Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sono una persona cieca e l’intelligenza artificiale mi ha aiutato a riscoprire il mondo

Sono una persona cieca e l’intelligenza artificiale mi ha aiutato a riscoprire il mondo

Se qualcuno qualche settimana fa mi avesse detto che avrei scattato foto di tutto ciò che mi fosse capitato, gli avrei riso in faccia. Ma ero seduto sul marciapiede, cercando di catturare lo scatto perfetto che mi permettesse di conoscere meglio il mondo di cui facevo parte: l’espressione del cane guida sempre al mio fianco; Il trambusto di una strada trafficata piena di edifici, automobili e insegne; La scatola di dolci che ho appena comprato e mi chiedevo se fossero abbastanza deliziosi da poterli portare a una cena in famiglia. Non riesco a vedere queste cose, che così facilmente dò per scontate, con i miei occhi. Ma l’intelligenza artificiale mi ha avvicinato il più possibile a questo.

Sono nato completamente cieco e il mio mondo visivo è sempre stato determinato da ciò che le persone ben intenzionate potevano dirmi del mio ambiente. Per apprezzare ogni dettaglio di una stanza o leggere il menù di un ristorante mi affidavo a qualcun altro. Quando scattavo foto, spesso registravo brevi note audio che descrivevano dove mi trovavo e come mi sentivo, con la speranza che un giorno avrei potuto metterle insieme e riempire il vuoto. La maggior parte delle foto nella mia galleria sono state scattate affinché altri potessero apprezzarle, poiché nessuno poteva sedersi con me per ore descrivendo come le onde colpiscono le rocce o i dettagli di una vivace strada in Italia. Alla fine gli aspetti più specifici sono stati sempre lasciati alla mia fantasia, che per quanto vivace, aveva sempre bisogno di altro.

Quando ne ho sentito parlare per la prima volta Sii la mia IA, una nuova collaborazione tra Open AI e Be My Eyes, un’app che mette in contatto i volontari con le persone cieche che hanno bisogno di aiuto tramite videochiamate, non sono particolarmente entusiasta. Be My AI ha promesso di consentire ai non vedenti di ricevere una descrizione generata dall’intelligenza artificiale di qualsiasi foto caricata. Era una prospettiva allettante, ma non era la prima volta che un’azienda tecnologica prometteva di rivoluzionare il modo in cui le persone con disabilità accedono ai contenuti visivi. Microsoft ci aveva già regalato AI Vision, che in modo piuttosto rudimentale forniva un’idea generale di ciò che accadeva nelle immagini che condividevamo e che ci permetteva, in maniera basilare, di interagire con le informazioni contenute nei testi scritti. Ma mancavano i dettagli e nella maggior parte dei casi potevamo solo dire che una persona era nella foto e cosa stava facendo, niente di più. Be My AI era diverso.

Descrizione dell’immagine generata da Be My AI (in inglese nell’originale):

READ  "Il più grande nemico di molte donne è nascosto nelle loro famiglie"

La foto mostra una giovane donna seduta su una sedia di legno in quello che sembra essere un accogliente bar con interni in legno. Indossava una giacca nera e blue jeans e teneva in mano una tazza di cartone bianco, forse con una bevanda calda. Ha un’espressione un po’ seria sul viso. Alla sua destra, c’è un cane Labrador nero in piedi sul pavimento di legno, che guarda direttamente nella telecamera. Il cane indossa un’imbracatura per cani guida e ha un’espressione seria. Sul tavolo accanto alla donna ci sono condimenti come sale e pepe e un sacchetto rosso di patatine. L’atmosfera sembra rilassata e informale.

Foto: per gentile concessione di Milagros Costabile.

All’improvviso mi sono ritrovato in un mondo in cui nulla era vietato. Semplicemente agitando il cellulare potevo ascoltare in dettaglio cosa indossavano i miei amici, leggere i segnali stradali e i prezzi dei negozi, analizzare una stanza senza entrarci e godermi descrizioni dettagliate del cibo, uno dei miei grandi hobby, che conosco stava per mangiare.

