Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ha perso gli arti a causa di una malattia ed è diventata un’icona dello sport: la commovente storia di vita di un’atleta paralimpica

Ha perso gli arti a causa di una malattia ed è diventata un’icona dello sport: la commovente storia di vita di un’atleta paralimpica

Beatrice Vio è una stella dell’atleta paralimpica (Augusto Pizzi)

La vita del Beatrice Vecchia È rimasta segnata per sempre quando, ancora ragazzina, muoveva i primi passi in questo sport. Aveva 12 anni quando contrasse una malattia che colpì gli arti.. La ragazza ha contratto la meningite dal suo vicino perché il medico ha raccomandato ai suoi genitori di non vaccinarla a causa della sua giovane età. Questa decisione ebbe una conseguenza scioccante per il futuro dell’italiano.

La situazione medica di Vio si è complicata: La malattia si è trasformata in necrosi, costringendo gli specialisti ad amputargli gli avambracci e le gambe sotto le ginocchia.. È stata ricoverata in ospedale per più di tre mesi quando ha iniziato la riabilitazione. Doveva imparare a usare le sue nuove protesi. Doveva imparare a vivere la sua nuova vita.

Oggi, a più di dieci anni dalla sua rinascita, Pepe è cambiato: È passata dall’essere un’adolescente malata a un’icona dello sport globale. Grazie alla sua mentalità travolgente, creò un’immagine che trascendeva il suo status di atleta paralimpica e le permetteva di sedersi allo stesso tavolo con altre grandi figure, come l’ex Presidente degli Stati Uniti. Barack ObamaO anche avere il tuo modello di bambola Barbie.

Dall’Italia ho parlato con il campione delle Paralimpiadi di Rio 2016 informazione Per rivedere la sua toccante storia di vita. “Ero molto giovane quando ho avuto una grave meningite e non potevo credere che stesse succedendo a me.. Io e la mia famiglia avevamo molta paura e non eravamo preparati a questa situazione, ma siamo stati uniti e abbiamo affrontato insieme le difficoltà, sostenendoci a vicenda nei momenti più difficili. Bibi ricorda come è riuscita a superare la malattia con l’aiuto della sua famiglia: “Lo abbiamo fatto insieme!”

L’esercizio fisico è stato una delle chiavi di Vio per ottenere questo rapido recupero. “Ho sempre amato lo sport”, dice. All’età di cinque anni, mentre frequentava la sua prima lezione di pallavolo, l’italiana scappò dalla palestra ed entrò accidentalmente in un’altra stanza. “Ho incontrato un grande insegnante di scherma e mi ha chiesto se volevo provare… e 10 minuti dopo mi sono innamorato di questo fantastico sport.”

Il fascino dell’italiana per questa disciplina era così grande che poterla praticare nuovamente è stato il carburante che l’ha motivata a riprendersi più rapidamente dalla malattia. Suo padre lavorava in un centro ortopedico per produrre le protesi necessarie Ma in un primo momento Bibi non si aspettava il cambiamento che l’ha costretta a stare su una sedia a rotelle per praticare il suo sport.

Lo schermidore italiano vincitore dell’ultima medaglia d’oro ai Mondiali 2019 (Augusto Pizzi)

“Fin da piccolo sognavo di partecipare ai Giochi Olimpici. Dopo che mi sono ammalato, l’unica cosa che mi rendeva felice era la voglia di duellare ancora.. La scherma in piedi non era possibile, ma non volevo provare la scherma in sedia a rotelle. Lo consideravo uno sport per disabili.“Avvertì Fio.

READ  Il ritorno contro il Napoli e il record tolto a Garnacho

Ma non è stato così: “I miei genitori avevano programmato un allenamento di scherma in sedia a rotelle e mi è piaciuto moltissimo, più di questo sport che facevo prima di ammalarmi”, ha aggiunto.

Dopo quattro mesi di ricovero, la giovane, nata in un comune della provincia di Treviso, è tornata ad allenarsi. Due anni dopo, indossò le sue protesi e gareggiò per la prima volta, con l’obiettivo di realizzare il suo sogno di essere sul palco più grande del mondo dello sport. Ma a causa della sua giovane età, il tecnico della Nazionale italiana non l’ha convocata per le Paralimpiadi di Londra 2012.

Tutto è cambiato nel tempo per Pepe. Quattro anni dopo, in Brasile, ha avuto la sua prima esperienza paralimpica. Ha condiviso il villaggio con migliaia di altri atleti adattativi e, grazie alla sua abilità, è stata incoronata campionessa. “Le Paralimpiadi di Rio sono state un’esperienza straordinaria!” “Non riesco a spiegare quanto sia stato divertente prendere parte al più grande evento sportivo del mondo!”Egli ha detto.

Bebe Vio è diventata un’icona sportiva mondiale (@bebe_vio)

A Rio 2016, View ha vinto tutti gli incontri. Constatando di essere diventato campione del mondo l’anno precedente, lo schermidore italiano ha superato tutti i favoriti per vincere la medaglia d’oro. “Quell’anno è stato molto stressante per me perché a luglio ho sostenuto l’esame finale del liceo e a settembre ho partecipato alle Paralimpiadi. Volevo davvero fare bene entrambe le cose e ho dovuto lavorare duro per riuscirci studiato di notte. Bonus Quindi, essendo stato tedoforo a Londra 2012 nel ruolo di “rappresentante dei futuri atleti paralimpici”, ho sentito la responsabilità di dimostrare a tutti che con il lavoro e la responsabilità si può raggiungere qualsiasi risultato molto per ottenere la medaglia d’oro perché ho lavorato così duramente per ottenerla!” ha detto Pepe. informazione.

