Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un approccio paradossale al populismo

Dopo soli 17 mesi L’esperienza di Mario Draghi come capo del Consiglio dei ministri. L’Italia è immersa nell’incertezza in un momento molto delicato su diversi fronti: Economia, Sicurezza Internazionale, Gestione Finanziaria Europea e Crisi Energetica.

Sebbene negli ultimi tempi si fossero già notati alcuni attriti all’interno della maggioranza, la crisi di governo è stata improvvisa. I partiti più inquieti al riguardo sono il Movimento 5 Stelle (M5S) e la Lega, ex partner di governo dal 2018 al 2019 e poi in contrasto tra loro.

Quando il populismo non ascolta le persone

A salvare Draghi non sono servite le manifestazioni a sostegno del presidente in varie città italiane, di solito contro un esecutivo e raramente a suo favore. Anche una petizione firmata da circa 1.500 sindaci per chiedere la permanenza di Draghi al suo posto non è andata a buon fine.

Il Presidente del Consiglio uscente Mario Draghi, ex presidente della Banca Centrale Europea, lascia il Palazzo del Quirinale a Roma il 12 febbraio 2021 (Foto di Filippo Montefort/AFP) – Foto: AFP

Quello che è successo la scorsa settimana al Senato è stata una scena grottesca che scredita ulteriormente una classe politica già mediocre. Il Movimento 5 Stelle, principale promotore della crisi di governo, si è ritrovato con due alleati inaspettati: Forza Italia e Lega. Entrambe le parti, in qualche modo stranamente, hanno sostenuto la caduta di Win Prima scenaFino a quel momento aveva strenuamente sostenuto e astenuto dal voto sulla mozione di fiducia, schierandosi con il nemico.

Due partiti populisti (Liga e M5S) e un altro partito (Forza Italia), che ha iniziato il suo cammino politico per dare voce alla società civile, hanno ritirato il loro sostegno a Draghi. Per lo meno, l’atteggiamento di alcune forze politiche che hanno basato le passate campagne elettorali sul rifiuto della discriminazione è strano. “Apri il Parlamento come un tonno”Hanno sottolineato la necessità di una partecipazione diretta della società civile alla politica.

READ  Algeri guarda l'Italia e stringe i dadi

Tuttavia, al momento della verità, hanno respinto il parere del popolo che chiedeva stabilità di governo fino alle elezioni della prossima primavera. Sordo al desiderio Il 60% degli italiani non vuole elezioni anticipate D’altra parte, mettono sempre i concorrenti di fronte a un interesse elettorale demonizzato.

L’ascesa di Georgia Meloni e la caduta del Movimento 5 Stelle

Le dimissioni di Draghi hanno due conseguenze immediate. Da un lato, il Movimento 5 Stelle rischia di crollare a causa della sua politica disorganizzata e irresponsabile. Da quando ha ottenuto il 32% dei voti alle elezioni del 2018, non ha fatto altro che perdere consensi. I sondaggi prima della caduta del governo lo mettevano al 12%. Ora, e dopo diverse divisioni interne, è probabile che scenda al di sotto del 10%.

D’altra parte, si posizionerà come il primo gioco La coalizione di destra (chissà se il primo partito italiano) è l’Italia fratelli Di Giorgia Meloni. L’attributo attribuito al leader è la sua consistenza. Imperterrito fin dall’inizio, Tragi decise di opporsi al governo. Oggi quell’atteggiamento intransigente lo rende ancora più popolare.

Nuovi saldi europei?

La caduta del governo in Italia è stata sentita come un secchio d’acqua fredda in Europa. Draghi è diventato il leader europeo più impegnato a proteggere l’Ucraina Y Qualcosa di molto inflessibile contro Putin. È interessante notare che un altro primo ministro che condivideva la stessa linea dura contro il presidente russo, Boris Johnson, si è dimesso all’inizio di luglio, e Macron, che senza dubbio non è d’accordo con la Russia, non ha superato il suo apice. L’equilibrio europeo potrebbe cambiare di fronte alla guerra in Ucraina.

READ  Perdite di dati: ecco come verificare se gli hacker hanno i tuoi dati

Che scena ci aspetta

I sondaggi d’opinione suggeriscono che la destra vincerà se le elezioni si terranno adesso. Tra 70 giorni, il 25 settembre, data prevista per il voto degli italiani, sarà sicuramente così. Tuttavia, il divario tra i Fratelli d’Italia e gli altri due partiti della coalizione di destra sarebbe più stretto di quanto non lo sia oggi. L’inevitabile logoramento di Berlusconi e Salvini, da un lato, a causa del crescente sostegno di Meloni, e dall’altro, a causa del loro stesso comportamento in questa crisi di governo.

L’approccio controverso di Forza Italia e Liga che non appoggiano la mozione di fiducia dovrebbe dare qualche spiegazione ai propri elettori che non vogliono che il governo cada, soprattutto in un momento così delicato per il Paese.

Il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il primo ministro italiano Mario Draghi hanno visitato giovedì la città devastata di Irvine fuori Kew.
Il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e l’allora capo del governo italiano, Mario Draghi, hanno visitato giovedì la città devastata di Irvine, alla periferia di Kiev (Foto di Sergey Chubinsky/AFP) – Foto: AFP

Sono costretti a giustificare il motivo per cui si sono schierati con il Movimento 5 Stelle, che si è astenuto nel voto di mercoledì. Tuttavia, non sono solo gli elettori di questi partiti a essere disamorati. In Forza Italia già tre esponenti storici (Carfagna, Gelmini e Brunetta) hanno abbandonato Berlusconi.

La probabile bassa affluenza alle elezioni del 25 settembre è il risultato del malcontento con la classe politica e la prima volta nella storia dell’Italia che una campagna elettorale si terrà a metà estate. . Non a caso, dopo il referendum, non è stato raggiunto alcun accordo di governo. Ciò aprirebbe una crisi ancora più profonda all’interno della crisi attuale.

READ  L'Italia amplia l'ammissibilità al vaccino di richiamo del governo

Di: Matteo R

Professore a contratto, Ricerca sulla violenza politica e la criminalità organizzata nell’Italia contemporanea, Università di Rey Juan Carlos

L’articolo è stato originariamente pubblicato Conversazione

Conversazione