Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Una Ferrari senza pilota non sarebbe una Ferrari”: il marchio italiano non ha intenzione di integrare la guida autonoma

“Una Ferrari senza pilota non sarebbe una Ferrari”: il marchio italiano non ha intenzione di integrare la guida autonoma

La guida di una Ferrari non può essere delegata a una macchina, perché la considerano un’azienda

Quando la Ferrari ha annunciato nel giugno 2022 in Giornata del mercato dei capitali La sua politica di trasformazione a medio e lungo termine, una delle novità che ha attirato maggiormente l’attenzione è stata la data di arrivo La prima Ferrari elettrica della storia, che sarà nel 2025. Ma oltre alla pubblicità, assicurati anche che anche se è elettrico, questo modello Manterrà le qualità di una Ferrari Lo era e continuerà ad esserlo anche se non c’è più un V6, V8 o V12 sulla schiena del guidatore.

Questa è l’essenza che non si negozia. La Ferrari è un’auto “appassionata”. del tifo, che trasmette sempre emozionanti sensazioni sportive a chi è al volante. Non per niente, quando è stata presentata la terza versione di Icona, nell’ottobre 2021, era solo per i possessori di modelli esclusivi Monza SP1 e SP2Chi ha ricevuto con l’invito una miniatura di specificato in “H”.

Questa settimana, durante una discussione al vertice Il futuro dell’auto Dal Financial Times, Benedetto Vigna, amministratore delegato della FerrariHa parlato ancora dell’essenza del marchio Maranello quando ha detto quale visione hanno per esso Guida autonoma Per cui l’intero settore dedica enormi sforzi di ricerca e sviluppo e risorse economiche davvero significative.

L’amministratore delegato della Ferrari, Benedetto Vigna, sta chiudendo la porta alle auto a guida autonoma. Ha detto: “Non siamo interessati”. Fotografia: Flavio Lo Scalzo/Reuters

“Ci sono quattro tipi di programmi: c’è un programma per le prestazioni, ci sono programmi per il comfort, ci sono programmi di infotainment e ci sono programmi per la guida autonoma. L’ultimo, non ci interessa”.Vigna ha sottolineato.

READ  Google Pay: salva, paga e gestisci

Sebbene molti produttori La guida autonoma è direttamente correlata all’elettrificazione delle auto, Ferrari sono due questioni completamente separate. È vero che l’auto elettrica avrà una piattaforma che non solo sarà predisposta, ma sarà sviluppata per questa tecnologia basata sull’utilizzo dell’intelligenza artificiale, ma la propulsione è una cosa e la guida è un’altra.

Le dichiarazioni di Vigna contengono un fascicolo connessione invisibile Con qualcosa che forse solo un appassionato di auto sportive come un appassionato di Ferrari noterebbe: “anima dell’auto”. In realtà, “Una Ferrari senza pilota non sarebbe una Ferrari Niente affatto”, secondo l’amministratore delegato, che dal 9 giugno 2021 ricopre la carica di amministratore delegato dell’azienda italiana.

Per Ferrari la tradizione non si dimentica. E così come conservano l’originario portico d’ingresso della fabbrica, il piacere di guida non si contratta con la guida autonoma

È importante sottolineare che la Ferrari da allora è padrona di se stessa e del suo destino Non faceva parte della fusione di FCA e PSA che ha creato Stellantis nel 2021. Sebbene ciò dia loro la libertà di prendere questo tipo di decisioni a livello tecnologico, impedisce loro anche di accedere ai progressi che il gruppo sta facendo sulle piattaforme di mobilità elettrica.

Così come la Ferrari è unica sotto altri aspetti, lo è anche in questo, poiché fanno parte del resto della produzione i produttori di auto sportive ad alte prestazioni. OEM (produttore di apparecchiature originali). Il caso più simbolico è un caso Gruppo Volkswagenchi possiede Porsche, Lamborghini, Bugatti Rimac. Questi marchi possono creare veicoli autonomi o almeno avere la tecnologia della casa madre per ottenerli con costi e tempi di sviluppo inferiori.

“Vatou in Casa”. La Ferrari ha tradizionalmente sviluppato la propria tecnologia a Maranello, e quindi la mancanza di sviluppi di un gruppo industriale come Stellantis non intacca i suoi piani di elettrificazione.

Ma lo era anche la Ferrari Storicamente un marchio che ha introdotto i propri reparti di ingegneriasenza ricorrere a fornitori esterni di parti vitali dell’auto, per le quali il mancato accesso alla tecnologia di altri marchi non dovrebbe essere un problema, ma in ogni caso attenendosi alla tradizione.

READ  Lula e Zelenskyj hanno rotto il ghiaccio, ma hanno mantenuto le loro posizioni nei confronti della Russia I presidenti di Brasile e Ucraina hanno tenuto il loro primo incontro a New York

Vigna ha confermato che l’azienda Dispone internamente dell’intelligenza software necessaria per produrre le proprie auto elettriche, anche se ha aggiunto che il gruppo ha anche stretto le partnership necessarie con gli sviluppatori di batterie per produrre un veicolo elettrico prima della scadenza del 2025.

Continuare a leggere

Questa è la Corvette che un vincitore della Indy 500 porterebbe nel suo garage come parte del suo premio in denaro
Come sta il lussuoso yacht “volante” che ricicla le batterie delle auto elettriche di marca tedesca?
Aston Martin collabora con Honda in Formula 1, ma continuerà ad alimentare le sue vetture stradali con motori Mercedes