Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Smetterai di pagare?

Nel 1969 fu costruita la prima strada a pedaggio in Spagna. Era per la strada che collega Barcellona con Mataro. La barriera verrà rimossa a settembre, più di mezzo secolo dopo. Fa parte di 1.100 chilometri che, a causa della scadenza delle concessioni, sono stati annullati tra il 2018 e il 2021. Ma la gioia dei piloti non durerà a lungo. Il governo invierà un piano di recupero, trasformazione e resilienza la prossima settimana, che include un impegno a implementare il pay-per-use sulla rete ad alta capacità della Spagna.

“È un modello di pagamento a consumo che ha poco a che fare con il sistema attuale, che non era né equo né chiaro”, spiega José Manuel Vasalo, professore di ingegneria dei trasporti presso l’Università Politecnica di Madrid (UPM). “È un pedaggio più morbido e senza barriere che si concentra sul finanziamento della rete stradale e sulla politica di pagamento della comunità da un punto di vista ambientale e di recupero dei costi”.

Con i dati più recenti – corrispondenti al 2017 – disponibili in Germania, Francia e Italia, tra l’80% e il 100% della rete ad alta capacità è tassato tramite tariffe di transito, mentre in Spagna questa percentuale scende al 23%. Verrà ridimensionato a settembre, con il completamento di alcune autostrade che partono da Barcellona. Era un compenso destinato a finanziare l’attività (anche se ci è voluto molto più tempo di quanto inizialmente previsto), mentre l’avveniristico sistema cerca di riorganizzare il traffico in modo ambientale e pagarne la manutenzione.

Panorama delle strade in Spagna e in Europa

LV

L’unione di 1.100 km delle suddette autostrade ridurrà la rete di pedaggio spagnola da 3.304 km a 2.207 km. Senza gli affiliati che si occupano della manutenzione, oltre che della gestione, il costo sarebbe a carico dello Stato, un conto che Seopan, l’associazione dei datori di lavoro delle grandi imprese appaltatrici, stima ammonterebbe a 478 milioni di euro all’anno più i costi di gestione.

READ  Michel Rowland, il miglior produttore di vino del mondo: "L'Argentina è troppo complicata per gli investitori stranieri"

Effetti di modifica

La mancanza di investimenti influisce sulla manutenzione

Il problema ha aggravato il problema iniziato nel 2008. A quel tempo, le strade erano una delle principali vittime dei tagli alla spesa pubblica che hanno causato la crisi finanziaria. Questa mancanza di investimenti ha portato a un deficit di manutenzione che ha già superato gli 8.000 milioni di euro, secondo i dati dell’Associazione spagnola delle strade.

Nei budget 2021 sono stati stanziati 1.240 milioni per la manutenzione stradale, che pur essendo del 58% in più rispetto all’anno precedente, non copre in alcun modo i bisogni reali, rendendo inevitabile la ricerca di canali di finanziamento. Ma qual è il prezzo da pagare per assicurarsi un finanziamento adeguato e attraverso quale meccanismo?

Infrastruttura stradale spagnola: GRAF1063.  LUCENI (ZARAGOZA), 24/03/2021.  Il Ministro dei Trasporti, della Mobilità e dell'Agenda Urbana, José Los Opalos (i), e il Presidente dell'Aragona, Javier Lampan, partecipano al lancio del progetto Figueruelas - Tratta Gallur dell'autostrada A-68.  EFE / Javier Cibolada

Il Ministro dei Trasporti, della Mobilità e dell’Agenda Urbana, José Luis Opalos, alla cerimonia di apertura con il Presidente dell’Aragona, Javier Lampan

Javier Cibolada / Effie

Esistono diverse proposte e direttive europee che definiscono le linee guida per la loro attuazione in 23 dei 27 paesi dell’Unione Europea. “Ma è solo un segno per applicare un modello specifico se si vuole farlo”, spiega Jose Trigros, presidente del Syndicate of Civil Engineers, Canals, Ports and Civil Engineering.

Tra queste iniziative spicca quella promossa da Siobhan. Come spiegato dal suo presidente Julián Núñez, se i pedaggi sono applicati a tariffe europee medie su 14.130 chilometri di autostrade gratuite situate in Spagna (esclusi 905 chilometri di accesso urbano) comunità statali e autonome, consigli e consigli e se vengono create concessioni speciali per gestirli e conservarli per 25 anni, lo Stato può ricevere fino a 104.000 milioni di euro dal pagamento iniziale e un pagamento medio annuo di 4.698 milioni di euro di entrate generali da riscossione delle imposte (imposta sul valore aggiunto, imposta sul valore aggiunto e società) . A questo vanno aggiunti altri 850 milioni di euro all’anno di risparmi sulla manutenzione stradale per queste infrastrutture.

