Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un viaggio nella mente di un campione straordinario: Gaudio, Roland Garros e la finale più drammatica del tennis |  “Giocava non per vincere ma per resistere”: sono passati 20 anni dalla storica definizione contro Guillermo Correa

Un viaggio nella mente di un campione straordinario: Gaudio, Roland Garros e la finale più drammatica del tennis | “Giocava non per vincere ma per resistere”: sono passati 20 anni dalla storica definizione contro Guillermo Correa

“Era tutta fantascienza.” Cinque gruppi. Tre ore e mezza di puro dramma. Il tennis è uno sport emozionante Ma può raggiungere un altro livello: quando la posta in gioco va oltre la storia stessa del partito, Allora il gioco smette di essere un gioco. Il peso psicologico va oltre ciò che accade in campo.

Quella partita contrappose due tennisti argentini l’uno contro l’altro, ma solo uno emerse come il favorito per vincere la coppa. Due giocatori con una storia comune saranno i protagonisti di un film impossibile da replicare. Nessuno al mondo immaginava un risultato del genere. La realtà ha trionfato sull’immaginazione.

Sono trascorsi 20 anni da questo irripetibile risultato Gastone Gaudio Nella finale del Roland Garros vs Guillermo Correa. Era il 6 giugno 2004 e la città di Parigi era dipinta di bianco e blu brillante. Fino a quel giorno Gaudio, allora 44° nella classifica mondiale, aveva avuto Ha interpretato ruoli eroici nella sua vita. Era il suo momento nella storia. Senza essere etichettato, si è fatto strada e ha tratto il meglio da ciò che aveva.

“Vincere il Roland Garros è il sogno di ogni tennista. Era da molto tempo che arrivava, penso di averlo già ignorato, ma Il Roland Garros durerà tutta la vita e anche per i miei figli. Sono felice di aver realizzato il sogno che avevi fin da quando eri piccolo, quando inizi a giocare e dici che voglio essere il numero uno, vincere il Roland Garros, vincere la Coppa Davis. “Ho raggiunto uno dei tre e sono felice della mia carriera”.Gaudio una volta disse Chat esclusiva con Página/12.

Correa e Gaudio hanno avuto una storia ricca di litigiE controlli e tensione. Si odiavano. Il primo, imbattibile sulla terra battuta, era destinato a vincere il Roland Garros. Il Gato, invece, firmò a Parigi la sua copia migliore: Aveva vissuto i primi turni con una certa tensione, e nei due scontri precedenti la finale, Ha preceduto l’ex numero uno australiano Lleyton Hewitt e il connazionale David Nalbandian.

READ  Godoy Cruz-Platense: Due persone fanno la storia

“Gaston stava già migliorando ma all’estero non se ne è accorto molto. Lo abbiamo visto nei tornei precedenti aveva già iniziato a giocare bene. Non era affatto un candidato. Non ne avevamo idea e il nostro obiettivo non era vincere il Roland Garros. Era chiaro che era molto meglio. Nemmeno nella mia testa”, ricorda lo psicologo Pablo Pecora, che faceva parte della squadra dell’ex numero cinque del mondo, in un’intervista a questo medium.

Ti saresti mai aspettato che Gaudio vincesse a Parigi? “Non avevo realizzato che avrei vinto il Roland Garros, ma la partita con Hewitt è stata fantastica. L’anno successivo, io e Gaston andammo al museo e guardammo di nuovo quella partita. Era una gita e lezioni di tennis. Lì ho pensato: “Questo ragazzo sta giocando a qualcos’altro.” Sebbene Hewitt fosse più duro sui tiri veloci, Quella partita sembrava una partita tra club. “Non è facile vincere così: tutta la partita è stata la stessa”, ha detto.

“Resistenza per vincere”

Sono state tre ore e mezza con tutto: Suspense, crampi coreani, dramma da un altro pianeta, paura e dolore e una quinta raccolta per i posteri. Con tutto il Paese dietro: 50 punti di valutazione per guardare la partita finale delle finali. I due match point ottenuti dalla Corea, che ha mancato la coppa per pochi millimetri, riflettono cosa significa la linea sottile tra vittoria e sconfitta. Gaudio vinse 0-6, 3-6, 6-4, 6-1 e 8-6 in una partita che avrebbe cambiato le loro vite per sempre.

