Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un missile sparato dalla Siria è caduto vicino a un centro di ricerca nucleare in Israele

File foto: un missile sparato da Gaza in Israele (EFE / EPA / HAITHAM IMAD)

Un missile proveniente dalla Siria È caduto mercoledì intorno al Centro di ricerca nucleare israeliano a Dimona, Le sirene di allarme hanno suonato nella zona. Poco dopo sono apparsi i combattenti dell’IDF Hanno attaccato la batteria da dove era stata lanciata, Come indicato da fonti ufficiali

Secondo quanto riportato dalla stampa The Jerusalem Post, popolazione Intorno ad Abu Qurainat, dove suonarono le prime sirene, ea Gerusalemme 75 km a nord, Hanno detto di aver sentito “forti esplosioni”.

Successivamente è stato anche confermato che le forze di difesa israeliane Hanno sparato un missile Patriot, Parte del sistema di difesa israeliano, dopo il rilevamento di un proiettile lanciato dalla Siria.

Secondo la dichiarazione ufficiale, Sarà un missile antiaereo lanciato dalla Siria verso Israele. Non era chiaro se avessero preso di mira gli aerei israeliani, se fossero persi o se fossero stati lanciati per un altro motivo. Il proiettile ha fatto il giro ed è atterrato nel deserto del Negev vicino ad Abu Qurainat e Dimona, senza causare danni o lesioni.

In risposta, I combattenti israeliani hanno attaccato le batterie antiaeree siriane schierate al confine, Compreso quello da cui è stato lanciato il missile atterrato nel Negev.

Un missile terra-aria proveniente dalla Siria è atterrato nel Negev. In risposta (…) l’esercito israeliano ha bombardato la batteria da cui è stato lanciato il missile e altre batterie missilistiche terra-aria siriane “, Lo ha detto l’esercito israeliano in un breve messaggio.

Dimona, situata nel sud del paese, è casa Negev Shimon Peres Center for Nuclear Research, Una componente centrale del programma nucleare israeliano. L’area è raramente l’obiettivo di attacchi missilistici.

READ  Juan Guaido ha chiesto garanzie per elezioni libere ed eque il 21 novembre in Venezuela

Secondo l’agenzia di stampa ufficiale Sanaa, l’esercito israeliano ha lanciato razzi dalle alture del Golan Contro i siti nelle vicinanze di Damasco.

Ha aggiunto: “La nostra batteria di difesa antiaerea ha intercettato i missili e ne ha sganciati la maggior parte in questa aggressione, che ha provocato il ferimento di quattro soldati e danni materiali”. E aggiunge l’agenzia siriana, citando una fonte militare locale.

L’esercito israeliano aveva precedentemente indicato che le sirene suonavano per avvertire di possibili attacchi nei pressi della città beduina di Abu Qurainat, situata a pochi chilometri dalla fabbrica di Dimona.

Israele afferma che sta cercando di impedire al suo principale nemico, l’Iran, di stabilire la sua presenza in Siria, il paese al confine con lo stato ebraico. Nonostante il fatto che l’IDF abbia effettuato centinaia di attentati in Siria, raramente lo ha ammesso in pubblico.

La maggior parte degli spari provenienti dalla Siria sono stati intercettati dallo scudo anti-missile israeliano, “the Israeli Dome”.

Sabato la stampa iraniana Hanno minacciato specificamente di attaccare le strutture di Dimona Per vendicarsi Il sabotaggio che ha preso di mira il Centro di ricerca nucleare di Natanz, avvenuto l’11 aprile in Iran, Attribuito da Teheran a Israele, secondo il giornale I tempi di Israele. L’Iran di solito non lancia questo tipo di attacco dal suo territorio, e generalmente lo fa dalla Siria, dall’Iraq o dallo Yemen, che sono paesi con una grande presenza in cui di solito finanziano vari gruppi.

Combattenti israeliani hanno attaccato la batteria da cui è stato lanciato il missile (archivio)
Combattenti israeliani hanno attaccato la batteria da cui è stato lanciato il missile (archivio)

Di conseguenza, le difese attorno al centro di ricerca sono state rafforzate negli ultimi giorni.

READ  Il bilancio delle vittime del crollo dell'edificio di Miami sale a 11.150 dispersi

Centro di ricerca nucleare nel Negev

Gli impianti nucleari israeliani nel Negev, ribattezzati nel 2018 in onore del defunto presidente Shimon Peres, sono stati costruiti nel 1958 a sud di Dimona.

Ospita il complesso Un reattore nucleare raffreddato ad acqua pesante E molti altri edifici che Israele sostiene siano usati per la ricerca nel campo della scienza nucleare e dell’energia.

Ma per la comunità internazionale lo è anche Dimona Uno dei pilastri del programma di armi nucleari israeliano, Lo stato nega ufficialmente che sia di proprietà.

Sabotaggio a Natanz

L’11 aprile, l’impianto nucleare di Natanz è sotterraneo A corto di energia A poche ore dal lancio di nuove e avanzate centrifughe capaci di un più rapido arricchimento dell’uranio, in un incidente descritto da un legislatore iraniano come un possibile “sabotaggio” e sconosciuti funzionari dell’intelligence occidentale Potenziale attacco informatico.

Il complesso nucleare di Natanz in Iran (EFE / Abedin Taherkenarh / Archivio)
Il complesso nucleare di Natanz in Iran (EFE / Abedin Taherkenarh / Archivio)

La notizia dell’incidente ha coinciso con l’arrivo in Israele del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd AustinIn visita per colloqui con il primo ministro Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz. Gli Stati Uniti, il principale partner per la sicurezza di Israele, stanno cercando di tornare all’accordo nucleare del 2015 che mira a frenare il programma di Teheran in modo che non possa ottenere un’arma nucleare.

Natanz è in gran parte costruito sottoterra per resistere agli attacchi aerei nemici. È diventato un punto caldo per le preoccupazioni occidentali sul programma nucleare iraniano nel 2002, quando le immagini satellitari mostravano che l’Iran stava costruendo un impianto di centrifuga sotterranea nel sito, a circa 200 chilometri a sud della capitale, Teheran.

READ  Ha catturato batteri carnivori radendosi con la lama del suo amico

Il complesso nucleare è uno dei siti che vengono creati Sotto gli auspici dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) Secondo l’accordo nucleare firmato nel 2015 tra l’Iran e sei superpotenze.

Continuare a leggere: