Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Strategie molto diverse per la crescita di BBVA e Santander | comp

Nonostante all’inizio dell’anno volgendo al termine, il settore finanziario sembrava attraversare un periodo di transizione per completare il suo consolidamento e una nuova ristrutturazione record prima della fine delle misure palliative per evitare a causa del crollo del economia a causa della pandemia, l’esercizio ha avuto le sue emozioni, anche se in alcuni casi non è stato molto positivo. Il 26 marzo Bankia non esiste più per essere assorbita da CaixaBank. È stata la più grande operazione istituzionale nel sistema finanziario spagnolo almeno negli ultimi due decenni.

A luglio Unicaja e Liberbank sono state fuse. La magia era indispensabile. Banco Sabadell ha formalizzato la nomina di Cesar Gonzalez Bueno come amministratore delegato e ha messo in cortocircuito Josep Olio, che non è più amministratore delegato. Jose Ignacio Guerregulzari, presidente di Bankia, ha fatto il salto per dirigere la più grande banca spagnola, CaixaBank, ma anche i suoi poteri esecutivi sono stati ridotti.

Naturalmente, il suo stipendio è passato da uno stipendio bancario nell’istituto nazionalizzato, a uno stipendio bancario per un ente privato, che ha suscitato critiche da parte del governo, sebbene inizialmente fosse consapevole dei cambiamenti. Come ha fatto a sapere il numero approssimativo di licenziamenti che risulterebbe dalla costituzione della prima banca nel paese. Nonostante ciò, l’ERE di CaixaBank, come quello di BBVA, con 6.452 persone in partenza (circa 8.300 inizialmente previste) e quasi 3.000 (3798 era la prima proposta), rispettivamente, ha scatenato uno tsunami di critiche da parte di sindacati, governo e società in generale.

La creazione di CaixaBank e Unicaja, così come l’ingresso di González-Bueno in Sabadell, ha portato anche alla partenza di centinaia di dirigenti che non avevano posto nelle nuove iniziative, o che semplicemente hanno colto l’occasione per lasciare la professione di banchiere.

READ  Compensazione per anni di servizio: il comitato di lavoro dell'ILO ha ricevuto esperti

Venerdì sono stati annunciati due voli. Jose Luis Aguirre, presidente di Ibercaja, ha annunciato che lascerà l’entità a marzo, dopo aver compiuto 75 anni, e le dimissioni di Rami Abu Khair, che, dopo 20 anni di lavoro presso il Gruppo Santander, ha deciso di intraprendere altri progetti e lasciare . entità. Abu Khair è stato amministratore delegato di Santander Spagna fino ad aprile. Ora è il card manager del gruppo. È stato il braccio destro di Ana Botín, ma negli ultimi anni ha preso le distanze dal presidente e sembra che anche i rapporti con l’amministratore delegato del gruppo, Jose Antonio Alvarez, non abbiano avuto il loro momento migliore.

Ma a parte questi cambiamenti, l’ultimo trimestre dell’anno è stato ricco di sorprese. BBVA ha presentato il suo nuovo piano strategico per i prossimi tre anni, in cui prevede di attirare 10 milioni di clienti entro il 2024. Ma a differenza di altre banche delle sue dimensioni in Europa, l’entità guidata da Carlos Torres ha sorpreso il mercato con il suo impegno in Turchia, il paese di origine del suo CEO, Onur Genk. Ha lanciato un’offerta per acquisire il 50,15% del capitale di Garanti, che non controlla.

Sembra vero che le filiali hanno perso influenza nelle operazioni e nei rapporti con la clientela con la loro banca

Questa operazione ha suscitato anche voci sul ruolo di Torres in banca. Si dice che alla fine sia stato il Genk a conquistare il polso del presidente sulla nuova strategia di BBVA, imponendo alla banca la sua determinazione nei prossimi anni. Ma è speculazione. Ha inoltre lanciato una piattaforma di crescita in Italia, che si estenderà ad altri Paesi. Messico, Turchia e Spagna sono driver di crescita dopo aver venduto la sua banca statunitense. Nel mercato domestico, BBVA non esclude lo svolgimento di operazioni societarie con Sabadell, nonostante solo un anno fa le trattative tra le due banche si siano interrotte.

READ  Il Papa del Vaticano ha detto ai giudici dell'Argentina: Non c'è democrazia con povertà e fame - Politica

Queste linee strategiche sono molto diverse dalle linee del Banco Santander, sebbene l’obiettivo sia lo stesso, l’acquisizione di clienti e la redditività. L’entità guidata da Anna Putin è impegnata in Brasile, Regno Unito, Spagna e ora, in particolare, negli Stati Uniti. Ciò coincide con BBVA nel mercato domestico, sebbene, a differenza della banca blu, Santander non stia pianificando alcuna fusione in Spagna per la crescita, come ha recentemente commentato il management della banca sulla forza lavoro.

Coincide anche in Messico, ma in questo paese BBVA prende la torta, essendo la prima banca in quel paese.

Ma mentre BBVA ha deciso di lasciare gli Stati Uniti per espandere il suo impegno in Turchia, Santander riconosce che una grande banca come questa deve essere al centro della finanza globale. Vuole crescere negli Stati Uniti, anche se attraverso il business del credito al consumo, ovvero l’acquisto o il noleggio di automobili.

Santander sta anche dedicando gran parte della sua strategia di crescita ai metodi di pagamento digitali. Tuttavia, un impegno forzato alla digitalizzazione è comune in questi due colossi bancari. Un altro punto in comune è che i rispettivi capi sono ancora CEO in un settore in cui le funzioni esecutive sono già riservate al CEO. Da qui le voci che ci saranno interruzioni di corrente nei prossimi anni nel prossimo futuro.

BBVA e Santander hanno un altro punto in comune, nel qual caso non sono così fortunati. Entrambe le banche sono immerse in procedimenti legali, che acquisteranno fama nel 2022.

Nel caso del gruppo di origine basca, il caso Villarego, in cui una serie di ex direttori di banca comincerà a testimoniare questa settimana, capovolge il gruppo, nonostante gli investitori facciano fatica a fare riferimento al caso.

READ  Cosa si aspettano i mercati per martedì 13 luglio? - Finanza

Santander ha due importanti operazioni in sospeso. Una sono le pretese degli azionisti dell’ormai defunto Banco Popular (assorbito da Santander), in cui il General Counsel della Corte di giustizia europea (CGUE) ha concordato con il gruppo spagnolo, davanti agli azionisti. Un altro caso è quello di Andrea Orcel, a causa della sua delusa firma come amministratore delegato del gruppo spagnolo, poiché il banchiere italiano ha vinto il primo round, che ha avuto un impatto diretto sul cuore della governance di Santander.

A proposito, per finire una piccola nota. Sembra essere vero che l’ufficio ha perso la sua influenza nell’attrarre clienti. Secondo uno studio condotto da Smartme a dicembre, il telefono cellulare è il canale più utilizzato per cercare informazioni, eseguire operazioni e contrattare prodotti. La filiale si trova infatti nell’ultimo posto preferito o penultimo, rispetto a mobile, telefono o web, a seconda dell’operazione che si vuole eseguire.