Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un secolo di scandali nel calcio

Un secolo di scandali nel calcio

Non c'è niente di nuovo sotto il sole nelle scarpe europee. Lo scandalo scommesse riemerge in Italia, periodicamente scossa dalla corruzione oligarchica nel calcio. La maggior parte dei casi segue uno schema comune: indagini, punizioni e grazia. I giovani Sandro Tonali, Nicolo Zaniolo – annunciato in occasione delle convocazioni in Nazionale – e Nicolo Fagioli, sono i tre giocatori individuati in un sistema di scommesse illegali. I primi tre. Non saranno gli ultimi.


Colpevole e campione del mondo

conteggio La Gazzetta dello Sport È stata la prima persona accusata di scommesse sul calcio e condannata Luigi Allandi nel 1927. Quel torneo venne annullato dalle autorità, che dovettero ricordare che gli atleti non potevano accettare regali o tangenti per alterare i risultati. Fu l'unico a essere punito, ma dopo un anno fu graziato. Nel 1934 fece parte della squadra italiana che divenne campione del mondo.

“Tutonero” di Paolo Rossi

Il precedente di Allandi, che si ripete con Paolo Rossi, attaccante squalificato per due anni (inizialmente tre) nel 1980, ma convocato per i Mondiali del 1982. Diventa capocannoniere del torneo e l'Italia vince lo scudetto. amnistia e una generale riduzione delle sanzioni.


Rossi fu squalificato per due anni, poi riemerse e fu convocato per i Mondiali del 1982, dove fu capocannoniere ed eroe del torneo.

Era il nome più brillante 27 giocatori punitiMa ce n'erano altri di statura simile, come il portiere Enrico Albertusi, o i giocatori Bruno Giordano, Leonilo Manfredonia e Pepe Savoldi. Milan e Lazio retrocessero in Serie B e cinque club iniziarono la stagione successiva con cinque punti di vantaggio. Tra i leader, Felice Colombo, Presidente del Milanha ricevuto la punizione peggiore con la squalifica a vita.

READ  Marta Perez e Lucas Llorente condividono il Premio Sportivo. Vedi tutti i premi

Il complotto è stato scoperto a seguito di una denuncia per truffa presentata da un fruttivendolo di Roma, Massimo Crocianni, e da un ristoratore della capitale, Alvaro Trinca, che hanno accusato alcuni giocatori della Lazio di aver violato gli accordi sulle partite truccate, causa del fatto. a loro. Perdite in milioni di lire.

Juventus, Lazio e Milan retrocedono in Serie B per corruzione in varie fasi

La persona corrotta che si presenta letteralmente

Inoltre non ha avuto problemi ad affrontare un altro nome malvagio Calcio: Eugenio Gaggiotti. Era spudoratamente orgoglioso dei suoi beni Ha identificato 69 partite truccate Negli anni Cinquanta e Sessanta era considerato il più corrotto del calcio italiano. Aveva due fratelli calciatori, di cui uno professionista, e questa vicinanza lo aiutò a creare legami relazionali che portarono ai reati di corruzione e compravendita. Ha anche mediato acquisti e trasferimenti misteriosi.

Gaggiotti lavorava da solo, senza seguire ordini superiori, e corrompeva i calciatori per ottenere risultati. Ha avuto l'audacia di offrire i suoi servigi tramite una lettera ai presidenti di tutti i club di prima, seconda e terza divisione. Alla fine si è vantato in un'intervista di essere più pieno “Un capolavoro, una serie di capolavori” Per manipolare il calcio per due decenni.


Dopo la retrocessione della Juve, Cannavaro firma per il Real Madrid, mentre Thuram e Zambrotta arrivano al Barcellona.

Calciopoli nel 2005

Lo scandalo noto come Calciopoli Hanno partecipato solo i capitani e gli arbitri dei club. L'origine sta nei colloqui dei direttori generali della Juventus (Luciano Moggi e Antonio Giraudo) con il responsabile arbitrale della federazione Pierluigi Barreto per ottenere “servizi” con un arbitraggio favorevole.

