Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Pubblicare contenuti sanitari sui social media è un altro modo per contribuire alla medicina preventiva”.

“Pubblicare contenuti sanitari sui social media è un altro modo per contribuire alla medicina preventiva”.

Il medico e professore di medicina Dr. Sebastian La Rosa è un famoso creatore di contenuti educativi sulla salute con un pubblico di oltre cinque milioni di abbonati e centocinquanta milioni di visualizzazioni annuali del suo materiale su YouTube. Per i tanti fan incondizionati che seguono i suoi messaggi creativi, educativi e incentrati sul benessere, ci sono 1,5 milioni di follower su Instagram e Facebook.

Disilluso dai trattamenti convenzionali, decise di dedicare la sua vita ad alternative terapeutiche, sia antiche che moderne. Per questo motivo, dopo aver conseguito la laurea in medicina, si specializzò in questa specialità presso il Collegio Omeopatico Argentino e l'Istituto Medico Argentino di Agopuntura. La Rosa non è abituato ai media tradizionali per trasmettere le sue conoscenze, motivo per cui questa intervista è durata così tanto. Passando per Buenos Aires, dove talvolta risiede, ha parlato con Clarín.

-Come diffondere la salute attraverso i social network e i media digitali che, se utilizzati in modo errato, possono diventare dannosi per il nostro benessere?

Le reti oggi hanno un ruolo, evolvono rapidamente e funzionano in base a come vengono utilizzate. Una cosa è che a causa del modo di utilizzo danneggia lo sviluppo del cervello, le connessioni nervose e crea dipendenza, soprattutto negli adolescenti perché non hanno le precauzioni necessarie. Dobbiamo usare la tecnologia a nostro vantaggio. L'uso delle griglie può portare alla desensibilizzazione, che è il risultato dell'eccesso di qualsiasi stimolo nel tempo, e se usate in modo esagerato peggiorano il nostro umore.

– C'è una scarsa attenzione ai rischi?

Sì, il fatto è che quando apri dieci schede nel browser e lo fai per molti anni, hai bisogno di più stimoli, ed è la stessa cosa che succede con le droghe, lo zucchero e il caffè. Se non me ne libero, avrò bisogno sempre meno di voglia per realizzare lo sforzo che devo fare per ottenere ciò che prima si realizzava con fatica. Lo vediamo nelle app di film e serie in cui i contenuti vengono guardati sempre più velocemente cercando di attirare l'attenzione e il montaggio viene eseguito più velocemente e con più stimoli, il che ha un impatto negativo sul nostro cervello. Chi di noi produce contenuti ha una responsabilità e la cosa più importante è capire come utilizzarli in modo sano, senza eccessi. Ma è anche vero che, poiché la barriera all'ingresso è così bassa, ci sono molti medici che creano contenuti, anche se non sempre sono di interesse pubblico. Nel mio caso personale, dedico molte ore di studio ai miei post ma ci sono centinaia di migliaia che non vogliono investire quel tempo e promuovere un solo prodotto. Il mio obiettivo è la riduzione del danno su molti argomenti in modo che coloro che mi vedono possano avere la vita più sana possibile.

READ  Mercato globale dei dispositivi di medicina sportiva 2021-2029 Industria per tipo, applicazione, quota, entrate e regione | 3M Ace Brand, Smith & Nephew, Biomet, BREG

-È un nuovo concetto in medicina?

Quello che faccio è medicina preventiva, detta anche medicina funzionale. Si tratta di migliorare la salute, garantire che le persone non si ammalino e ciò di cui il nostro corpo ha bisogno per essere sano. Che l'informazione sia gratuita è molto importante.

L'emergere di questo tipo di contenuti al di fuori degli studi medici è legato alla crisi dei sistemi sanitari come la conosciamo?

C'è un legame enorme. È opportuno adottare misure preventive per ridurre i costi, non solo per il sistema sanitario argentino, ma anche per molti altri paesi che sono in bancarotta o fingono di non esserlo, perché non sono in grado di mantenersi. La medicina preventiva è ciò che ti darà la qualità della vita. Come sappiamo, una persona sana ha mille desideri ma una persona malata ne ha un solo. La prevenzione è efficace e dovrebbe essere applicata, ma richiede che tutti si assumano la responsabilità del proprio benessere.

