Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

BBVA prevede una crescita del 5% fino al 2023

La ripresa dell’economia spagnola è in ritardo rispetto alla controparte europea, perché anche i settori colpiti dall’epidemia come il turismo, da cui dipende di più, impiegheranno più tempo. Con una crescita di circa il 5% anche nel 2023, il ciclo al rialzo proseguirà tanto che quest’anno e lo scorso anno sono stati inferiori alle attese, secondo il rapporto Situazione Spagna, pubblicato questo giovedì da BBVA Research.

Nello specifico, BBVA Research sta abbassando di un solo decimo la previsione per il 2021, che rimane al 5,1%, mantenendo quella per il 2022 al 5,5% e indicando una crescita del 4,9% nel 2023. In altre parole, un triennio con crescita complessiva del PIL aleggia circa il 5%. Il dato per il 2023 è il più sorprendente perché è un’estensione dell’elevata crescita anche per il prossimo anno, che contrasta con altre previsioni.

Stamattina è stata annunciata anche la previsione di Funcas, che fissa la crescita nel 2023 a un tasso molto più basso, il 3,5%; Inoltre, la Banca di Spagna ha fissato la sua ultima stima al 3,9%.

Previsioni di ricerca BBVA

Il PIL crescerà del 5,5% quest’anno e del 4,9% nel 2023

“La Spagna è in ritardo rispetto ad altri paesi europei” perché ci sono rami dell’attività più colpiti, ha affermato Jorge Cecilia, direttore di BBVA Research, giustificando che la Spagna, insieme all’Italia, ha gli importi più alti dell’European Recovery Fund. E sarà proprio quest’anno e il prossimo quando l’impatto di questi fondi sarà più evidente, che era relativamente piccolo nel 2021 ma aumenterà. In particolare, l’anno scorso la Spagna ha ricevuto 19.000 milioni di euro, ma solo una parte limitata ha avuto un impatto sull’economia reale, quindi si prevede che ci sarà un impatto maggiore in questi due anni.

READ  Guerra Ucraina-Russia: oggi last minute, live | Gli Stati Uniti stanno mettendo pressione su Putin

Va ricordato che la Spagna ha concentrato l’80% degli aiuti europei nei primi tre anni, dal 2021 al 2023, in una strategia per concentrare al più presto lo slancio per rilanciare l’economia, anche se ciò significa correre il rischio di attuare molto di soldi in un lasso di tempo così breve.

Un altro fattore che potrebbe rilanciare la crescita nel 2023 è l’esistenza di un eccesso di risparmio, che non è stato speso durante la pandemia, pari a circa 70mila milioni di euro, che dovrebbe essere destinato ai consumi.

BBVA Group Chief Economist e Direttore di BBVA Research, Jorge Cecilia, alla presentazione del rapporto

EP

In termini di crescita quest’anno e il prossimo, BBVA Research ritiene che l’impatto economico della sesta ondata di covid sia limitato e mette in evidenza i buoni dati osservati sia nell’affiliazione alla previdenza sociale che negli acquisti di carte.

Sebbene il rapporto preveda un rallentamento della crescita nei primi mesi di quest’anno, che potrebbe portare a un aumento del PIL di solo mezzo punto nel primo trimestre, il trend sarà corretto al rialzo per il resto del 2022 fino a raggiungere 5,5 %.

Per quanto riguarda l’inflazione, il rapporto prevede che quest’anno continui a crescere, intorno al 3,2%, il che fa prevedere un aumento della pressione per aumenti salariali. Tuttavia, l’ente avverte che questi incrementi non dovrebbero essere troppo elevati per non perdere competitività ed entrare in un circolo vizioso, soprattutto quando l’inflazione core è molto più bassa, al 2%. Finora, l’aumento dei costi è stato in gran parte sostenuto dai margini dell’azienda.

READ  Al Sharqiah compie 47 anni con l'obiettivo di continuare a promuovere l'agrobusiness ecuadoriano | Economia | Notizia