Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo scioglimento dei ghiacciai ridisegna il confine tra Italia e Svizzera

Nelle Alpi innevate a 3.480 metri, gli effetti del cambiamento climatico hanno spostato il confine tra Svizzera e Italia, scatenando una disputa sull’ubicazione di un rifugio alpino italiano che ora si trova sul versante svizzero.

La linea di confine tra i due paesi è determinata dal flusso di acqua di disgelo, che scorre verso un paese o l’altro.

Ma il ritiro del ghiacciaio del Theodul fa sì che la conca digrada verso il Rifugio Guido del Cervino, lungo la Testa Grigia di 3.480 m, scendendo gradualmente nel rifugio.

La situazione sorprende atleti e turisti come Frédéric, 59 anni, il cui menu in italiano recita “Siamo in Svizzera o in Italia?”, con prezzi in euro anziché in franchi tedeschi e svizzeri.

La domanda è valida e la risposta è soggetta a negoziati diplomatici iniziati nel 2018 e conclusi lo scorso anno. Tuttavia, i dettagli dell’accordo rimangono riservati.

– dormire dalla parte svizzera –

Quando il rifugio è stato costruito su uno sperone roccioso nel 1984, i suoi 40 posti letto e lunghi tavoli in legno erano interamente sul versante italiano.

Ma ora due terzi dell’ostello, compresa la maggior parte dei letti e del ristorante, si trovano tecnicamente nel sud della Svizzera.

La questione è tornata alla ribalta quando l’area, che fa affidamento sul turismo, si trova in cima a un’importante stazione sciistica e una nuova stazione della funivia è in costruzione a pochi metri di distanza.

Un accordo è stato raggiunto a Firenze nel novembre 2021, ma il risultato sarà svelato solo se ratificato dal governo svizzero, cosa che non avverrà prima del 2023.

“Abbiamo deciso di dividere la differenza”, ha detto all’AFP Alain Wicht, capo della divisione di frontiera dell’agenzia svizzera di cartografia Swisstop.

READ  Gli indici dell'Italia chiudono al rialzo; Investing.com Italia 40 2,17% da Investing.com

Il suo lavoro includeva la messa in sicurezza di 7.000 segnalini lungo il confine svizzero di 1.935 km con Francia, Italia, Germania, Austria e Liechtenstein.

Wicht ha partecipato a negoziati in cui entrambe le parti hanno fatto concessioni per trovare un accordo in cui “nessuna delle parti ha vinto, almeno nessuno ha perso”.

– linea nella neve –

Il confine italo-svizzero attraversa i ghiacciai a spartiacque.

Ma il ghiacciaio Theodul ha perso quasi un quarto della sua massa tra il 1973 e il 2010, esponendo le rocce sotto il ghiaccio e modificando lo spartiacque di drenaggio, costringendo i due vicini a ridisegnare 100 metri del loro confine.

Secondo Wicht, tali adeguamenti si verificavano frequentemente e tendevano a essere risolti senza il coinvolgimento dei politici.

“Stiamo discutendo su un territorio che non vale molto”, ha detto. In questo caso, era “l’unico sito coinvolto in una proprietà”, che dava al terreno “valore economico”.

I suoi omologhi italiani si sono rifiutati di commentare “a causa della complicata situazione internazionale”.

Tali controversie vengono spesso risolte scambiando appezzamenti di terreno di uguale dimensione e valore, afferma Jean-Philippe Amstein, l’ex capo di Swistopo.

In questo caso, ha spiegato, “la Svizzera non era interessata a prendere parte del ghiacciaio e gli italiani non potevano compensare la Svizzera per la perdita di superficie”.

– “Vino italiano” –

Sebbene l’esito dell’accordo sia riservato, al custode del rifugio, Lucio Trucco, 51 anni, è stato detto che il sito sarebbe rimasto sul suolo italiano.

“Il rifugio è ancora italiano perché siamo sempre stati italiani”, ha detto.

“Il menu è italiano, il vino è italiano e la linea è italiana”, ha aggiunto.

READ  Video: una funivia si schianta sulle Alpi italiane, uccidendo 14 persone

Anni di trattative ritardarono il restauro del rifugio perché nessuna delle due città ai lati del confine poteva concedere un permesso di costruzione.

L’apertura di una nuova funivia sul versante italiano del Monte Piccolo Cervino non sarà completata in tempo per la prevista fine del 2023.

Le sue piste sono accessibili solo dalla rinomata stazione sciistica svizzera di Zermatt.

Alcune stazioni sciistiche di media quota si stanno attrezzando per operare a causa del riscaldamento globale, ma in estate puoi ancora sciare sulle piste di Zermatt-Cervinia, anche se ciò contribuisce al ritiro dei ghiacciai.

“Ecco perché dobbiamo aumentare l’area qui, perché sicuramente morirà per ultimo”, ha detto Trucco.

Per ora, sulle mappe di Swisstopo, il solido nastro rosa del confine svizzero rimane una linea tratteggiata mentre attraversa il rifugio.

str/rjm/nl/mas/zm