Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Tra qualche anno l’astronomia a Salta sarà ben sviluppata” |  Convegno di scienza e religione

“Tra qualche anno l’astronomia a Salta sarà ben sviluppata” | Convegno di scienza e religione

L’11 si sono riunite le università pubbliche e cattoliche di Salta Conferenza Latinoamericana su Scienza e Religione. La prima giornata dell’incontro si è conclusa con una conferenza che ha raccontato due progetti astronomici realizzati nella provincia durante i quattro decenni democratici: uno di cooperazione internazionale – integrato dallo Stato argentino – chiamato “Transizione alla Finestra sull’Universo”; Un altro locale è stato creato da insegnanti che hanno permesso all’Università Nazionale di Salta di avere un proprio osservatorio.

L’aula virtuale della Facoltà di Scienze esatte dell’Università delle Nazioni Unite ha riunito mercoledì scorso un pubblico eterogeneo, composto da Astronomi agnostici, insegnanti, studenti, cattolici praticanti e interessi generali. In ogni caso, sono tutti motivati ​​dal dubbio o dalla certezza riguardo alla creazione dell’universo. Se i corpi celesti visti dall’emisfero australe siano il risultato del Big Bang o di una forza massiccia non sembra confondere i presenti nelle discussioni senza uscita. Piuttosto il contrario.

Uno dei partecipanti ha confermato a questo mezzo: “Personalmente, non ho dubbi che Dio abbia creato l’universo, ma sono stupito da tutte le possibilità che la scienza apre per comprendere profondamente la Sua creazione”. “Scienza e religione possono aprire una spaccatura importante”. Rassicurante da parte sua Hugo SaldanoDottore in Astronomia laureato presso l’Università Nazionale di Cordoba. “Alcuni scienziati mantengono una posizione più rigorosa nel non mescolare la scienza con alcuna credenza religiosa. Ma altri (tra loro) non lo considerano un conflitto. Nel mio caso, sono in grado di integrarli, mantenendo le distanze se necessario.” “, ha confermato.

L’astronomo in particolare – di Jujuy di nascita, di Salta per scelta – ha avuto il compito di ricordare, soprattutto agli studenti delle professioni legate all’astronomia all’interno della Facoltà di Scienze esatte, le possibilità che si aprono a coloro che desiderano approfondire questo campo. Della conoscenza astronomica. Durante la presentazione formale dei relatori, il Preside del medesimo Collegio, Daniele GillÈ stato annunciato che l’Università Pubblica di Salta sta negoziando con CONEAU (Commissione Nazionale per la Valutazione e l’Accreditamento delle Università) per creare un corso post-laurea legato agli studi astronomici. “Abbiamo avviato trattative con le autorità nazionali perché molti insegnanti sono interessati a creare spazio affinché gli studenti possano specializzarsi in astronomia”, ha risposto Salta/12. Il vantaggio di vivere nella capitale Salta è che uno dei cieli più limpidi del pianeta si trova un centinaio di chilometri a ovest in linea retta.

READ  I sei mesi al potere di Giorgia Meloni: dalle polemiche in Italia alla moderazione in Europa

L’opportunità è generata dai quattro osservatori situati negli altipiani di Puna e Salta, perché permettono di esplorare su scala più ampia le trasformazioni della materia e dell’energia nell’universo. “Ogni telescopio espande la gamma spettrale”, ha spiegato Saldaño verso la fine della sua presentazione. “Tra qualche anno l’astronomia di Salta sarà all’avanguardia“, ha affermato. Prima di ciò, l’astronomo ha esaminato ciascuno di questi progetti: LLAMA, QUBIC, SWGO, CAM e un progetto sovrapposto: ISON. Tutte le iniziative sono possibili grazie alla cooperazione internazionale che coinvolge università, organizzazioni scientifiche e centri di ricerca in Argentina, Francia , Italia, Regno Unito, Brasile e Stati Uniti .