READ  Jorge Prieto ha rivelato quando ha appreso della decisione di Gallardo di lasciare il River

Dopo essere diventata una campionessa paralimpica, la sua storia è diventata virale. Questa ragazza, che aveva uno dei casi più gravi di meningite, è sopravvissuta alla malattia ed è diventata un modello per altre persone con disabilità. Come hai approfittato di questa popolarità per aumentare la notorietà tra i tuoi follower?

“Per me lo sport è una parte essenziale della vita di tutti e può aiutare a socializzare e ad acquisire coraggio. Cerco di usare la mia visibilità per parlare del mondo delle Paralimpiadi e della disabilità. “Tutti possono fare sport!”.È stato il messaggio che l’italiana ha scelto per sottolineare il valore dello sport nella sua vita.

Inoltre, per Pepe, il modo migliore per mostrare al mondo com’è la vita di una persona con disabilità è aprirsi in modo che gli altri possano vederlo. “A volte gli adulti hanno paura delle mie protesi. Mi toglievo le braccia e le davo alle persone che mi guardavano. Pensavano che fossi pazzo, ma quello che volevo era dimostrare che questo è normale ed è così che affrontano la disabilità.“.

Una bambina con la sua modella Barbie (@bebe_vio)

Oltre a utilizzare i social media per mettere in risalto il suo stile di vita e la sua formazione, Beatrice lavora anche per aiutare i giovani che hanno subito amputazioni. Creato con i suoi genitori Arte per lo sport, Un’organizzazione che considera lo sport una cura e aiuta le persone a integrarsi nella società attraverso lo sport.

“Sono stata fondata nel 2009 per aiutare tutti i bambini amputati che si trovavano nella mia stessa situazione”, ha detto Bebe, che ha dato alla luce l’atleta sudafricano. Oscar Pistorius E un ex pilota automobilistico che in seguito divenne un ciclista adattivo Alex Zanardi Come esempio per raggiungere la gloria sportiva.

Il 2020 non sarà solo un anno in più per Vio. Significava la possibilità di riaffermare la sua medaglia d’oro alle Paralimpiadi ai Giochi di Tokyo 2020, ma la diffusione della pandemia di coronavirus ha costretto l’evento a essere rinviato al 2021. Lungi dall’annullare la sua competizione di altissimo profilo, lo sport modificato ha goduto della prima di un dietro -documentario sulle scene.

L’ascesa della Fenicepresentato in anteprima su Netflix in più di 190 paesi lo scorso agosto, ha visto l’impressionante partecipazione di Pepe, uno dei volti scelti per mostrare come si può diventare una persona di influenza globale nata nel mondo delle Paralimpiadi. “Ho aderito al progetto perché voglio mostrare a tutti cosa significa il mondo delle Paralimpiadi e della disabilità, che oggi è ancora sconosciuto ai più”.La vista è stata analizzata.

READ  Le statistiche della partita che il River ha perso 2-1 contro Sarmiento nel Monumental

“Il documentario racconta la storia di nove atleti paralimpici e, allo stesso tempo, la storia delle Paralimpiadi dagli inizi fino a Rio 2016. È davvero interessante!” Si è aggiunta la tre volte campionessa mondiale di scherma, che dovrà aspettare fino al prossimo anno per continuare a far crescere la sua leggenda come una delle migliori atlete al mondo.

“La vita è molto bella” è il motto dell’italiana paralimpica, medaglia d’oro a Rio 2016 (@bebe_vio)

“Il mio prossimo obiettivo sono sicuramente le Paralimpiadi di Tokyo. Ho scoperto che il rinvio è stata la decisione giusta e per me non è un problema, avrò più tempo per allenarmi ed essere al meglio delle mie possibilità”, ha detto Pepe. Grazie al rinvio dell’evento sportivo alla prossima stagione, sta sfruttando il tempo per studiare all’università con l’obiettivo di laurearsi.

Da lontano, Baby View le mostra il valore di essere lei. “La vita è così bella”Lo ha detto in diverse occasioni quando le hanno chiesto come fosse riuscita a superare questa malattia che la definiva per sempre. Anche lasciando macchie sul corpo. Con il desiderio di competere ai Giochi Olimpici, l’italiana ha messo da parte ogni analisi della sua condizione fisica ed è diventata Uno dei più grandi atleti del mondo, nonché fonte d’ispirazione per una nuova generazione di giovani. Questo è il suo messaggio e lo ha chiarito dopo questo discorso.

“Ragazzi, dovreste credere in voi stessi e nei vostri sogni e lavorare duro per realizzarli. Non mollate e puntate dritti al vostro obiettivo!

Maggiori informazioni su questo argomento:

L’atleta olimpico argentino trasferitosi negli Stati Uniti e che passerà alla storia del nuoto: “Ho deciso di ricominciare da zero a 20 anni”
Obiettivo Tokyo 2020: come si allenano i migliori personaggi dello sport argentino in mezzo alla pandemia