Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un messaggio di Cristián Warnken a un amico che vive a Lisbona

Una lettera a un amico che vive a Lisbona

Caro amico:

Non so perché, ma non ho mai smesso di pensare a te ea Lisbona, dove ho vissuto per tanti anni. Non sono mai stato a Lisbona e probabilmente non lo farò mai. Oggi sembra più lontano che mai. io ho Desiderio Da Lisbona Desiderio Da una città che non conosco. perché? Perché questo è forte adesso? Forse queste intense quarantene, queste restrizioni rendono il subconscio ribelle e voglia di viaggiare, inconscio e il nostro spirito nomade che non si arrende per restare a casa. Ma cos’è veramente la nostra casa? La scorsa notte ho sognato Lisbona. In effetti, stava camminando per alcune delle strade che erano a Valparaíso, ma parlavano tutti portoghese. E in un momento di sogno, è entrata in un bar e ha trovato Raul Ruiz Si siede a un tavolo e parla in portoghese con altri amici. Quando mi sono svegliato mi sono buttato in testa per trovare musica, libri e tutto ciò che parla o canta di Lisbona. Ti scrivo questa lettera, ascoltando il cantante Fado e Capelli surf Persone: “Risveglio da Lisbona, dietro gli altri / Risveglio dal Rossio, alle porte del bar / Risveglio. In mezzo a tutto, la stazione che non dorme mai / Ogni cuore deve battere durante la veglia e il sonno.”

Raramente Medina e Poet si fanno così tanto l’uno per l’altro. Solo forse Cavevis È in concorrenza con Pessoa. Ma non voglio andare ad Alessandria, il mio cuore desidera ardentemente andare a Lisbona per mettere in quarantena lì, non importa quanto tempo ci vuole. Dicono che Lisbona sia la città con il maggior numero di biblioteche al mondo, è vero? Mi è stato detto da un amico. E se non ce l’hai, cosa importa? A Lisbona non mi chiuderò a leggere, ma a piedi StradeBere il porto, guardare il mare da lontano e chiedermi con Pessoa: “Ma sono la stessa persona che abita qui? per Trasforma Lisbona, Gira, gira, non smette mai di tornare, anche se prima non c’eri.

Le città più realistiche sono quelle che hai sognato, dove non sei mai andato, ma torni sempre nei sogni. Il Chico Molina Qui, in un villaggio di Santiago negli anni ’50, parlava di Parigi, come se vi avesse trascorso l’infanzia e la giovinezza, ne avesse descritto le strade, raccontato storie su di esse, ma non vi avesse mai messo piede. E quando era più grande, andò a Parigi, nessuno gli credette. Cosa gli succederà A Chico Molina Quando incontri la vera Parigi e scopri che non corrisponde ai tuoi sogni?

READ  Robot emotivo che utilizza l'intelligenza artificiale per migliorare il benessere emotivo | Orientamento | rivista

Lisbona, in questa lunga piaga, è diventata il mio rifugio, il mio porto, la mia speranza. Lisbona mi salva quando la depressione mi prende, perché so che la malinconia di Lisbona è l’antidoto a qualsiasi altro tipo di depressione. Sono arrivato a sentire la sciocca convinzione che Lisbona sia immune da questa piaga che ci sta devastando, e che un giorno mi sveglierò lì, comprerò un giornale e vedrò che le notizie riguardano altro, non morti, pazienti , vaccini. Come se Lisbona fosse nel passato, o nel futuro, dopo che tutto questo è stato superato e dimenticato. So che la quarantena provoca ossessioni, depressione e ansia, e che alcuni soffrono della sindrome di cabana, cioè non possono più uscire; La sindrome di Lisbona è arrivata da me.

Cerco solo film sulla musica di Lisbona. Ora capisco Raul Ruiz, che voleva diventare cittadino portoghese. Forse in esso la tristezza cilena prima della modernizzazione del Cile, il Cile perduto e in fiamme, quando i funzionari pubblici indossavano i cappelli, vi trovavano il cileno dei decenni radicali?

Amico: mi vedo camminare come un passante sconosciuto per la Lisbona che ho inventato, senza cercare niente, solo perdersi, vagare senza meta, ah, mia cara libertà perduta, entrare nei vicoli grigi, pensare per ore dalle vecchie vetrine e giocare per essere invisibile, come ho fatto io Rambo A Parigi, sapendo che nessun poliziotto mi chiederà un permesso di uscita, sapendo che non ho bisogno di indossare maschere, lavarmi le mani ancora e ancora e inalare boccate d’aria finché non bevo, vado in un bar (ci sono ancora caffè Lisbona e caffè brasiliano?) Altrove, altrove, finché il mio fegato di caffè non è esploso. Sì, soprattutto al Café A Brasileira, perché lì non bevi subito il caffè e ti alzi, ma piano, a guardare passare il tram 28, e una ragazza passa accanto alla stessa faccia del cantante Fado, io ascolto adesso. Il suo nome è Messia e io vado a comprarle il caffè, ma sparirà perché tutto scompare ed è irreale a Lisbona e lo adoro, sembra essere una città fantasma, e sono anche un fantasma che cammina per il strade della memoria e dei sogni, forse perché non c’è più la realtà.

