Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo studio sullo stress adolescenziale suggerisce un nuovo modo per affrontarlo: migliorarlo piuttosto che evitarlo |  Salute e benessere

Un nuovo studio sullo stress adolescenziale suggerisce un nuovo modo per affrontarlo: migliorarlo piuttosto che evitarlo | Salute e benessere

Questi sono tempi turbolenti dell’adolescenza. È pieno di cambiamenti fisici, psicologici e di adattamento, aspettative accresciute e grande pressione sociale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che è un “periodo critico” per lo sviluppo di abitudini sociali ed emotive importanti per la salute mentale. non in vena, La metà dei problemi di salute mentale compare a questo punto della vita. La prevenzione è diventata, a grandi lettere, una necessità urgente e ispira anche la comunità scientifica a modificare uno dei maggiori fattori di rischio per la cattiva salute mentale: lo stress. Uno studio pubblicato oggi sulla rivista temperare la natura Con oltre 4.000 adolescenti, affronta questa minaccia nei giovani e propone, attraverso un intervento in linea Solo 30 minuti, una specie di cambiamento nel significato di stress: niente di meglio per proteggersi da esso che sopportarlo, capire cosa succede al corpo quando i livelli di stress aumentano e trasformarlo in qualcosa di positivo per migliorare l’apprendimento e la gestione di questi le cose. Situazioni.

con interferenza in linea Mezz’ora dopo, i ricercatori si sono allontanati dalla visione negativa dello stress e hanno cambiato prospettiva. Gli adolescenti devono acquisire un’ampia varietà di abilità sociali e intellettuali complesse mentre passano a ruoli sociali adulti e si preparano all’indipendenza economica. Questo processo di sviluppo è intrinsecamente stressante, ma è anche essenziale per il compito di diventare un adulto”. Ti invitano a interagire in modo positivo con Le pressioni accademiche e sociali di quella fase della vita, Come i problemi di relazione tra pari o la paura del rifiuto, per esempio.

David giustifica: “Lo stress è uno dei problemi più gravi che i giovani devono affrontare oggi e la maggior parte dei trattamenti non funziona, quindi avevamo bisogno di una nuova innovazione scientifica per sviluppare nuovi trattamenti”. Yeager, ricercatore presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università del Texas e coautore dello studio. Gli autori suggeriscono un intervento a distanza che i bambini possono fare da soli, senza supervisione o aiuto esterno. Invece di ridurre o evitare lo stress, cercano di “migliorarlo” per trarne il massimo, spiega Yeager: “Le persone spesso chiedono agli adolescenti di affrontare lo stress distraendolo o evitandolo. Ma questo non arriva alla radice il problema, che deriva da tutti i requisiti stressanti scuola e lavoro. La nostra strategia alternativa è insegnare ai giovani ad accettare le loro sfide e utilizzare le loro risposte allo stress come carburante per prestazioni ottimali. Lo facciamo cambiando il tuo modo di pensare: le tue convinzioni su le tue capacità e le tue risposte allo stress”.

READ  Crea e valorizza i "moai", il segreto giapponese per le vere amicizie che garantiscono la tua salute mentale e spirituale

I ricercatori intervengono attraverso “attività mentale sinergica”, che consiste in un duplice approccio: una mentalità di crescita, che è la convinzione che le capacità di ogni individuo possono essere sviluppate e che i fattori di stress possono essere benefici e gestibili quando si imparano le abilità per superarli; e una mentalità che migliora lo stress, che si basa sulla comprensione della risposta fisiologica a questa condizione (mani sudate, sensazione di ansia…) e sul vederla positivamente, come uno strumento di miglioramento delle prestazioni.

L’intero studio è stato condotto in doppio cieco: c’era un gruppo di studenti che ha ricevuto l’intervento e un altro gruppo, il gruppo di controllo, che non l’ha fatto, e nessuno di loro sapeva chi ha ottenuto cosa. In pratica, l’intervento consisteva nel fornire alle neuroscienze informazioni sulla capacità del cervello di sviluppare connessioni più forti quando affronta e supera le sfide, spiegando Le reazioni del corpo ai fattori di stress (palpitazioni, sudorazione, sentimenti di ansia…)Fornire una sintesi della ricerca scientifica sulle prestazioni umane e sullo stress e mostrare le esperienze dei partecipanti precedenti (studenti più grandi, se presenti). Al gruppo di controllo sono stati offerti anche 30 minuti di attività in lineama con contenuti diversi.

Gli scienziati hanno testato il loro intervento in sei prove che hanno coinvolto un totale di 4.291 studenti americani. Tutti gli studi si sono concentrati su fattori di stress comuni nell’adolescenza, come immaginare di fare un’azione in breve tempo sull’argomento che non gli piaceva di più o dover fare una presentazione orale. Quindi hanno analizzato i livelli di stress degli studenti, in base a vari parametri, come il benessere emotivo, i sintomi di ansia oi livelli di cortisolo, l’ormone che il corpo secerne in situazioni di stress.