READ  L'economia delle Canarie è scesa del 15% nel primo trimestre dell'anno

Aerei

Oltre 14.000 chilometri, autostrade esentasse

Secondo le stime del Consell Assessor d’Infraestructures de Catalunya, la tariffa per chilometro per un’auto potrebbe essere di 0,02 euro. Ciò significa che per un viaggio di circa 100 km come quello tra Tarragona e Barcellona, ​​pagherai circa 2 €. Oggi, l’AP-7 ha un prezzo di 9,50 € rilasciato a settembre. “Le nuove tariffe da stabilire potrebbero variare dal 20% al 25% del totale attuale, ma tutte le strade hanno un’elevata capacità di carico”, conferma Joachim Lanso, Vicepresidente del Damage Assessment Board.

Il controllo delle tariffe sarà implementato elettronicamente impiantando staffe per il rilevamento dei veicoli lungo il percorso, come ha fatto il Portogallo dopo la precedente crisi economica. Secondo Llansó, un’occasione d’oro per iniziare a pagare è stata persa nel momento in cui alcune delle concessioni sulle strade ad alto pedaggio che erano state in vigore in Spagna negli ultimi anni erano scadute.

Il secondo modello, diffuso in Europa e difeso in Spagna dalla Generalitat de Catalunya, è il modello del poster, in cui ogni veicolo paga un pedaggio circolare e appone un’insegna al veicolo. È più semplice, perché non ci sono quasi costi amministrativi. Vasalo afferma che Bruxelles non ama il modello della vignetta e predilige il modello del controllo satellitare o di qualsiasi altro tipo perché facilita la “gestione del traffico” dal punto di vista ambientale o la regolazione dei flussi.

GRAF4069.  VIGO, 01/01/2021.  - Una vista di un AP-9 mentre attraversa Vigo, Pontevedra, questo venerdì.  L'AP-9, l'autostrada che supporta la Galizia, nel 2021, con un aumento dello 0,92%, che entrerà in vigore oggi, 1 gennaio 2021, sarà la più costosa in Spagna.  Viaggiare da Ferrol a Tui costerà 22,40 euro, più di venti centesimi finora.  Da parte sua, il titolare della concessione, Odeh, ha dichiarato ieri in un comunicato che l'anno 2021 congelerà le tariffe per i veicoli leggeri in 26 delle 48 tratte che compongono l'autostrada, a fronte delle critiche di vari dipartimenti e gruppi per il citato aumento dello 0, 92 per cento.  EFE / Salvador Sas

Vista dell’AP-9 mentre attraversa Vigo, Pontevedra

Salvador Sas / Effie

Il RACC è uno dei più grandi club automobilistici in Spagna, con più di 800.000 membri. Le fonti dell’entità affermano che “è essenziale che il nuovo sistema di finanziamento sia implementato alle stesse condizioni per l’intero paese” e per evitare “le lamentele regionali che abbiamo avuto finora”.

READ  Martín Guzmán incontrerà Kristalina Georgieva a Roma

Le stesse fonti aggiungono di accettare di “pagare per l’uso” in base ai chilometri percorsi e al criterio “chi inquina paga”. Il suo impegno per “sistemi di propulsione elettronica in grado di controllare le distanze percorse, il tipo di strada utilizzata, il tipo di veicolo e potenziali inquinanti”.

Allo stesso modo c’è la Spanish Highway Association (AEC). La sua proposta è nuova. Proponiamo un bonus che, grazie alla sua tecnologia e alla validazione dei suoi satelliti, consente la massima flessibilità nel profilo dell’utente e incoraggia le politiche ambientali. La sua bontà è che è regolabile e si adatta perfettamente all’attuale finanza europea ”, spiega Jacopo Diaz, Presidente di ACS.

Capitale

Le società appaltatrici supportano più attività per generare più entrate per la costruzione e la manutenzione

L’idea è che questo tagliando avrà una concessione gratuita di 10.000 chilometri per cittadino, che può arrivare fino a 50.000 chilometri o qualsiasi altra cosa lo stato specifichi per i vettori. Poi iniziano a spingere. Quindi, una persona che viaggia più di chilometri paga di più.

Il prezzo del chilometro può anche essere adeguato in base alle emissioni dei veicoli per incentivare i meno inquinanti. “Se partiamo da 10.000 km a costo zero, il 40% della popolazione non pagherà mai. Con questi limiti, lo Stato raccoglierà circa 5.000 milioni all’anno”, spiega Diaz.

In teoria, data la sua versatilità, questa è la metrica che può ricevere la più grande indennità, anche se i vettori rifiutano qualsiasi pagamento. “Avvertiamo che la Spagna è un Paese marginale, e gran parte delle sue esportazioni sono prodotti di basso valore, come frutta e verdura. L’introduzione di nuove tariffe avrà effetti negativi immediati sulla competitività e l’economia non esiste per questo rischio “, Avverte Juan José Gil, presidente di Fenadismer, federazione delle associazioni nazionali dei trasporti della Spagna.