Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Urbaser colpisce la leadership del distretto ambientale dopo una truffa da un milione di dollari utilizzando petrolio riciclato

Urbaser colpisce la leadership del distretto ambientale dopo una truffa da un milione di dollari utilizzando petrolio riciclato

La multinazionale spagnola Urbaser ha licenziato il suo numero tre e capo della sua controllata per la gestione dei rifiuti Sertego, dopo che questa società ha ammesso la propria responsabilità in una frode relativa all’olio riciclato mescolato con gasolio per essere venduto nelle stazioni di servizio, con conseguenti perdite per la società. tesoreria pubblica di 4,2 milioni di euro.

L’azienda, che sta inquadrando i cambiamenti in un “processo di riorganizzazione”, ha licenziato il direttore della linea di business lavorazione fino ad ora considerata la numero 3 dell’azienda, Carlos Abelio Perez. Il manager ha appena comunicato questa “transizione inaspettata” su LinkedIn dopo 33 anni nel gruppo.

Lo sostituirà Rafael Guinea, finora responsabile di Tirme, la concessionaria del servizio di trattamento dei rifiuti urbani di Maiorca gestita da Urbaser (80%) e FCC (20%).

Carlos Abilio è membro di Urbaser e, prima ancora, di ACS. Ha fatto parte per molti anni dei vertici dell’impresa di costruzioni, in qualità di Direttore Generale del Trattamento Rifiuti, quando questa era di proprietà del colosso Florentino Pérez. ACS ha venduto Urbaser nel 2016 al gruppo cinese Tianying. Lui, a sua volta, ha venduto la società nel 2021 al Fondo statunitense Platinum.

Il gruppo guidato dal 2022 da Fernando Abril Martorell, ex presidente di Indra e figlio dell’ex ministro della transizione, ha finora rinunciato anche al direttore generale di Sertigo, Aitor Jauregui. La sua lettera di presentazione in qualità di presidente della filiale è già stata cancellata dall’azienda.

Nel 2013, Jáuregui è diventato presidente dell’Associazione delle imprese private di gestione dei rifiuti e delle risorse (ASEGRE), l’associazione dei datori di lavoro del settore, integrata nel CEOE dallo scorso anno. Secondo le fonti di Urbaser, il suo sostituto alla guida di questo dipartimento entrerà a far parte “la prossima settimana”.

Queste fonti inquadrano questi cambiamenti nell’annuncio, l’estate scorsa, di una terza business unit Urbaser denominata Industrial Solutions, che si aggiunge all’unità Urban Services and Treatment, che sostituisce il marchio Sertego.

READ  Nomo 'fintech' è il movimento internazionale e la sua crescita attraverso la gestione fisica

“Il cambio del nome della divisione (da Sertego a Industrial Solutions) risponde alla nostra strategia di rebranding per riunire i marchi, all’interno di questa profonda trasformazione aziendale in cui siamo immersi”, spiega Urbaser.

Parallelamente a questi cambiamenti, Urbaser ha nominato Alejandro de la Joya, un veterano della Ferrovial che era stato amministratore delegato della sua società di costruzioni e di Cintra, direttore generale dell’area dei servizi urbani. Fratello di Adrian de la Joya (ex socio dell’ex commissario corrotto Jose Manuel Villarejo), Alejandro de la Joya riempie il posto vacante di Manuel de Andres, il secondo in comando della compagnia fino a quest’anno.

Il setacciamento nel settore ambientale è avvenuto dopo che Certijo ha accettato la responsabilità sussidiaria dell’ex direttore del suo impianto petrolifero di Fuenlabrada in un piano di frode guidato dall’imprenditore di Almeria, Emilio Torrecillas, soprannominato il re del diesel adulterato. Recentemente è stato condannato dalla Corte Suprema.

Torresillas, che prima di questi eventi era già stato condannato per contrabbando o crimini contro il tesoro pubblico, è stato arrestato nel giugno 2021 in un hotel a Logroño dopo anni di fuga dalla giustizia. A novembre, la Corte Suprema lo ha condannato a 14 anni e tre mesi di carcere e a multe per oltre 8 milioni di sterline per aver distribuito 1 milione di litri di carburante adulterato a centinaia di stazioni di servizio nel sud-est della Spagna dal 2007 al 2010.

Per fare questo, ha utilizzato gasolio miscelato con il 25% di olio riciclato ottenuto dalla Tracemar, da Urbaser (poi ribattezzata Sertego Servicios Medioambientales SL), a Fuenlabrada, dal processo di rigenerazione dei lubrificanti, che sono esenti se destinati al commercio comunitario. Le tasse.

Secondo la sentenza, i condannati fingevano di esportare questo olio in Francia o in Italia utilizzando bolle di consegna contraffatte preparate dalla stessa Trasimar. Ma il prodotto riciclato è finito in un magazzino di loro proprietà in una zona industriale a Cantoria (Almería). Lì veniva mescolato con diesel e venduto senza dichiararlo all’erario.