READ  Vacanze: Spagna, Francia, Italia e Turchia Turisti britannici 2021 | Regno Unito

La peste ha rimosso la realtà. A volte questo orrore mi travolge: esco per strada ei caffè del quartiere non esistono più, l’ultima libreria e l’ultimo cinema sono chiusi e per le strade girano solo le motociclette. CollegamentoNessuno cammina più e non ci sono più città o bambini nelle piazze o nelle scuole. La peste e gli schermi hanno mangiato tutto. Ma devi fuggire.

Ho già scelto la mia destinazione: Lisbona. Allora preparami un letto nel tuo appartamentino, ogni volta che busso alla tua porta e la prima cosa che voglio fare è guardare il tuo balconcino e ricordare ancora Pessoa: “Ma anche dal quarto piano aperto della città possiamo Pensa all’infinito. Non c’è fine con i negozi di sotto, certo. Ma con le stelle alla fine. “Voglio pensare all’infinito di quel portico. Pensa a cosa è aperto, non chiuso. E cosa c’è di meglio in questo di una città felice e triste allo stesso tempo come Lisbona, una città senza guardie sanitarie, senza rapporti ministeriali, senza curve epidemiche, una città fuori dal tempo e dalla storia, una città libera di mettersi in mostra, di perdersi? , piangono, urlano, escono a spaventare i “Notai di giustizia tagliano Lily”, la città di cui ho cominciato a riconoscere a memoria la mappa perché la vedo tutti i giorni: Campos das Cibolas, Caes da Santos, Rua da Bella Vista a Lapa , Rua de Oro. Ah, Lisbona, una città che non conosco, ma anelo in anticipo, come se il tempo fosse passato! Andare in un ristorante un giorno, fuori luogo e tempo, e ordinare trippa porto. E ti senti triste e solo, ma vivo, non come lo siamo ora, appeso a un dono morto, in una città vuota, senza caffè, biblioteche, cinema o strade. Voglio andare a Lisbona! Non portarmi via questo sogno.

Prima che l’autunno sia finito, voglio essere lì e magari passare i miei ultimi giorni lì, a prendere l’influenza ma non a morire di influenza, e non ho paura di morire di influenza. Scendi dagli schermi, non partecipare mai più a una riunione Zoom e non guardare mai più film su piattaforme digitali prive di persone. Tutto questo è possibile a Lisbona. Dimmi che è così, mio ​​caro amico. Scusa se sei così sopraffatto da questo che potrebbe sembrare “pazzo”. Non sono pazzi, amico, sono un grido profondo per un uomo che non sostiene più la reclusione, che inventa una città per scappare da questo scenario in cui si sente intrappolato, una sceneggiatura scritta da altri, per una storia di fantascienza iniziata a una città in Cina e discese in tutta Italia e questo ora è un film dell’orrore in cui viviamo tutti. È un diritto sacro per una persona fuggire dallo scenario con la sua immaginazione e i suoi sogni. Chissà se Itaca non è esistita e non è stata inventata da Ulisse? Chissà quale è l’irreale e quale è il vero? “Una città irreale / Sotto la nebbia marrone dell’alba dell’inverno / Una tale folla scorreva sul London Bridge / Non pensavo che ci fosse molto dirottato dalla morte.” Questo non è Pisoa, lo è TS Elliott. Stiamo morendo, stiamo morendo non solo negli ospedali, ma anche nelle nostre case. Chi calcola la morte, chi ne tiene conto? Quindi domani vado a Lisbona. Infatti sono già andato a Lisbona, ed eccomi qui a sognare e girovagare e dire, seduto in un caffè: “Ancora una volta vedo te / la mia infanzia spaventosamente perduta / città triste e felice, ancora una volta sogno qui”. Forse Lisbona non esiste più (ora tutto è possibile), ma voglio essere l’ultimo a saperlo. Non voglio avere altre cattive notizie. Strade che muoiono, pub che chiudono e città che scompaiono. Senza l’illusione di Lisbona davanti ai miei occhi, questo autunno sembra infinito. Questa epidemia è insopportabile.

READ  Pedro Sanchez vede "speranza" grazie al tasso di vaccinazione, che "accelererà" nei prossimi giorni

Adeus, amico mio. Si dice che la parola “adeus” sia usata in portoghese quando ci stiamo preparando per un addio molto più lungo, se pensiamo che non ci vedremo mai.

Arrivederci amico mio, ci vediamo a Lisbona.

cristiano

Christian Warnken È un host Dal giardino, a partire dal Manuale della radioDal lunedì al venerdì dalle 20:00 Ascoltalo su 100.5 a Santiago, 99.1 ad Antofagasta e 96.7 a Valparaíso, Vienna del Mar e Temuco, e guardalo con la nostra trasmissione su www.PAUTA.cl.

Lettere di Christian Warrenken

“Ti avverto: non diventerò un liberale dall’oggi al domani. Non mi piacciono quelle conversioni improvvise”, dice Christian Warkin. “Il taoismo, d’altra parte, è pura resilienza e tolleranza”.