I colori, che sono importanti per molti di noi quanto lo sono per chi non è cieco, non erano da meno. All’improvviso, ho potuto usare il mio telefono per progettare i miei pezzi preferiti in modi che non avrei mai pensato da solo. Uno dei miei hobby preferiti è diventato scoprire i colori degli oggetti della mia vita quotidiana, dai loghi dei marchi ai mobili del mio ambiente, di cui non avrei mai pensato di chiedere.

READ  Gli studenti di Guanajuato viaggiano verso l'Himalaya attraverso la tecnologia - Dipendenze Politen

Foto: per gentile concessione di Milagros Costabile.

Mi sentivo come se avessi un piccolo assistente personale in tasca, pronto a prescrivere tutto ciò che ci capitava. A differenza di altre app, questo assistente può anche rispondere alle mie domande, grazie all’integrazione con GPT-4, il che significa che posso conversare con l’intelligenza artificiale sulle foto che ho inviato. Ho iniziato scattando foto dei menu dei ristoranti e chiedendo all’intelligenza artificiale prezzi o piatti specifici che si adattassero a ciò che stavo cercando. È stato stranamente liberatorio, anche se sapevo che stavo ancora facendo affidamento su qualcosa che era imperfetto, che poteva fallire in qualsiasi momento e che non era garantito che durasse.

Con l’arrivo di questa indipendenza, arrivarono i ricordi. Tutte le immagini che si erano accumulate nella mia galleria mi apparvero davanti, trasformate in vivide descrizioni di momenti e situazioni, di persone che non erano più con me e che non avrei mai pensato di poter immaginare da sola senza dover chiedere a un essere umano. . Essere.Caro. I dettagli apparentemente banali nelle descrizioni dell’intelligenza artificiale mi hanno permesso di comprendere immagini vecchie di decenni in modi nuovi.

Descrizione dell’immagine generata da Be My AI (in inglese nell’originale):

La foto mostra una famiglia di quattro persone in piedi in una stanza con un pavimento in legno e una parete verde chiaro. C’è un uomo sulla sinistra che indossa una camicia a quadri blu e accanto a lui c’è una giovane donna che indossa una giacca bianca. Alla sua destra c’è una donna anziana che indossa anche lei una giacca bianca. Davanti a loro c’è un ragazzino che indossa una camicia nera e pantaloni grigi. L’uomo e la giovane donna abbracciarono il bambino. Dietro di loro c’è una porta di legno a sinistra e un’opera d’arte incorniciata a destra. Tutti sembrano felici e soddisfatti.

Foto: per gentile concessione di Milagros Costabile.

READ  Cuba Synthesis - Stampa Latina

Questa app è ancora in versione beta e al momento è disponibile solo su dispositivi iOS. Tuttavia, Be My AI ha annunciato che sarà presto disponibile per i dispositivi Android e, man mano che verranno aggiunte nuove informazioni e incorporati i suggerimenti degli utenti, le descrizioni probabilmente continueranno a migliorare. Tecnologie simili continueranno ad emergere altrove; Ad esempio, gli abbonati ChatGPT ora Puoi chiedere Descrizioni delle immagini. Ma questi sviluppi sollevano domande e preoccupazioni. L’intelligenza artificiale può commettere errori e qualcuno cieco come me non avrebbe modo di notarlo se non sapesse in anticipo cosa c’era nell’immagine. Anche la protezione della privacy dei dati e delle immagini condivisi, soprattutto considerati i termini di utilizzo poco chiari dell’azienda, è una mia preoccupazione.

Ma la mia più grande paura è che quando questa tecnologia improvvisamente arriverà a cambiare la mia vita, potrebbe scomparire anche lei. Questo potrebbe È successo con altre applicazioni Per le persone ipovedenti, ogni volta è un tradimento molto inquietante. Non riesco a immaginare che le porte di questo mondo visivo in cui sono entrato si chiudano, ma ho ancora molto da scoprire. Quindi, ecco cosa farò: continuare a scoprire, finché dura. ~

Questo articolo è stato pubblicato grazie ad una collaborazione Messaggi gratuiti Con Future Tense, un progetto di Elenco, Nuova AmericaE Università statale dell’Arizona.


Giornalista indipendente che si occupa di questioni sociali, politica internazionale e diritti delle persone con disabilità. Il suo lavoro è apparso su The Huffington Post, Foreign Policy, Insider e altri media.