Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il viaggiatore di lunga distanza non finisce mai di decollare

Nonostante lo sviluppo positivo dell’epidemia nei paesi europei, Turisti al di fuori dell’Unione Europea Non finire la decisione di visitare il continente, secondo la seconda metrica del 2021 Commissione europea per i viaggi (ETC), l’organizzazione che riunisce Uffici automobilistici nazionali europei.

Il sondaggio è stato condotto tra potenziali viaggiatori in Europa da stato unitoE il RussiaE il BrasileE il Cina S Giappone Conclude che “viaggiare all’estero non è più l’opzione preferita da molti turisti”.

Anche dopo più di un anno da Rigide restrizioni a causa del COVID-19, lo studio indica che i turisti provenienti dai mercati esteri sperano ancora di viaggiare, ma temono anche di considerare l’Europa come meta delle loro vacanze a causa di ” Mancanza continua di norme armonizzate per viaggiare nella regione.

“Il Coerenza e trasparenza Essenziale per ripristinare la fiducia nei viaggi, mentre l’UE annuncia cambiamenti positivi alle restrizioni alle frontiere, avverte lo studio, che insiste sul fatto che “Dato che l’UE sembra disposta ad aprire le sue frontiere a più paesi e turisti vaccinati questa estate, Regole armonizzate sui viaggi internazionali saranno cruciali Per infondere fiducia nei turisti che stanno valutando di visitare la zona”.

Destinazioni europee preferite dagli americani.

Il barometro rileva che le intenzioni di viaggio a breve termine di Stati Uniti e Russia Rimane positivo, ma due partecipanti su cinque di questi mercati sono pessimisti sulla visita in Europa quest’estate. Per gli autori del rapporto, è “segnale di pericolo“Il che potrebbe portare l’Europa a perdere turisti verso altre destinazioni a breve distanza in questi mercati di origine.

Il brasiliani Stanno anche mostrando la volontà di visitare l’Europa quest’estate, anche se è improbabile che tali sentimenti si traducano in viaggi poiché un numero crescente di governi europei impone divieti d’ingresso dal Brasile a causa della variante più diffusa di COVID-19 presente nel paese sudamericano.

READ  La buona guerra e la fiorentina: oltre le parole e più di 50 casi giudiziari

Al contrario, i turisti “più restii” a viaggiare in Europa Cinese S giapponese, che al momento esclude la possibilità di voli transcontinentali.

Paesi preferiti

Per quanto riguarda i mercati di origine, brasiliani È stato riferito che durante il loro viaggio in Europa visiteranno 3,4 paesi, con Francia prima, seguito da Portogallo S Spagna Al quinto posto.

Il Cinese Visiteranno quattro paesi europei. Francia È prevalentemente frequente e la Spagna non figura tra le prime dieci destinazioni.

Il americani Visiterà 2,7 paesi europei durante il loro viaggio, con Francia Sempre al primo posto, seguito da ItaliaE il Regno UnitoE il Germania e Spagna.

viaggiatori da Russia Da parte loro, visiteranno 2,5 paesi e la destinazione preferita è tacchino. La Spagna è all’ottavo posto.

Il giapponese Visiterà 2.7 paesi con Italia In testa, la Francia è seguita da vicino. La Spagna è al settimo posto nelle preferenze giapponesi.

messaggi chiari

Il CEO di ETC, Eduardo SantanderAfferma che “con l’apertura programmata delle frontiere europee nei prossimi mesi, è essenziale fornire messaggi chiari e coerenti ai viaggiatori internazionali che desiderano visitare l’Europa. La ripresa del turismo europeo quest’estate è ormai una possibilità concreta اال“.

Tuttavia, avverte, “La nostra ricerca mostra che una mancanza di chiarezza, combinata con un approccio disgiunto e scoordinato, rende Rendere i viaggiatori riluttanti a considerare l’Europa come una destinazione A quest’ora”.

In ogni caso, Santander afferma che “con il progresso vaccinazione In tutto il mondo abbiamo grandi aspettative per la fine dell’estate e una forte stagione autunnale. Il Il giusto investimento nella promozione dei viaggi E nel rafforzare la fiducia nel turismo, svolgeranno un ruolo importante nella ripresa quest’estate e oltre».

READ  Ogni ultima volta era meglio

Finora, l’Unione Europea ha revocato le restrizioni ai viaggi non essenziali solo per i cittadini di Australia, Nuova Zelanda, Ruanda, Singapore, Corea del Sud, Thailandia, Cina, Israele e Giappone.

Il rapporto completo (in inglese) può essere scaricato dal seguente link: