Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tornato in Perù, Alejandro Toledo fu portato in prigione  È il nuovo inquilino della prigione dei capi.

Tornato in Perù, Alejandro Toledo fu portato in prigione È il nuovo inquilino della prigione dei capi.

da Lima

Il cosiddetto “Chiefs Jail” ha un terzo inquilino. dopo un lungo processo estradizioneE L’ex presidente Alejandro Toledo (2001-2006) Arrivato domenica presto al centro di detenzione di Lima. Lo ha fatto, scortato da agenti di polizia, su un volo commerciale Da San Francisco, Stati Unitis, dove si è recato nel gennaio 2017 per eludere le accuse penali di corruzione. Poco dopo aver lasciato il Perù, un giudice ha ordinato la sua carcerazione preventiva per 18 mesi. Sotto accusa l’ex presidente accusato di complicità e riciclaggio di denaro. L’accusa lo accusa di aver accettato tangenti per un valore di 35 milioni di dollari. Ha tre procedimenti giudiziari, ma è stato consegnato solo a uno di loro, con l’accusa di aver pagato tangenti Società di costruzioni brasiliana Odebrecht. Per questo caso l’accusa ha chiesto 20 anni di carcere per l’ex presidente. Prima del suo arresto a Lima, un depresso Toledo ha detto che non voleva morire in prigione.

“Chiedo alla giustizia peruviana di non uccidermi in prigione, lasciami combattere con i miei argomenti. La mia salute è pessima. Prendo quattordici pillole al giorno, ho la pressione alta e ho residui di cancro. Non hanno provato nulla e vogliono davvero mettermi in prigione”. Il 77enne ha detto, poche ore prima di costituirsi venerdì alle autorità giudiziarie statunitensi dopo aver accettato di estradarlo: “L’unica cosa che chiedo, viste le mie condizioni di salute, è che mi danno gli arresti domiciliari”.

All’arrivo a Lima, alle 7 del mattino, Toledo è sceso sui gradini dell’aereo, sorvegliato da ufficiali giudiziari statunitensi che avevano viaggiato con lui e poliziotti peruviani, ed è stato portato alla Direzione della Polizia Aerea, adiacente all’aeroporto. In quel luogo, dove è rimasto più di cinque ore, si è sottoposto a visite mediche e ha incontrato il suo avvocato, Roberto Siu, e il pubblico ministero, Patricia Benavides. L’ex presidente indossava una giacca rossa e una giacca verde, il colore del suo ultimo partito politico. Si coprì le mani ammanettate con un’altra giacca. All’aeroporto di San Francisco, ha superato i controlli dell’immigrazione su una sedia a rotelle, con lo sguardo fisso a terra. Alla periferia dell’aeroporto, un piccolo gruppo di sostenitori dell’ex presidente lo ha sostenuto. Hanno sventolato le bandiere del paralizzato partito Perú Posible e manifesti delle precedenti campagne elettorali con immagini di Toledo in tempi migliori.

READ  Barca colpita Il Francis Scott Key Bridge è crollato a Baltimora: si cercano sei dispersi in acqua

Dalle installazioni della polizia aerea, l’ex presidente è stato trasportato in elicottero a una stazione di polizia vicino al centro di Lima, da dove è partito in un convoglio di auto della polizia fino alla Corte Suprema, il centro della capitale, per un’operazione di controllo dell’identità . Terminato questo iter giudiziario, il convoglio della polizia ha riportato il detenuto in caserma. Dopo lunga attesa, Toledo è tornata su un elicottero per essere trasferita alla prigione di Barbadillo, situato in un’altra stazione di polizia, alla periferia di Lima. Una prigione per ex presidenti. Barbadillo è arrivato 12 ore dopo l’atterraggio a Lima.

Toledo condivide una prigione con l’ex dittatore Alberto Fujimori e Pedro Castillo. Fujimori è stato condannato nel 2009 a 25 anni di carcere per crimini contro l’umanità ed è stato anche condannato per varie accuse di corruzione. Castillo è in custodia cautelare con l’accusa di ribellione dopo aver fallito nel suo tentativo di chiudere il Congresso, che voleva mettere sotto accusa, lo scorso dicembre, e le accuse di corruzione sono sotto inchiesta. Tutti e tre sono nella stessa prigione, ma non condividono alloggi comuni. Il luogo in cui fu rinchiuso Toledo contiene una stanza, una stanza per le visite, un bagno e un giardino.