Attraverso 515 operazioni fittizie con l’olio sintetico lavorato da Certigo e utilizzando una rete di società di comodo di cui si è servita in alcuni casi Per gli anziani che si sono presentati come prestanome per 500 euroSono state evase milioni di tasse sul carburante, che attualmente ammontano a 0,307 euro per litro di gasolio venduto.

READ  Le esportazioni di banane a Panama sono cresciute nel 2021 - Diario Digital Nuestro País

Il rappresentante di Sertigio è stato condannato nel luglio 2020 dal tribunale distrettuale di Almería per quattro reati contro il tesoro pubblico e uno per falsificazione di documenti commerciali.

“Niente da guardare”

“Sertego non è stato comunque condannato penalmente e quindi Aitor Jauregui non ha nulla a che fare con ciò”, afferma Urbaser in una e-mail. La filiale, il cui marchio ora scomparirà, è ancora identificata sul suo sito web come “il principale operatore nel mercato dei rifiuti industriali in Spagna”.

“Grazie alla vasta esperienza di Certigo, spiccano i risultati raggiunti dall’azienda nel campo della rigenerazione degli oli usati, consentendone il riutilizzo come lubrificanti. Siamo un’azienda che è riuscita a valorizzare completamente i rifiuti, trasformandoli per restituirgli l’uso originario per cui è stato prodotto.

Nei conti 2022 che Urbaser ha inviato alcuni mesi fa al mercato del reddito fisso MARF, senza includere in primo luogo la relazione del suo revisore dei conti e con omissioni segnalate al Ministero dell’Economia, la multinazionale spagnola fa riferimento per la prima volta al ” reclami e rimostranze” realizzato in Relativo a questa trama. Non li ha menzionati fino alla recente condanna del leader presso la Corte Suprema.

In questi resoconti, Urbaser spiega che dopo che “diversi soggetti furono accusati di frode fiscale sulla vendita di petrolio usato come combustibile”, tra cui l’ex direttore dello stabilimento di Fuenlabrada, “gli imputati furono condannati in solido al pagamento”. di crimini” per un totale di 6,3 milioni di dollari, compresi gli interessi.

“Sertego ha accettato la responsabilità civile sussidiaria derivante dalle azioni del lavoratore. Il tribunale regionale ha già avviato un procedimento di esecuzione e ha chiesto il pagamento dei condannati.” In assenza di specifiche procedure di esecuzione per far valere tale responsabilità, “se qualsiasi importo sarà successivamente dovuto, sarà pagato da Certijo come parte responsabile sussidiaria”, afferma Urbaser nei suoi conti.

READ  Francia, Germania e Italia accettano di gestire le navette spaziali Ariane 6 e Vega-C

In esso, osserva che la corte ha richiesto l’assistenza dell’IRS “per assumersi la responsabilità dell’attuazione”.

L’arrivo di De la Joya in questa divisione riempirà il posto vacante di Manuel de Andres mesi dopo. Urbaser No. 2 è stato licenziato fino a quest’anno, prima dell’estate, dopo aver inviato una denuncia al proprietario della Platinum chiedendo il licenziamento di April Martorell per mantenerlo nella sua posizione quando aveva già ammesso in tribunale di aver corrotto funzionari pubblici delle Isole Canarie per ottenere un contratto di raccolta rifiuti per il comune di Arrecife (Lanzarote). Questo comportamento è in diretto contrasto con il codice etico di Urbaser.

Questi fatti vengono processati in questi giorni nel cosiddetto caso Gabel presso il Tribunale Regionale di Las Palmas. Durante il processo, Manuel de Andrés ha confermato questo mese di aver autorizzato pagamenti in contanti, gioielli, orologi di lusso e viaggi ai membri del Consiglio delle Isole Canarie, tra cui il sindaco della città, Isabel Deniz, e Dimas Martin, leader del partito Indipendente Lanzarote. . (PIL) La forza politica che all’epoca governava la capitale dell’isola.

Uno dei suoi coimputati, Jacinto Alvarez, espose l’ordine del giorno durante il processo contro i tentativi di TechMed (l’odierna Urbaser) di corrompere il sindaco della città: “Vuole 40.000 sterline per le sue truffe e l’orologio Rolex”, diceva uno dei suoi appunti.

Alvarez ha deciso di collaborare con la giustizia dopo il suo arresto avvenuto più di dieci anni fa ed è lontano da Urbaser da anni. La compagnia ha tentato di imprigionarlo insieme alla moglie e ai figli dopo aver tirato la coperta, ma senza alcun risultato. Si tratta di una situazione che contrasta con quella di un altro imputato in questo caso, Stephane Jean-Antoine Valverde, che il gruppo mantiene in organico.