Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il G20 chiede la protezione del patrimonio culturale dai cambiamenti climatici

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 luglio 2021 – 16:50

Laura Cyrano Conde

Roma, 30 luglio (EFE). Proteggere il patrimonio culturale dall’impatto dei cambiamenti climatici e garantire che la cultura svolga un ruolo chiave nella ripresa globale dopo la crisi del coronavirus sono i due punti principali concordati dai ministri del G20 nel comunicato finale dopo i due giorni di Roma.

L’incontro si è svolto sotto la Presidenza di turno dell’Italia, e il Ministro della Cultura del Paese ospitante, Dario Franceschini, ha confermato in conferenza stampa che la dichiarazione in 32 punti, sostenuta dal consenso, rappresenta un prima e un dopo nella storia del G20 (un gruppo di paesi industrializzati ed emergenti), perché per la prima volta ha dato questo Il tradizionale forum economico è uno spazio pionieristico per la cultura.

L’incontro si è aperto, giovedì, al Colosseo e ha visto l’intervento del Presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, che ha ringraziato Franceschini perché “con la sua presenza ha dimostrato l’importanza della cultura e l’importanza che attribuisce all’Italia la cultura nelle relazioni economiche e internazionali .”

Ha sottolineato che i suoi omologhi del G20 hanno accettato di continuare a mostrare il loro sostegno alla cultura e ai lavoratori del settore pubblico anche sotto la presidenza indonesiana, perché “la cultura è un grande fattore di crescita e creazione di opportunità, soprattutto per le generazioni più giovani e più vulnerabili”.

Il G20 Cultura ha riunito personalità della capitale italiana come il Ministro della Cultura francese, Roselyn Bachelo, e il Ministro di Stato tedesco per le Politiche Culturali Internazionali, Michele Müntefering, ma anche i vertici di organizzazioni internazionali come l’UNESCO, l’Organizzazione per l’Economia Cooperazione e sviluppo (OCSE), l’Unione per il Mediterraneo o l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC).

READ  Fino a 30 aziende supportano SEMES nella loro rivendicazione della specialità principale della medicina di emergenza e della medicina di emergenza

La cultura come motore di rinnovamento

Tra i punti concordati nella dichiarazione c’è quello che riconosce la cultura come motore di rinnovamento e di crescita sostenibile ed equilibrata.

Il testo sottolinea inoltre l’importanza delle tecnologie e la necessità di facilitare l’accesso alla cultura per tutti e di promuovere la diversità e l’inclusione.

Allo stesso modo, i ministri hanno incoraggiato la protezione del patrimonio culturale dai disastri naturali, dai traffici illeciti e dal terrorismo e hanno chiesto ai governi di “riconoscere la cultura come parte integrante delle agende politiche” e considerare il ruolo che può svolgere nelle “strategie nazionali e internazionali – ripresa dalla pandemia standard.”

La Spagna difende il ruolo della cultura di fronte al cambiamento climatico

All’incontro ha partecipato anche il ministro spagnolo della Cultura e dello Sport, Miquel Esita, in quanto la Spagna è un paese ospite permanente del G20.

In un video, Isita ha descritto questo vertice come “storico” e ha affermato che “c’era uno spirito di cooperazione tra tutti i governi presenti” così come “la presenza strettamente correlata dell’UNESCO” e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura. .

“Abbiamo lasciato Roma con il desiderio più grande che mai di tornare, non alla vita normale, ma a una situazione migliore, a una rinascita culturale che ovviamente inizierà dopo la pandemia nel 2022”, ha aggiunto.

Ha sottolineato che durante l’incontro ci sono stati sforzi da parte di tutti i Paesi per proteggere il patrimonio culturale mondiale “dai ladri e da coloro che non rispettano il diritto d’autore”.

Parallelamente, il ministero spagnolo della Cultura e dello Sport ha osservato in una dichiarazione che Isita, nel suo discorso di venerdì, ha difeso il ruolo della cultura nella lotta contro il cambiamento climatico e il suo impatto sul patrimonio culturale.

READ  Trovare tesori con reliquie e monete antiche in Israele | Scienza ed ecologia | DW

Per questo, ha sottolineato, “i governi, le istituzioni internazionali e la società civile” devono fornire una “risposta urgente per contribuire a frenare il riscaldamento globale”.

Ha anche sostenuto che la cultura deve essere in grado di “adattare il comportamento di ogni individuo per raggiungere un modello sociale ed economico che rispetti sempre più la diversità, sia più inclusivo e sostenibile”.

Ha ricordato le misure prese dal governo Pedro Sanchez in questa direzione, come l’organizzazione a Madrid del Summit sul clima nel 2019, dove l’Istituto spagnolo del patrimonio culturale (IPCE) ha organizzato la conferenza “Cambiamento climatico e patrimonio” con per rivelare misure concrete per proteggere il patrimonio in modo più efficace e determinare l’attuazione del mandato dell’Agenda 2030. EFE

lsc / acm

(foto) (audio) (video)

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.