I risultati di queste variabili hanno dimostrato i benefici di una singola sessione di 30 minuti di questa “attività mentale sinergica” che, inoltre, secondo i ricercatori, è facilmente scalabile tra gli adolescenti. Gli scienziati hanno osservato gli effetti della tecnica fino a nove mesi dopo l’intervento chirurgico, ma vogliono testarlo ulteriormente, ammette Yeager.

READ  Nonostante tutto, continuano a studiare medicina, di Jordi Alberich

Esther Calvet, professoressa nel dipartimento di psicologia dell’Università di Deusto e direttrice della Deusto Stress Research, conosce bene le tecniche utilizzate dai ricercatori statunitensi. Si chiamano “interventi intelligenti” –saggi interventi, in inglese – spiega: “Si tratta di un modello di intervento che ha il vantaggio di basarsi su conoscenze scientifiche molto accurate per attuare misure preventive. Ne esistono diversi tipi, ma hanno una cosa in comune, in generale, che sono tutti brevi, una seduta, che è un cambiamento nel modo in cui qualcosa viene interpretato nella nostra vita”. Un’altra caratteristica di questi interventi, aggiunge, è che sono “sottili”: “L’intervento si maschera come se avessimo bisogno del tuo aiuto. Entriamo per rispetto, chiediamo loro di aiutarci e questo, negli adolescenti, è un approccio questo non li fa ribellare o resistere, come di solito accade con la maggior parte degli interventi. [en este colectivo]. In questo modo diventano più coinvolti e assorbono meglio le informazioni”.

In caso di studio temperare la naturaCombina due di questi saggi interventi, Il ricercatore sottolinea: “Il primo è classificare i sintomi in modo diverso, perché quando ci rendiamo conto di avere quei sintomi tipici dello stress, ci sentiamo male ed entriamo in un circolo vizioso in cui facciamo tutto in modo fatale”. Sull’altra tecnologia, mentalità di crescita, Calvete ha anche fatto studi e Effetti comprovati sull’abuso tra pari online. “Possiamo avere convinzioni sui nostri tratti che sono come qualcosa di fisso e immutabile, ma si evolvono. Possiamo mostrare, con informazioni scientifiche su come funziona il cervello, come puoi cambiare la convinzione che hai sulla tua intelligenza o personalità, per esempio, ” aggiunge il ricercatore. Calvet conclude che questo tipo di approccio “ti porta a interpretare le cose in modo adattivo e a sentirti più in grado di gestire i fattori di stress”.

Grande potenziale

Anthony Ramos Quiroga, capo del dipartimento di psichiatria dell’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona, ​​difende il “potere” della ricerca statunitense. “È un intervento molto intelligente perché si basano su una realtà, ovvero che lo stress è lì. Si tratta di dare un ritorno a queste situazioni e vedere che puoi migliorarle da solo”, afferma il medico, che non è stato coinvolto in lo studio. Ramos Quiroga sottolinea anche che si tratta di un “sistema di auto-aiuto online che fai da solo, non hai bisogno di uno psicologo al tuo fianco”.

READ  La risonanza magnetica può monitorare il danno cerebrale nella sclerosi multipla

Anche Victor Pérez, Capo del Dipartimento di Psichiatria dell’Hospital del Mar di Barcellona, ​​apprezza positivamente questo intervento: “Ha un enorme potenziale se viene implementato in tutti gli Stati Uniti, ad esempio. Può essere fatto nelle scuole. Lo psichiatra , che non ha anche coinvolto nello studio, osserva che in situazioni con noti fattori di stress – come gli esempi quotidiani rivelati dallo studio – “si può adottare un approccio progressivo, addestrando il soggetto a conoscere lo stress e imparando a gestirlo”. Se ti adatti gradualmente allo stress, la tua capacità di evitarlo diminuisce. . Questo è ciò che facciamo nel trattamento delle fobie”, aggiunge lo psichiatra.

La chiave, dice Perez, è capire che lo stress ha parti positive: “Si tratta di riconoscere lo stress, che non deve essere sempre negativo e può aiutarti a reagire. E questo è tutto Oggi è un argomento caldo Perché anche le società indipendenti stanno prendendo in considerazione interventi per gli adolescenti per lavorare sulla gestione delle emozioni e dello stress”. è un intervento di breve durata, “può essere implementato su larga scala ad un costo molto basso”.

Tecnicamente, lo psichiatra Vall d’Hebron evidenzia il gran numero di partecipanti e che lo studio è stato in grado di replicare i risultati positivi in ​​sei diversi studi. Calvet aggiunge che la metodologia è molto semplice: “Ci sono molti esperimenti e più misurazioni mentono. Ha un supporto scientifico impressionante e la metodologia è della massima precisione”.

Puoi seguire Paese della salute e del benessere in FacebookE il Twitter E il Instagram.