Anche altri ex presidenti possono entrare in questa prigione. Ollanta Humala è sotto processo per aver ricevuto finanziamenti segreti dalla società di Odebrecht per la sua campagna elettorale, processo per il quale l’accusa ha chiesto una condanna a 20 anni di reclusione. Humala è stato effettivamente detenuto a Barbadillo con custodia cautelare tra luglio 2017 e aprile 2018. Pedro Pablo Kuczynski è sotto processo per aver ricevuto pagamenti illegali da Odebrecht. Ha evitato la custodia cautelare, sostenendo la sua età avanzata e il presunto deterioramento della salute. Toledo esige lo stesso trattamento. Anche Martín Vizcarra è accusato dall’accusa di aver accettato tangenti. Alan García non è arrivato alla prigione di Barbadillo perché si è suicidato nell’aprile 2019 quando doveva essere arrestato per aver preso tangenti dalla compagnia Odebrecht.

READ  Chi è Diego Gallardo, il cantante morto in Ecuador per un proiettile vagante in mezzo a un'ondata di violenza?

Caso Odebrecht

Il caso per il quale Toledo è stata estradata è iniziato nel novembre 2016. Nel bel mezzo di uno scandalo di corruzione internazionale da parte della società di costruzioni Odebrecht, un alto funzionario della società brasiliana, Jorge Barata, che è stato il capo di Odebrecht in Perù tra il 2001 e il 2016, ha dichiarato prima le autorità, nell’ambito di un accordo di cooperazione in cambio di benefici giudiziari, la società ha pagato una tangente di 20 milioni di dollari a Toledo per vincere la gara per la costruzione di due sezioni dell’autostrada Interoceánica Sur, che collega il Perù. con il Brasile. Successivamente, Barata ha aumentato l’importo della tangente a $ 31 milioni.

Secondo la testimonianza di Bharata, la tangente è stata pagata in più parti e il denaro è stato depositato sui conti di una società offshore. Il proprietario del territorio offshore a cui arrivavano questi pagamenti era l’uomo d’affari peruviano-israeliano Joseph Maiman, un caro amico di Toledo. Dopo aver raggiunto un accordo con l’accusa, l’imprenditore ha ammesso di aver accettato tangenti a beneficio di Toledo. Era gravemente malato e prima di morire, nell’ottobre 2021, ha fornito documenti e dettagli su date, conti e importi dei pagamenti che ha confermato di aver ricevuto dall’ex presidente. La sua testimonianza fu fatale per Toledo.

La seconda operazione contro l’ex capo ha coinvolto un’altra società di costruzioni brasiliana, la Camargo y Correa, che, secondo l’accusa, avrebbe pagato alla società di Toledo una tangente di 4 milioni di dollari per lavori su un tratto dell’autostrada interoceanica. Il pagamento potrebbe anche essere stato effettuato tramite Maiman. Il terzo processo contro Toledo riguarda la società offshore Ecoteva, costituita in Costa Rica nel 2012, di cui è proprietaria la suocera dell’ex presidente. Secondo l’accusa, questo denaro offshore, che ha movimentato più di dieci milioni di dollari depositati da conti gestiti da Maiman, è stato utilizzato per riciclare una parte dei milioni che Toledo ha ricevuto in tangenti. In questi due casi deve essere accolta la richiesta di proroga dell’estradizione per il processo Toledo.

READ  Un'auto si è schiantata contro la scorta di sicurezza del presidente Joe Biden nel Delaware

in carcere accusato di corruzione, Cholo era Toledo In un istante, che ora sembra intollerabile, Portabandiera anticorruzione. Divenne una figura politica di spicco, raggiungendo anche la presidenza, e guidò una massiccia mobilitazione di cittadini contro la corrotta dittatura di Fujimori. Ora condivide una prigione con l’ex dittatore. Nelle elezioni del 2000 Toledo riunì i settori democratici che combattevano la dittatura di Fujimori. Fujimori vinse con la frode, ma mesi dopo il suo regime autoritario crollò. Toledo si trasformò in un simbolo della lotta ai brogli elettorali, all’autoritarismo e alla corruzione e vinse le elezioni del 2001, che segnarono il ritorno alla democrazia. Il suo governo ha democratizzato il paese, ma non ha attuato i cambiamenti che molti si aspettavano e ha continuato la politica economica neoliberista. Una serie di scandali, come la negazione della paternità di una figlia che ha dovuto finalmente ammettere, e la reputazione di consumatore abituale di whisky, hanno portato a problemi con il governo che hanno eroso la sua credibilità e popolarità.

Nel 2011, Toledo ha cercato di tornare al potere. È arrivato al quarto posto con il 15,6%. Nel 2016 ha cercato di tornare nuovamente alla presidenza. Lo scandalo offshore di Ecoteva era già scoppiato, guadagnando solo l’1,3%. Era la fine della sua carriera politica. Ma i suoi guai più seri erano solo all’inizio.