READ  Perù vs. Ecuador | Gianluca Lapadula: prensa italiana destacó su presencia ante Colombia | NCZD DTBN | DEPORTE-TOTALE

Non solo la Juventus ha vinto con Barreto, ma l'ex arbitro ha esteso il suo aiuto anche a Milan, Fiorentina e Lazio. Nel 2006, lo stesso giorno in cui la squadra giocava la semifinale della Coppa del Mondo, che alla fine vinse, fu pronunciata la sentenza: La Juventus ha perso il campionato due volte (2005 e 2006) Retrocesse in seconda divisione con 30 punti in meno (alla fine furono solo 9). Fiorentina, Lazio e Milan hanno iniziato il torneo con diversi punti in meno (inizialmente erano 30 punti sotto). La retrocessione della Juve ha portato alla partenza di diversi giocatori. Fabio Cannavaro, vincitore del Pallone d'Oro, è finito al Real; Lilian Thuram e Gianluca Zambrotta a Barcellona.

Conte e Buffon sono offuscati

Le scommesse sul calcio sono state legalizzate nel 1998 – fino ad allora si poteva scommettere solo sulle corse dei cavalli, fuori Quiniella – e dal 2002 attraverso le reti, raddoppiando il giro d'affari, sia legale che illegale. Tra il 2011 e il 2015 sono stati aperti diversi filoni di indagine per sospetti di partite truccate e pagamenti illeciti effettuati da alcuni club, in cui sono state coinvolte più di cento persone.

Conte è stato accusato di non aver denunciato presunte irregolarità mentre era allenatore del Siena ed è stato assolto.

Cristiano Doni, ex calciatore dell'Atalanta e della Nazionale italiana, Ha ammesso il suo coinvolgimento nelle partite truccate nel 2011 e ha annunciato di averlo fatto a beneficio della sua squadra. Pepe Signori, ex capitano della Lazio e tre volte capocannoniere del campionato italiano, era uno dei 16 detenuti. Doni è stato condannato solo dalla giustizia sportiva, non da quella ordinaria, proprio come Signori: 5 anni.

READ  Guardando Boca Juniors: Cruz Azul doveva essere offerto a Christian Pavon e Paul Fernandez potrebbero entrare in trattative

E in questo stesso caso, esteso e duraturo nel tempo, è stato coinvolto lui Antonio Conte, Per cui è stato tenuto al pagamento di una sanzione sportiva e di un'altra sanzione civile. Nel corso del caso ha allenato la Juventus, la Nazionale italiana e il Chelsea. Hanno iniziato a chiedere 15 mesi di privazione È stato in carcere per 6 mesi, ma è stato assolto definitivamente nel 2021. È stato accusato di essere stato a conoscenza di due casi di truffa quando era allenatore del Siena, prima di approdare alla Juventus, e di non averli denunciati.

“Se scommetto e non assisto mai alle partite è perché nella vita dobbiamo trovare una violazione. Non vado nei club, non ho mai preso droghe e ho avuto una sola donna”.

Gianluigi Buffon

Fonte internazionale

Il nome del Gianluigi Buffon per essere uno scommettitore ad alto rischio. In effetti, è ricomparso di nuovo, perché nel 2005, con Calciopoli Chi approdava alla Juventus, era noto per giocare d'azzardo con i soldi. Ha smesso di farlo quando i regolamenti lo hanno vietato. È stato completamente prosciolto nel 2016.

Ha lasciato questa elegia, che ha anche copiato Gazzetta dello Sport: “Se scommetto e non assisto mai alle partite è perché nella vita bisogna trovare una violazione. Non vado in discoteca, non mi sono mai drogato e ho avuto una sola donna”. La debolezza di Buffon.