Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Marcelo Gallardo, dopo un nuovo titolo con il River Plate: “Riconsiderare seriamente se continuare o meno”

Il River Plate ha raggiunto l’obiettivo ed è diventato il campione della Pro League. Batti il ​​Racing Club 4-0 allo Stadio Monumentale E così ho festeggiato Indirizzo numero 68 dalla sua storia. Marcelo Gallardo è riuscito a cancellare la spina per vincere il suo primo campionato nazionaleDa allora ha vinto cinque Coppe Nazionali e sette Coppe Internazionali. con oggi, La bambola ha vinto il suo tredicesimo titolo come allenatore milionario.

Naturalmente, una delle domande più frequenti negli ultimi tempi riguarda Continuità dopo dicembreLa data in cui scadrà il suo contratto con il River Plate. in questo senso, Gallardo non ha battuto il cespuglio e ha ammesso: “Il mio contratto è in scadenza ed è la prima volta che ricopro questa posizione. Hai dato tutto per il club fino ad oggi, e qui devi essere al massimo delle tue potenzialità. Penso di meritare la possibilità di ripensare a me stesso Perché hai bisogno di molta energia”.

in conversazione con ESPN, Il Gioco detto questo Finora non ci ha pensato, Per rispetto di quando giocava il club, ma il campionato era finito Ora analizzerà il suo futuro. “Sì, penserò a me stesso. No, non l’ho ancora fatto perché abbiamo giocato molto e non volevo andare avanti. D’ora in poi.Valuterò seriamente se seguire o meno. Per tutto quello che ho detto. River merita di essere responsabile di questo reparto con molta energia e C’è stata molta usura in questi anni al di là delle gioie”.

“La gente pensa che sia così, che tu possa rilassarti e vivere con tranquillità. E io non mi sento così. Vivo le cose troppo intensamente e non mi riposo. Sarebbe un male per il club. Quindi devo ripensarci. Non so quando lo farò, ma sarà molto difficile prenderla sul personale Potrebbe essere la decisione più difficile della mia vita”.Segui Gallardo, che anche Parla di un giorno speciale per commemorare una nuova morte Da sua madre: I miei figli sono il mio bene più prezioso. Mia madre mi accompagna sempre e mi accompagna fino all’ultimo giorno. Quando è successo a lui, per poter camminare, ha voluto sedersi qui a Belgrano e io ho tanti ricordi e l’ho nel cuore. Per me è un giorno speciale”.

READ  Messi salva il Barcellona con due gol e va al campionato spagnolo

Altre frasi di Marcelo Gallardo:

“Condividere con tutte queste persone, con i giocatori, questi sono mostri. Bisogna essere preparati. Non ho smesso di pensare così tanto perché il vortice quotidiano ti porta a pensare a ogni partita. Sono stati sette anni di stress e usura, di concentrazione intensa e bisogna essere pronti a vincere. “Questa è una squadra che si è formata con tante situazioni opposte. Quando abbiamo perso con Mineiro in Coppa e ci sono successe delle cose, ci siamo ripensati. Abbiamo dovuto ripensarci e lì i giovani si sono presentati con tutta la freschezza e i grandi che avrebbero potuto scendere. La partita di oggi riassume un po’ quello che eravamo”.

“Siamo un gruppo di 60 persone che ci sono tutti i giorni, persone che non si vedono, accompagnano, spingono. Ecco perché il ripensamento si ha ed ecco perché svanisce. Sostengono la domanda e la assecondano molto bene, quindi sono molto grato a loro. Cerchiamo sempre di essere Noi siamo i campioni. A volte quando non ci danno benzina, abbiamo dovuto scegliere”.

“Quando ho scelto di partecipare ai tornei internazionali è stato perché questo club aveva il conto sospeso e abbiamo fatto un buon lavoro. Siamo stati sempre coerenti su quanta benzina poteva darci. Fino a quando non siamo stati eliminati in Copa Libertadores siamo stati battuti . Quando ci siamo concentrati sul campionato eravamo indietro e questo è ciò che ha costituito una grande sfida per noi. Abbiamo ottenuto 34 punti su 36 ed è una grande gara. Abbiamo fatto punti in certi momenti con una squadra che è andata in pezzi e lo sappiamo si può fare e questo ci rende orgogliosi dei modi per raggiungerlo”.

