Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La toccante storia dell’ispirazione del sacerdote che ha unito fede e scienza

Sabato scorso, 17 luglio, quando ha saputo che il reverendo Juan Batista Bisetti (94) era stato ricoverato per Covid-19, ha allarmato la comunità del seminario, ma ci si aspettava che siccome aveva già fatto due vaccinazioni, non fosse un grave immagine. . Sfortunatamente, le sue malattie di fondo che lo hanno accompagnato alcuni anni fa non gli hanno permesso di resistere al virus mortale, lasciando profondi rimpianti per la sua scomparsa a tutti coloro che lo hanno conosciuto, sia nel suo ruolo di insegnante, studioso o sacerdote.

Piketty, arrivato dall’Italia nel 1952 dopo essere stato ordinato sacerdote, sarà ricordato per essere stato fonte di ispirazione per generazioni di astronomi e scienziati, che hanno iniziato i loro primi passi con questo mondo di scoperte nel suo enorme laboratorio, situato in un angolo del secondo piano del Colegio Seminario Conciliar de La Serena.

Generazioni dopo generazioni di studenti hanno insegnato la sua passione per la sperimentazione e la sua ormai leggendaria frase “il carro sale, il carro scende” in cui spiega in modo pratico e didattico gli intricati segreti della fisica.

“Ricordo alla fine degli anni ’80 quando possedere un computer valeva una fortuna, ci permetteva di usarlo senza problemi, anche per giocare. Gli piaceva stare vicino alla tecnologia. Ricordo anche una volta che alcune persone lo chiamavano “divertente “su una bomba a scuola e hanno inventato un dispositivo come il dispositivo di Gope per controllare il pacco che era nel cortile”, ricorda Carlos Rojas, un ex studente del Colegio Seminario Conslar, dopo aver appreso della morte di quello che lui sostiene fosse il suo docente per lo studio della pedagogia in matematica e aritmetica.

READ  Buffalini e nuove prospettive della medicina. "Rimedio all'ananas per le ustioni di Morandi"

Come Carlos, ci sono molti ex seminaristi che affermano che attraversare il laboratorio di padre Pesetti ha permesso loro di trovare la loro vera vocazione.

El Tololito e Cerro Mayo

Questo amore per la scienza spinse i religiosi, nel 1969, a formare un gruppo di astronomia e poi a costruire un osservatorio per godersi l’universo.

“Il nostro primo telescopio, l’abbiamo chiamato Tololito, e nel 1972 abbiamo realizzato il più grande telescopio Tololito. Lo studio è stato fatto dallo stesso Osservatorio di Tololo. Poi sono arrivate le persone che hanno aiutato a comprare un buon telescopio, ma purtroppo oggi c’è molta luce inquinamento”, ha detto a El Día Sulla struttura che ha costruito nei cortili del Seminario Conciliare.

Nel 2006 Picetti ha promosso la costruzione del Cerro Mayo, un complesso architettonico e scultoreo costruito attorno a una cupola per un telescopio da 14 pollici e dotato di un secondo telescopio dedicato alla ricerca di base.

“Ad un certo punto ci siamo resi conto che da qui non si potevano più fare osservazioni e abbiamo detto perché non abbiamo cercato lì. E abbiamo avuto il sostegno degli ex studenti, la famiglia Olivier, che ci hanno regalato un pezzo di collina. Abbiamo testato esso. Quando si sogna vigorosamente”, ha detto il sacerdote Barnabyan in quel momento: le cose si avverano”.

Tutta questa dedizione alla scienza, in particolare all’astronomia, ha portato diverse organizzazioni a riconoscere il lavoro di Juan Bautista Bisetti, per il quale è stato insignito del Premio Michael Faraday per l’insegnamento della fisica, assegnato dalla Facoltà di Fisica dell’Università Cattolica del Cile. Inoltre, l’Osservatorio AURA in Cile ha creato il premio annuale chiamato “Premio Padre Picetti”, che anno dopo anno premia i leader nel campo dell’istruzione e dell’estensione del Cile settentrionale.

READ  La tecnologia apre il sipario su alcuni giochi insoliti

Shiny figlio La Higuera

Ma il religioso italiano ha lasciato il segno non solo nei suoi studenti, ma anche nel suo lavoro pastorale e sociale nel comune di La Higuera per 36 anni.

Il suo lavoro disinteressato con i residenti lo ha portato a essere dichiarato “figlio geniale” del comune nel 2008, in una festa appassionata in cui quasi tutte le persone si sono radunate nella sua piazza.

Per questo motivo, la sua morte ha causato disordini nella regione, come raccontato dal sindaco (Q) Carlos Flores, il quale ha affermato che il sacerdote ha segnato diverse generazioni che hanno goduto dei suoi insegnamenti.

“L’intero comune di La Higuera è molto dispiaciuto per la sua scomparsa, siamo toccati dalla sua scomparsa. Oggi ho visto molte lacrime negli occhi delle persone quando hanno appreso della sua scomparsa”, ha osservato l’autorità comunitaria.

In questo contesto, padre Elson Rojas Lamas, presidente del Colegio Seminario Conclave de La Serena, ha notato che padre Pesetti è stato il fondatore della presenza di Barnabita in Cile.

“Forse a volte perché si è dedicato all’insegnamento dell’astronomia in questo modo famigerato, o perché anche come parroco era un uomo così impegnato con la sua gente perché ha messo il cuore a La Higuera fino alla fine, forse non tutto il mondo è stato in grado di realizzare una cosa è la prima cosa che padre Pesetti era un uomo. Ha vissuto tutta la sua vita per Dio, era il suo nord. E questo in modo straordinario e di alto livello”, ha osservato il direttore dell’istituzione educativa.

READ  Gli scienziati chiedono al G20 maggiori investimenti e l'accesso globale a un vaccino

Il ministro della Difesa Baldo Procurica era tra le autorità che hanno voluto manifestare il loro apprezzamento per il sacerdote defunto attraverso i social network.

“Vorrei esprimere le mie sincere condoglianze alla famiglia e agli amici di padre Battista Bissetti Serugetti, che è stato mio insegnante al Colegio Seminario Conciliar de La Serena. Il suo esempio di vita e di valori cristiani e umanistici ha ispirato molti studenti”, ha affermato. Lo ha detto il ministro degli Esteri sul suo account Twitter.

A sua volta, Franco Dalbosco, console onorario d’Italia, ha osservato che la sua morte ha rappresentato una grande perdita per la comunità di Barnabyn.

“Ringraziamo Dio, che ha avuto il privilegio di essere suo discepolo, per tutta la generosità offerta e per la sua saggezza che non abbiamo potuto seguire tante volte, perché viene da un altro pianeta, poi scende sulla terra per portare il messaggio. E pace, sia attraverso le sale e il cortile del collegio, sia attraverso le strade sterrate fino al municipio di La Higuera, dove era missionario di Cristo”, ha detto.

funerale

I funerali di padre Pesetti si svolgeranno oggi, giovedì 5 agosto, alle ore 11.30 nella Cappella Santa Lucia del Colegio Seminario. Solo le persone che sono state convocate possono assistere di persona alla Messa, rispettando le misure precauzionali in ambito sanitario. Al fine di estendere la partecipazione a tutta la comunità, sarà trasmessa l’intera celebrazione liturgica, che potrà essere seguita sulle piattaforme virtuali della Fondazione.