Monitorando il loro contenuto sulle reti, notiamo un peso importante nella dieta. È questo il grande modello per il nostro benessere?

Non è il modello più grande ma è di grande importanza oggi perché è la variabile che più possiamo cambiare. Il DNA ha un peso enorme ma è quello che otteniamo e c'è molta fortuna. La dieta è ciò che possiamo facilmente modificare, e poi c'è l'esercizio fisico, di cui le persone sottovalutano il potenziale e giustificano il fatto di non muoversi abbastanza a causa dello stress e del lavoro. Per la nostra salute a lungo termine, non importa se andiamo a una lezione di CrossFit alle otto di sera, importa quanto tempo siamo stati inattivi durante la giornata. Il cibo non si riferisce solo a chi è in sovrappeso o soffre di disturbi alimentari, ma anche a come possiamo prevenirli e migliorare di conseguenza la nostra qualità di vita. L'idea è pensare a una dieta che ci mantenga giovani per un periodo di tempo più lungo e non dobbiamo preoccuparci di sottoporci a un intervento di chirurgia plastica dopo vent'anni. Si tratta anche di capire come possiamo migliorare la flora batterica affinché produca i neurotrasmettitori che ci fanno sentire felici.

READ  La Nacion/Bolsonaro ottiene la cittadinanza onoraria in Italia tra le proteste

-Parliamo di restare giovani: esiste una corsa per non invecchiare che ha a che fare anche con la cultura dell'immagine, dove tutti dovrebbero apparire belli e felici?

Sì, il concetto più notato di antietà è sbagliato perché non si può smettere di invecchiare ma invecchiare bene. Vedo personaggi che fanno cose pazze per vivere più a lungo. La longevità è un'altra cosa, si può vivere più a lungo spingendo l'insorgenza delle malattie croniche il più vicino possibile alla morte, che è ciò che sto cercando di promuovere. Se vivi fino a 90 anni, è consigliabile che le tue malattie croniche compaiano entro gli 86 anni. D'altra parte c'è il mondo dell'anti-età dove esistono trattamenti estetici senza senso o filler a lunga durata che hanno un effetto negativo.

-Come se il messaggio dell'invecchiamento fosse negativo..

Il problema è come la società considera l’invecchiamento come qualcosa di negativo da evitare. È importante dare all’invecchiamento il valore aggiunto della saggezza. Questa corsa per sfuggire alla morte è delirante, dove trascorri una percentuale della tua vita vivendo o sopravvivendo per evitare la morte. L’importante è preoccuparsi della longevità in termini di costi, salute e qualità della vita. La vita ha significato finché abbiamo una buona qualità di vita.

-C'è un cambiamento anche con la longevità e l'attività lavorativa?

Per quanto riguarda la longevità: più a lungo viviamo, più dobbiamo rimanere attivi, con uno scopo e un'azione. Non è la stessa cosa smettere di lavorare a 65 anni e morire a 95, che è un'attesa di trent'anni, quando una persona è attiva e curiosa per natura. Una persona che sta relativamente bene non fa nulla tutto il giorno. Non lo vedi nemmeno in nessun'altra cultura, dove l'uomo saggio è quello con il cervello più lungo, nonché il riferimento e la fonte della saggezza che porta il messaggio.

READ  Newsletter sul Covid-19 (III) - Prensa Latina

Segni speciali

Il Dott. Sebastian La Rosa è un medico e professore di medicina, laureato presso l'Università di Salvador (USAL). Il Dott. Sebastian La Rosa ha specializzazioni presso il Collegio Omeopatico di Medicina Argentino e si è laureato in Medicina Cinese presso l'Istituto Medico di Agopuntura Argentino. Ha studiato con insegnanti provenienti da tutto il mondo dal Qigong con Mantak Chia in Thailandia ai maestri nelle Filippine o Bali. È membro attivo e riferimento della Società Internazionale per la Ricerca, la Salute, lo Sviluppo Aziendale e la Tecnologia (SIISDET), Mensa International e Mensa Argentina.