“A volte chiedo a lui (a suo padre) perché il vecchio ha nostalgia di casa. Come tutti i padri, si sente molto definito. Quando ci incontriamo parliamo di vita, non di come dovrebbe giocare la squadra. Non mi chiede niente”.

“Mi sono tolto il cappello (con lo staff), sono incondizionati, sono leali, li conosco da quando eravamo bambini e mi sento molto orgoglioso di loro”.

“Queste cose vanno godute. L’esplosione di (Julián Alvarez) in questa classe è ben indicativa della sua passione, della sua professionalità e della sua testa. Quando l’abbiamo visto tre anni fa eravamo interessati. Sicuramente ha molto per la testa e dobbiamo accompagnarlo all’interno della gamma normale possibile. Con il loro ambiente più vicino dovranno analizzare cosa fare. L’ambiente di Julian dovrà decidere. Può ancora essere molto economico (in vendita) e avere molto da crescere. “

READ  Matteo Larina torna all'alta competizione in Italia!

“Mi sento bene, non solo per gli elogi, ma per il lavoro e i processi. Viviamo in un Paese molto difficile dove l’urgenza è messa davanti a molte cose e siamo molto critici e incoerenti con i modi di esprimerle. Il fatto è che che se i processi sono rispettati e il lavoro è affidabile, non solo come allenatori, ma anche a livello generale, possiamo avere un paese migliore”.

“Quando ho pensato di diventare un allenatore, non sapevo se sarebbe stato un allenatore di carriera. Ho trovato in questa professione una professione che mi fa sentire vivo e mi nutre. Quando trovi una passione è molto più facile”.

“Era un bel gruppo e sono cresciuto con loro (con Astrada e la società) e non solo dalle parole ma dai comportamenti e dai fatti. L’allenamento mi ha svegliato il 28/29 quando ho iniziato a chiedere agli allenatori perché ci alleniamo in un modo , perché giochiamo così. È stato allora che mi ha svegliato la questione dell’essere un allenatore. Dopo i 30 anni volevo approfondire l’argomento. Oggi dico ai giocatori più grandi che dopo i 30 stanno pensando a cosa faranno perché non c’è è un vuoto molto grande.

“So che non sarà un allenatore (Ponzio), ma sarà associato al calcio”.

“Ora mi riposerò un po’ di più, ma sabato preparerò la squadra per vedere chi giocherà domenica. Ecco perché la spirale del continuare a guidare ti porta a non goderti i piccoli momenti. Quello che amo è vedere io stesso rappresentato dalla squadra, non sono io a mettere un termine che mi ricordi me”. Il modo in cui gioca la sua squadra è la più grande rappresentazione che un allenatore possa avere”.

“Ci sono molte persone che credono. In quel momento ho sentito che in quel momento possiamo ottenere delle cose. Quando l’ho detto alle persone, non era solo un’altra frase, ma una convinzione che possiamo ottenere qualcosa e l’abbiamo fatto , anche con così tante partite impegnative. Puoi dire Qualcosa, ma se non ha un abbonamento, è inutile. Quindi il mio eterno grazie a tutti i giocatori che mi hanno risposto. Eravamo buoni perdenti quando era il nostro turno di perdere e ce lo siamo meritati. E quando vincerai, non sarai nemmeno in una spirale discendente di successo.”

READ  Il fiore della mia grazia, lancia una freccia verso un futuro più impegnato - Polideportivo

“Eterna gratitudine alla gente del River Plate. Dopo quasi due anni senza poter vedere la gente a causa di questa dannata pandemia, siamo riusciti a rivederci. Dopo questo disaccordo che non ha portato a questa situazione, la gente merita di festeggiare”.

Continuare a leggere: