Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Totale, ma definitivo”: Egan Bernal ricorda la follia commessa al Giro d’Italia

Giro de Italia / (Facebook: Alcaldia Djibguira) Nota presa da Egan Bernal quando si tolse la giacca nel 16° round.

Zibaguire ha ricevuto il suo idolo sportivo Egan Bernal. Sabato 19 giugno, il vincitore di questa edizione del Giro d’Italia è stato salutato con cori durante un evento commemorativo con funzionari sportivi, giornalisti, familiari, conoscenti e atleti dei bambini presso la tradizionale Cattedrale del sale della Colombia. .

Il corridore recupera un punto dal Giro quando la sua squadra Enios Grenadiers taglia il traguardo senza giacca, ma invece la rimuove e taglia invece il traguardo. Maglia Rosa ha raccontato una storia divertente su come ha vissuto e sulla paura che ha lasciato se la sua partenza non fosse finita come previsto.

È successo al termine del 16° round della competizione, dove Bernell ha voluto concludere la tappa di giornata omaggiando la tradizionale rosa della competizione, che lo ha indicato come il leader indiscusso della migliore corsa europea.

Ecco cosa ha detto ai giornalisti di ESPN Vector Hugo Pena e Juan Charlie sul momento interessante che ha vissuto durante la giornata della Regina Giro d’Italia:

Negli ultimi tre chilometri, quando ho capito che stavo per vincere, ho iniziato a pensare “che bello sarebbe venire con una maglia rosa” ma a quel punto ho detto “no, ma posso” e mi sono tolto la giacca , ecco dove sono caduto… io cosa sto facendo. Posso togliere Zero togliendomi la giacca, non mi va”.

Ma sono entrato nell’ultimo chilometro e ho detto: “No, questa foto sarà sempre lì. Voglio dire, come posso non togliermi la giacca”, ma il problema è che sono già entrato in una bolla, era bagnato, c’erano delle linee dentro che potevano cadere nelle scanalature, ma a quel punto ho detto” totale , ma alla fine”, non mi sono tolto la giacca Andando, se cado qui, cadrò, ma la foto sarà sempre lì

Bernal sapeva che se le cose fossero andate male, avrebbe ricevuto un forte campanello d’allarme dal suo compagno di squadra Enios Grenadiers, ma voleva entrare nella storia e indossava le foto della versione post-epidemia della gara italiana. Maglia Generale sopra il rosa:

Apparentemente è divertente qui, ma penso che il team manager non avrebbe riso se fossi caduto lì. Quindi mi sono tolto la giacca e si vede che stavo facendo un po’ di equilibrio perché era difficile decollare, ma la verità era che con l’adrenalina, come curiosità, era la maglia rosa. “Ho detto che se la regina vince il palco e mostra la maglia rosa, è lì per sempre, e me la toglierò qui, qualunque cosa accada”.

Ammirato da tutti coloro che hanno partecipato alla cerimonia, Egan si è descritto come la rockstar della fase 16 più complessa di Ziro, e ha alzato le mani per celebrare la storia umoristica di Zibaguira:

Poi in squadra non mi hanno detto niente, ma è andata bene. Ho vinto sul palco, ho preso tempo nella categoria generale, soprattutto ho mostrato la maglia lì, ‘Rockstar’ ha fatto un po’ lì, non mi hanno detto niente, ma penso che abbiano pensato lo stesso, dimmi qualcosa

Egan Bernal è stato onorato nella Cattedrale di Sale di Zibaguira, dove ha dedicato la sua vittoria al Giro d’Italia a tutti i colombiani, con i racconti e le immagini del giornalista argentino Mario Sebato che vince la sua seconda corsa ciclistica più grande del Vecchio Continente.

READ  L'aspettativa di vita è bassa in Italia a causa dell'epidemia

Continua a leggere: