Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il 17% degli spagnoli cresciuti in famiglie benestanti è a rischio povertà | economia

In Spagna, l’esclusione come condizione genetica è un problema crescente. Il rischio di povertà nel 2019 era del 30% tra gli adulti che avevano una situazione finanziaria povera quando erano minorenni. Questo rapporto è di 13,4 punti percentuali superiore al profilo di rischio tra gli spagnoli che hanno avuto buone prospettive economiche durante l’infanzia: 16,6%. È praticamente il doppio delle persone, facendo del Paese il quarto membro europeo con la maggiore differenza tra le due misure, dopo solo Italia, Romania e Bulgaria. È anche ben al di sotto della media europea, che anche nella peggiore delle ipotesi segna un tasso di esclusione del 23%. Lo dimostrano le ultime statistiche pubblicate da Eurostat sulla trasmissione intergenerazionale della disabilità. A ciò si aggiunge un altro dato: nell’anno della pandemia più di un quarto della popolazione (27%) viveva a rischio di povertà o di esclusione sociale, un dramma che ha colpito solo altri tre Paesi dell’Unione Europea: la Romania ( 35,8%, Bulgaria (33,6%) e Grecia (27,5%).

Negli ultimi otto anni, il divario sociale in Spagna si è ampliato. Nel 2011, nel pieno della crisi economica, non solo c’erano meno persone a rischio povertà, ma anche la differenza tra i due capi della famiglia era minore. In particolare, il rischio di esclusione sociale era del 25,9% tra gli adulti con un contesto economico negativo e del 15,4% tra coloro che sono cresciuti in buona condizione finanziaria. Ciò significa che in meno di un decennio e anche prima della pandemia, l’instabilità è aumentata.

L’analisi della situazione economica degli adulti oggi adolescenti mostra, secondo Eurostat, una corrispondenza tra condizioni di vita passate e presenti. Evidenzia il fatto che più di uno spagnolo su cinque che in passato aveva scarse aspettative finanziarie era al di sotto del livello di rischio di povertà. Nonostante queste pessime condizioni, le associazioni ritengono che i vari governi del Paese non abbiano attuato politiche a lungo termine per evitare le cause strutturali della povertà. Lo ha spiegato Juan Carlos Lano, responsabile della ricerca in Spagna per la Rete europea contro la povertà e l’esclusione sociale (EAPN). Il ricercatore critica l’inefficacia delle “misure parziali” e fa un esempio di condizioni di lavoro precario e di reddito minimo vitale (Imv) che continua a un anno e mezzo dalla sua entrata in vigore con “seri problemi da attuare”.

READ  La scena politica - Valdez Albizu e Luis Abenader ottengono successi economici

Ciò pone la Spagna sul lato negativo della scala, insieme a Belgio, Lussemburgo, Portogallo, Lituania, Grecia, Italia, Romania e Bulgaria. A questo si aggiungono altri dati: mentre nel 2019 il 76,4% della popolazione Ue considerava buona l’economia familiare in età giovanile, nel caso spagnolo il dato è di tre punti sotto: 73,5%. Il resto della popolazione ha ritenuto di avere problemi a fine mese con la solvibilità. Inoltre, il 2,3% ha ammesso di vivere in una situazione “molto brutta”. Il problema si ripete analizzando i dati sull’istruzione: nel 2019 la percentuale di spagnoli a rischio povertà che avevano genitori con un basso livello di istruzione era del 22,4%, il doppio di quelli con un’istruzione superiore, il cui tasso era dell’11,4%. Dal 2011, la possibilità che un adulto con genitori universitari cada nell’esclusione sociale è diminuita di un decimo. Al contrario, questo rapporto è aumentato di 2,3 punti per lo stesso gruppo con gli studi di riferimento. Se confrontata con il resto d’Europa, si nota che la Spagna è il settimo Paese con il maggior divario di opportunità per livello di istruzione, dopo Repubblica Ceca e Danimarca, che hanno i tassi più bassi rispettivamente con il 9,3% e il 9,4%. .

Le differenze socioeconomiche nelle famiglie si riflettono anche nel tasso di abbandono scolastico. Nel 2019 il 29,7% dei giovani che hanno abbandonato la scuola apparteneva a famiglie a basso reddito, mentre solo il 4,1% erano figli di genitori con maggiore potere d’acquisto. Ciò significa che la diserzione colpisce sette volte i discendenti di famiglie con meno risorse. A tal proposito, sia il Centro statistico europeo che il ricercatore EAPN ritengono che questa disparità sia dovuta principalmente al fatto che i genitori con un livello di istruzione più elevato hanno più risorse finanziarie da investire nell’istruzione dei propri figli.

READ  Il Brasile ha raccolto 8,4 miliardi di dollari dopo aver fatto un'offerta per la rete 5G per l'intero paese

Il 2020 lascia più di 240 milioni di persone bisognose

L’anno 2020 ha visto un aumento di 244 milioni di persone che necessitano di assistenza umanitaria di emergenza. Tuttavia, c’è stata una stagnazione dei finanziamenti a causa della crisi economica causata dalla pandemia. Ciò ha causato la risoluzione solo della metà delle cause. Lo afferma l’ultimo rapporto pubblicato da Medici senza frontiere (Msf) e dall’Istituto per gli studi sui conflitti e l’azione umanitaria (Iecah). Secondo i loro risultati, il numero di persone bisognose nel 2020 è aumentato di 19 milioni rispetto all’anno precedente. Ma gli aiuti si sono fermati a 30,9 miliardi di dollari, come nel 2019.

Del totale dei fondi richiesti dalle Nazioni Unite, solo il 52% è stato finanziato. Secondo Medici Senza Frontiere, “una tale differenza non è mai stata registrata” e ha avvertito che nei ricorsi relativi esclusivamente alla risposta al Covid-19, la quota di finanziamento è stata ancora più bassa, con solo il 40% dei fondi garantiti. L’aiuto pubblico allo sviluppo spagnolo (APS) è stato pari a 2.603 milioni di euro nel 2020, un aumento impercettibile dello 0,7% rispetto all’anno precedente.