solidarietà, Johnson ha esortato i suoi omologhi a impegnarsi a “vaccinare il mondo” entro la fine del prossimo anno, “perché nessuno può essere ben protetto finché non lo sono tutti”.

Secondo Downing Street, i leader accetteranno di fornire “almeno un miliardo di dosi” attraverso la loro partecipazione o finanziamento e aumentare la capacità produttiva, con l’obiettivo di “porre fine all’epidemia entro il 2022”.

Gli Stati Uniti si sono già impegnati a donare 500 milioni di dosi del vaccino Pfizer/BioNTech a 92 paesi svantaggiati. Il Regno Unito distribuirà 100 milioni di dosi in eccesso, principalmente attraverso il programma Covax.

Ma per le Ong questo non basta e il G7 dovrebbe accettare di sospendere i brevetti per consentire la produzione di massa. Qualcosa che la Francia ha accettato, ma la Germania si è fortemente opposta.

“Con l’attuale tasso di vaccinazione, ci vorranno 57 anni affinché i paesi a basso reddito raggiungano lo stesso livello di protezione dei paesi del G7. Questo è moralmente inaccettabile, ma anche controproducente”, ha sottolineato Oxfam.

Da parte sua, Macron ha invitato le aziende farmaceutiche a donare il 10% delle dosi vendute, esprimendo la speranza che il vertice sosterrà l’obiettivo di vaccinare il 60% degli africani entro la fine di marzo 2022.

Secondo Bloomberg, il G7 chiederà anche una nuova indagine all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sulle origini del coronavirus.

– “Piano Marshall” per il clima –

Combattere la crisi climatica sarà l’altra priorità del vertice, che si preannuncia carbon neutral, in vista della principale conferenza Onu sul clima, COP26, prevista per novembre in Scozia.

Johnson aspira a un “Piano Marshall” per aiutare i paesi in via di sviluppo a decarbonizzare le loro economie, secondo The Times, in modo simile ai massicci finanziamenti statunitensi stanziati per ricostruire l’Europa dopo la seconda guerra mondiale.

A maggio, i ministri dell’ambiente del G7 si sono impegnati a porre fine agli aiuti pubblici alle centrali elettriche a carbone quest’anno, promettendo di “fare sforzi ambiziosi e accelerati” per ridurre le emissioni di anidride carbonica.

Ma gli ambientalisti, progettando di radunarsi attorno al vertice, lamentano le vaghe promesse.

Alla vigilia dell’incontro, Johnson e Biden hanno mostrato un fronte comune sull’emergenza climatica, concordando una nuova “Carta atlantica” che sottolinea anche la necessità di affrontare gli attacchi informatici.

Ma se i due grandi alleati sono in sintonia su grandi questioni internazionali come le sfide poste da Cina o Russia, allora persistono le tensioni sull’Irlanda del Nord, al centro di una disputa post Brexit tra Londra e l’Unione Europea.

Biden, di origini irlandesi, ha ribadito il suo sostegno agli impegni commerciali presi tra le due parti che considera una garanzia di pace nella provincia britannica.

READ  Questo è stato l'anno peggiore nella storia dell'umanità (e non è quello che pensi)