Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno, due… tre grandi gol: Ademola Lookman, l’attaccante che ha portato l’Atalanta alla gloria dell’Europa League

In modo forte, AtalantaHa vinto la squadra bergamasca Lega europea Per la prima volta nella sua storia. La squadra, guidata da Gian Piero Gasperini, ha battuto il record di imbattibilità di 51 partite Bayer LeverkusenCampione del campionato tedesco, ha vinto la Coppa Continentale con un indimenticabile 3-0 e una prestazione storica. Ademola Lookmanautore di tre gol, è chiaramente una figura di spicco nel profilo giocato a Dublino.

Lookman, nato a Londra, rappresenta la Nazionale nigeriana e gioca nell’Atalanta dal 2022. Era un giovane talento emerso al Charlton, divenne campione del mondo under 20 con gli inglesi, e l’Everton ottenne la sua firma per 8 milioni di euro. Euro. Tuttavia, in seguito ha ritenuto di non avere le stesse possibilità di raggiungere la prima squadra e ha deciso di rappresentare i Green Eagles. Passò per il Lipsia, dove non si distinse, e tornò in Inghilterra per giocare nel Fulham e nel Leicester, fino a quando due anni fa firmò per l’Atalanta. Lì raggiunse la sua versione migliore.

Nella finale, Lookman ha preso presto il controllo della partita. Al 12′, l’argentino Exequiel Palacios, che tardava a respingere la palla, arriva dal settore sinistro e calcia di sinistro sul primo palo.

Non c’è voluto molto prima che il secondo gol di Lookman arrivasse, questa volta con un destro arrabbiato e assediato, dopo un inizio irregolare del Leverkusen, quando un attaccante della squadra tedesca si è diretto verso il loro campo, ha eliminato la squadra e ha permesso il numero 11 che aveva il possesso della palla, per dribblare due avversari Verso Al Hilal, ha tirato una palla imparabile.

READ  Uruguay all'estero: diverse partite in Champions League | giornale

Il terzo gol è arrivato su contropiede al 30′ del secondo tempo. Scamaka ha guidato la sua macchina in mezzo al campo, è avanzato più che poteva e ha lasciato il posto a Lookman, che arrivava da sinistra. Il londinese evita Tapsoba e lancia un potente tiro di sinistro, potenza pura, che il ceco Kovar riesce a fermare.

Lookman mette così fine allo storico record di imbattibilità della squadra di Xabi Alonso, e l’Atalanta festeggia il primo titolo internazionale della sua storia. Il nigeriano è diventato il primo giocatore in 12 anni a segnare una tripletta in una finale europea, da quando il colombiano Radamel Falcao ha segnato tre gol nella vittoria per 4-1 dell’Atletico Madrid sul Chelsea nella Supercoppa di Europa League del 2012. Il gol fu segnato dal tedesco Jupp Heynckes per il Borussia Mönchengladbach contro il Twente nella finale del 1975, che si concluse con la vittoria per 5-1 del Borussia Mönchengladbach, quando il torneo si chiamava Coppa UEFA.

Per il Bergamasco l’unico precedente vinto è stata la Coppa Italia nella stagione 1962/63. Avrà la possibilità di aggiungere un altro titolo quando giocherà la Supercoppa Europea, il 14 agosto, a Varsavia, contro la vincente della Champions League, che si disputerà nella finale del 1° giugno tra Real Madrid e Borussia Dortmund.

Parlando a Sky Sports dopo aver segnato una tripletta contro il Bayer Leverkusen, Lookman ha commentato: “Sono molto, molto, molto felice. Abbiamo fatto la storia insieme. È incredibile. La scorsa stagione abbiamo fatto molta strada per qualificarci per l’Europa League e abbiamo vinto il titolo in questa stagione. È uno sforzo fantastico”. Tutti nel gruppo lo hanno fatto e stasera festeggeremo”.

READ  L'esordio delle perle di Luis Suarez al Nacional: dalla visita di Kun Aguero al grande movimento che ha distrutto il club

L’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha detto: “È una bella sensazione, i ragazzi sono stati fantastici. La partita che hanno giocato stasera è stata fantastica. Non puoi semplicemente difendere [Bayer Leverkusen] Erano molto forti in attacco, ma forse non così forti quando li costringi a difendere. Tutto stava andando bene fin dall’inizio. E’ importante soprattutto il modo in cui abbiamo vinto. Lo abbiamo sicuramente meritato”.

Nazione

Scopri di più sul Progetto Trust