Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tasse elettriche, tra le più alte dell’Unione Europea

Le società elettriche spagnole si lamentano da tempo che le tasse sulla bolletta dell’elettricità sono tra le più alte dell’Unione europea. I consumatori, oltre a sopportare l’aliquota IVA del 21%, devono pagare due tasse aggiuntive. Si tratta di un’imposta sull’elettricità del 5% e di un’imposta del 7% sul valore della produzione di elettricità, nota come imposta sulla generazione.

La somma di queste tre cifre contribuisce alle tasse che rappresentano oltre il 27% della bolletta elettrica spagnola per i consumatori domestici. È tra i paesi dell’UE di fascia alta, con un’imposta sul valore aggiunto del 21%. Sopra la Spagna ci sono l’Ungheria (27%), la Danimarca (25%), la Croazia (25%) o la Svezia (25%).


Leggi anche

Konchi Lavraya

I paesi con IVA più bassa sono Grecia (6%), Regno Unito (5% per i consumatori locali), Malta (5%), Italia (10%), Irlanda (13,5%), Lussemburgo (8%) e Portogallo. , che ha abbassato l’imposta sul valore aggiunto per i primi 100 kWh di consumo al 6% e pone il resto al 23%. In Francia esistono due tipi di IVA: quella ridotta al 5,5% per la parte fissa delle fatture (il costo dell’acconto e il costo dell’abbonamento) e quella del 20% che si applica alla parte variabile della fattura, ovvero al consumo (vedi grafico ).

Questa realtà si riflette anche nel mondo degli affari. Quindi le aziende si lamentano costantemente degli alti costi dell’elettricità in Spagna, perché ritengono che riduca la loro competitività rispetto ad altri paesi dell’Unione Europea. Inoltre, alcune piccole e medie imprese criticano il provvedimento varato questa settimana dal governo per ridurre temporaneamente l’imposta sul valore aggiunto dal 21% al 10% (mentre i prezzi rimangono alti) se la potenza contrattuale è pari o inferiore a 10 kW perché alcune aziende hanno contratti più alti di quello. Limite.

READ  70 anni di competizione straniera

Ridurre l’imposta sul valore aggiunto in modo permanente al 10% ridurrebbe il reddito del Tesoro fino a 1,8 miliardi

“La tassa sull’elettricità si trova solo in Spagna e la tassa sulla generazione è anche una forma di imposta diretta che si applica solo in Spagna al reddito”, spiega Simona Sacribant, fondatrice e direttrice della società di consulenza Easyner.

Dato il peso significativo che le tasse hanno sulla bolletta elettrica, il governo ha deciso la scorsa settimana di ridurre l’aliquota dell’imposta sul valore aggiunto dal 21% al 10%, mentre i prezzi nel mercato all’ingrosso sono al di sopra della soglia dei 45 euro per megawattora. Finora quest’anno, nella media raccolta Si trovava a 57,33 € / MWh. Giugno si avvicina a 83€/MWh e il prossimo trimestre anticipa contratti futures da scambiare a 87€/MWh, quasi il doppio dei 45€ fissati dal governo. L’operatore medio di sistema (OMIE) negli ultimi 12 mesi è stato invece di 47,48 €/MWh.

Con il calo dell’Iva, Sacripante calcola che la bolletta sarà ridotta di circa cinque euro al mese per il consumatore medio (il governo stima che 6 euro, circa 36 euro fino a fine anno), “ma continuare a pagare più di un anno fa per i prezzi più alti delle materie prime”. Ora è iniziato se la Spagna debba ridurre l’imposta sul valore aggiunto dal 21% all’aliquota bassa del 10% per sempre. È una delle misure che Unidos Podemos , il partner del PSOE nel governo, ha implementato nel suo programma elettorale, considerandolo un servizio essenziale. Il ministro delle Finanze, Maria Jesus Montero, giovedì scorso, ha affermato che ridurre l’imposta sul valore aggiunto sull’elettricità al 10% sarà ridurre la riscossione dello Stato tra 1.600 e 1.800 milioni di euro annui. Solo con il provvedimento adottato fino alla fine del 2021 la riscossione diminuirà di 857 milioni. E se all’annullamento si aggiungerà l’imposta di generazione del 7%, l’erario entrerà a 1.257 milioni al di sotto anno.

READ  In piedi al 2,2% a luglio