“La finale è stata una battaglia emozionante, con tutti gli alti e bassi. La chimica delle emozioni cambia in pochi secondi. Quello che è successo è che in questa partita l’alchimia cambiava continuamente: la Corea vince, Gaudio può vincere, ma ora la Corea può vincere, ma Gaudio vince. Ci sono stati molti alti e bassi emotivi, tipici delle strategie mentali di ogni persona. Rianimato Pecora, che ogni sera gli scriveva una mail: Gaudio aveva l’abitudine di leggere le sue email la mattina Lo specialista e pioniere della tennisterapia in Argentina – si è formato negli Stati Uniti con Jim Lohr, che ha integrato la psicologia nel tennis prima degli anni ’90 e ha lavorato con giganti come Navratilova, Lendl, Agassi, Seles e i suoi compagni. Gabriela Sabatini – Assicurati che il giocatore legga visivamente e poi lo elabori nella conversazione.

READ  Jannik Sinner guida l'Italia alle semifinali di Coppa Davis a Malaga

L’istinto di sopravvivenza di Gaudio finì per prevalere in un continuo scontro di emozioni. Per Pecora, la sua forza d’animo era radicata nella sua capacità di non pensare: “Credo che la strategia di Gaudio sia stata quella di resistere. Resistere mentalmente, resistere, resistere. Quando Correa non è riuscito a chiudere due match point, la porta si è aperta. Non ho giocato per vincere, ma per resistere giocando bene, come potevo. Resistenza significa restare in gioco, essere sempre in gioco. “Posso vincere o perdere, ma vivo nel gioco e faccio tutti i punti fino alla morte.”

Trova la vittoria

“Penso che Gaston non abbia mai pensato a tutto ciò che era in gioco o alla storia. Ha giocato punto per punto. Ecco perché ha vinto: non pensava a cosa sarebbe successo e la sua mente non andava da nessun’altra parte. Affronta la vittoria, ma in realtà questo incontro con la vittoria è realizzato nell’idea di resistenza.Combatti, combatti qualunque cosa accada. “Ecco perché ha ritrovato se stesso, perché non ci aveva mai pensato prima”, dice Pecora.

Alla fine Gaudio vinse la battaglia mentale. Ma non solo contro la Corea, ma contro se stesso. Non pensava al risultato. È rimasto in campo. Si ritirò nel presente. Non immaginava nulla di strano Nemmeno quando il suo avversario aveva le convulsioni e riusciva a malapena a muoversi Durante il quarto gruppo. Aveva una storia alle spalle: il mago lo aveva battuto l’anno scorso ad Amburgo e lo aveva salutato mentre zoppicava verso la rete. Il gatto ha imparato da quell’esperienza: non ha mai guardato dall’altra parte.

READ  Controverso elenco delle 10 squadre più preziose al mondo: l'incredibile posizione della squadra di Lionel Messi al Paris Saint-Germain

Lo psicologo, che conosce bene Correa, ha descritto la corazza di Gaudio: “La forza è restare nella lotta. Gaston ha iniziato la partita finale molto male perché era in preda al panico e terrorizzato. Era troppo grande per lui perché non era il nostro obiettivo e non lo avevamo pianificato in quel modo. È la verità: ha superato le nostre aspettative. Il vantaggio di Gaston è stato che ha giocato la finale: ha dato il massimo e ha preso tutti i punti. Giocava senza pensare. succo”.

Millimetri che definiscono tutto

Pecora, dopo un po’ di partita, Ha chiesto a Gaudio il suo pensiero durante i due match point di Correa. Entrambi i punti si sono conclusi con la palla che usciva a pochi millimetri: uno era aperto e l’altro era largo. Cosa immaginava il giocatore in quei momenti meravigliosi?

“Gaston mi ha detto che è stato un sollievo per entrambi; Cioè, non lo erano I vincitori lontano da esso. Uno usciva a destra e l’altro era lungo. L’uomo era in tutte le palle. chi ha un vantaggio mentale”, governare. Gaudio ha dominato l’immaginazione anche sull’orlo del baratro.

[email protected]