A livello locale, le istituzioni partecipanti sono: il Consiglio Nazionale per la Ricerca Scientifica e Tecnica (CONICET), la Commissione Nazionale per l’Energia Atomica (CNEA), il Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione (MINCYT) e la Provincia di Salta. Così come il Ministero Nazionale dell’Energia, che un anno fa ha approvato la costruzione di una centrale solare ad Alto de Chorrilos, a ovest di San Antonio de los Cobres, per alimentare i progetti astronomici installati nelle vicinanze.

Osservatorio universitario

“L’indagine è stata possibile perché nel 2022, Sebastiano Zerba “L’attuale direttore dell’Osservatorio universitario ha avuto accesso ai documenti originali della sua istituzione”, ha detto. Noelia Poggiolaccio. Il filosofo, laureato alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Nazionale di Salta, ha illustrato le principali caratteristiche dell’osservatorio risalenti all’inizio del periodo democratico.

Costruzione della cupola negli anni ’80 (Foto: Courtesy of Noelia Poggiolaccio).

Tra luglio e ottobre 1985 ha nominato professori universitari Società di Astronomia di Salta. L’ASA iniziò a lavorare utilizzando osservatori presi in prestito ed ebbe un momento di grande influenza nel 1986, perché in quell’anno fu avvistata la cometa di Halley, che sarà visibile di nuovo nel 2061. “Non c’erano i cellulari e quindi le informazioni non circolavano.” Saldaño ha detto: non nei volantini, ma negli opuscoli”, ha detto, sottolineando che il mondo digitale è ovunque oggi.

READ  Dal 2024 è possibile conseguire la laurea in medicina nella regione La Costa « Diario La Capital de Mar del Plata

L’associazione contava 109 membri iniziali, tra cui docenti universitari che facevano parte del progetto dell’Istituto di Istruzione Secondaria dell’Università Nazionale. Infatti, molti dei primi incontri per coordinare la costruzione della cupola e del suo osservatorio si sono svolti nelle case private dei docenti e nelle aule dell’IEM, situate all’interno del settore fondatore dell’attuale complesso universitario che compie 50 anni nel 2022.

Noelia Poggiolaccio Ha riferito che tra il 1987 e il 1989, le Università Nazionali di Salta e La Plata hanno cercato di coordinare gli sforzi per costruire l’osservatorio. Ha partecipato un famoso astronomo della Casa di Studi Post-laurea di La Plata, Gustavo Carranza. “Per accelerare la collaborazione, si è ipotizzato di coinvolgerlo Società di Astronomia di Salta. Poiché l’ASA ha rifiutato di abbandonare il suo progetto, ha continuato a vendere obbligazioni di contribuzione per la modica somma di un Austral” (la moneta ideata dal Ministro dell’Economia sotto Ricardo Alfonsín nel 1985: Juan Vital Soruel).

Ha continuato: “Analizzando i verbali e i documenti emessi dall’Osservatorio Universitario, si può fare una storia comparata dell’inflazione a Salta e in Argentina”, ha ammesso la filosofa prima di concludere il suo intervento. “Le lenti del telescopio sono state ordinate da una casa di Buenos Aires e hanno pagato una cifra molto più alta di quella inizialmente concordata”, ha rivelato. I membri dell’ASA hanno eliminato i pagamenti rateali per il materiale più importante del telescopio. Hanno partecipato alla costruzione della cupola dell’osservatorio Elvio Alanis, Enrico Royón (Padre dell’attuale Segretario nazionale per l’Energia, Flavia Royon) W Edgar Barrionuevo.

Mentre Alanis e Royon si unirono alla costruzione del telescopio Gladys Graciela Romero E Carlo Cuadra.

READ  Philips Healthcare, Siemens Healthcare, GE Healthcare - Influencer Web

A causa della pandemia, del deterioramento dei fondi stanziati per l’istruzione pubblica durante l’amministrazione Macri e del pensionamento dei funzionari, l’osservatorio è rimasto chiuso per diversi anni. Mercoledì scorso, il Gruppo Culturale Chaski, accompagnato da cicos e tamburi, si è diretto all’Osservatorio dell’Università di Salta, che ha ufficialmente riaperto.