Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tobor Ofori: giornalista nigeriano che fingeva di essere una prostituta per indagare sui criminali

Topori Ofori si bloccò dalla paura. Il sangue gli copriva i vestiti e intorno a lui c’erano due corpi decapitati. Le grida echeggiarono nell’accampamento oscuro. Le giovani donne fuggivano di notte. Alla fine ha perso conoscenza.

Ofori stava ancora piangendo e tremando quando si ricordò di quella notte. Anche oggi, sette anni dopo. Per mesi, il giornalista 33enne ha condotto un’indagine sotto copertura sulla tratta di esseri umani e sulla prostituzione forzata in Nigeria. Attraverso i suoi rapporti, ha scoperto manovre sinistre di bande criminali dedite alla prostituzione, al traffico di esseri umani e al traffico di organi.

“Vivi la storia per te stesso”

Poche settimane prima dell’inizio delle indagini, un editore ha chiesto a Ovuorie di presentare un rapporto sulla tratta di donne in Nigeria. Per fare questo, ha dovuto parlare con le vittime. Ovuorie ride mentre ricorda la conversazione e batte la lingua in segno di disapprovazione: “Non scrivono sulla fronte ‘Ehi! Sono sul punto di essere trafficata'”, ha detto a DW.

Per lei, era chiaro: “Abbiamo dovuto affrontare questo da soli. Altrimenti, la storia non ha senso”. Ovuorie applaudiva ad alta voce ad ogni parola per enfatizzare le sue parole. Non c’è spazio per esitazioni nel tuo lavoro.

Il suo coraggio impressiona molti, tra cui Deutsche Welle, che quest’anno ha assegnato a Ovuorie il suo premio per la libertà di parola.

“Quando qualcuno si espone a un tale pericolo per conoscere la verità, merita tutto il rispetto”, afferma il regista di DW Peter Limburg. “È importante valorizzare personalmente il vincitore del premio e promuovere il giornalismo in tutta l’Africa”.

READ  Porra Giro d'Italia 2021: almeno 15.000 € in premi!

Video tramite Twitter: dw_espanol

Donne nigeriane

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) stima che l’80% di tutte le ragazze e le donne che arrivano in Europa dalla Nigeria siano potenziali vittime della tratta di esseri umani e della prostituzione forzata. Il migliore amico di Ovuorie era uno di loro. È morta di HIV / AIDS dopo essere stata introdotta clandestinamente in Italia.

Attraverso le sue ricerche, Ofori ha esaminato il destino della sua amica e di molte altre donne. Traccia le storie personali di migliaia di vittime portate ogni anno dalla Nigeria in Italia.

Con l’aiuto dei colleghi del quotidiano nigeriano Premium TimesÈ stata immersa in un mondo straniero per sette mesi: ha assunto un’identità diversa, cambiando vestiti, acconciatura, trucco e persino il modo in cui parlava. Ha finto di essere una prostituta ed è stata presa da un magnaccia.

Peter Limburg

Il CEO di DW Peter Limburg vuole supportare i giornalisti africani.

L’indagine sugli inferi ha lasciato tracce sul suo corpo. Le hanno tagliato i capelli, picchiata, maltrattata, portata in ospedale e sono scampati alla morte.

Pochi mesi dopo, Ovuorie ha ricevuto il via libera da un magnaccia: doveva essere contrabbandato in Italia. Un autobus l’ha portata nel vicino paese del Benin con un gruppo di giovani donne. Lungo la strada, Ovuorie ha dovuto assistere alla decapitazione di due dei suoi compagni. I loro organi dovevano essere venduti sul mercato nero. In Benin è riuscito a scappare con l’aiuto di un’altra donna.

Contro tutti i pregiudizi

Da bambino a Lagos, la capitale commerciale della Nigeria, Tobor Ofori sapeva di voler fare il giornalista, anche prima di andare a scuola. Ogni settimana inviava storie e poesie scritte a mano ai giornali nigeriani. Ogni volta che i redattori rifiutavano i suoi testi, lei continuava a presentarla e non si faceva intimidire affatto.

READ  Bambetta è rimasta sorpresa nel rendersi conto che Nicole Newman condivide gli uomini: "Mi sembra che siano due"

Quando era al liceo, ha accusato la madre di un compagno di classe di aver ucciso suo marito con la stregoneria. Tobor protestò invano. Ha detto in un’intervista con DW: “Tutti mi hanno detto, ‘Sei una ragazza, devi stare zitta, parli molto.’ Mi sentivo arrabbiato e arrabbiato. Non volevo farcela”.

Premiato con il Freedom of Expression Award dal 2015

Premiato con il Freedom of Expression Award dal 2015.

Si è chiuso a chiave nella sua stanza e ha scritto ogni dettaglio della sua storia. Quando suo padre ha trovato le carte nel vassoio, l’ha incoraggiata a combattere l’ingiustizia con una penna.

Ovuorie l’ha fatto. “Ho deciso di fare questo per il resto della mia vita: difendere con forza la parola scritta da chi non ha voce”.

Ma prima, come giovane giornalista, ha dovuto dissipare il pregiudizio di genere nella scena mediatica nigeriana. “Le donne si occupavano di famiglia, moda e intrattenimento. Le storie più pericolose erano per gli uomini”.

La lotta continua

Molte delle ferite inflitte a Tupur Ofori durante la ricerca della mafia nigeriana non sono state completamente guarite fino ad oggi. Combatti la depressione e il disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Il suo collega giornalista ghanese Anas Arimayao Anas la ammira perché non si è mai arresa.

“A un certo punto della sua carriera, abbiamo pensato che potesse essere la fine della sua carriera. Ma è tornata. L’ingiustizia che vede nella società la spinge. Vuole assicurarsi che i più vulnerabili, donne e bambini, ricevano giustizia . “Ha detto a DW.

Anche dopo le sue ricerche sulla prostituzione forzata, Topori Ofori ha dedicato temi difficili: ha scritto sulle vittime della tratta di esseri umani in Libia e ha stigmatizzato i bambini nigeriani affetti da HIV. Attualmente sta indagando se il personale dell’ambasciata sia coinvolto nel traffico di esseri umani.

READ  Scommesse F1 ricche di azione Made in Italy

Quando gli è stato chiesto se si rammarica di aver messo in pericolo la sua vita a causa delle sue indagini, non ha esitato un secondo: “No affatto. Hanno fatto pensare in modo diverso. Posso andare a letto e dormire tranquillo. Per me, questo significa godermi un vita piena di significato. “

DW