Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Esportazioni: la dogana ha fissato valori di riferimento per le pere e le mele

Oggi l’Amministrazione generale delle dogane ha fissato il valore di riferimento per l’esportazione di cinque varietà di mele e altre cinque di pere, al fine di individuare manovre abusive nel commercio estero.

Attraverso la Risoluzione Generale 4974/2021, pubblicata lunedì sulla Gazzetta Ufficiale, la normativa riguardante le esportazioni di questi due frutti ne fissa il valore tra $ 0,55 e $ 0,88, a seconda di ciascuna varietà.

In caso di vendita all’estero di pere e mele, questi valori si applicheranno a Belgio, Danimarca, Spagna, Francia, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo e Regno Unito. Stati Uniti, Svezia, Germania, Russia, Stati Uniti, Canada, Bolivia, Brasile, Colombia, Cile, Paraguay, Perù, Uruguay e Venezuela. Con questi valori, l’agenzia imposta i prezzi dei testimoni come strumento per rilevare le fatture basse nelle esportazioni.

Pertanto, la dogana cerca di identificare deviazioni dai valori usuali di merci identiche o simili.

Questi prezzi di riferimento sono il primo controllo negli annunci per proteggere l’interesse finanziario.

Le dogane hanno sottolineato che si tratta di uno strumento che è stato smantellato durante il governo precedente e ha iniziato a ricrearlo nel dicembre 2019, come parte della strategia della nuova amministrazione per l’ispezione e il controllo del commercio estero. Con 340.000 tonnellate di pere, l’Argentina è al quinto posto come esportatore mondiale e circa 100.000 tonnellate di mele, a 15. Le principali destinazioni delle esportazioni di pere argentine sono Brasile, Russia, Stati Uniti e Italia.

Nel caso delle mele, le principali destinazioni sono Brasile, Paraguay, Russia, Germania e Stati Uniti. La nuova delibera generale si aggiunge ai valori di riferimento (per l’esportazione) e ai valori di riferimento (per l’importazione) ripristinati negli ultimi mesi.

READ  Tesla sta frenando i Bitcoin perché sono troppo inquinati

Nel caso dei valori di riferimento sono stati esportati anche aglio, maiale, pomodori, manzo, frutti di bosco, latte in polvere, cipolle, patate, uvetta e branzino. I valori standard di importazione per cuffie e radiatori per il riscaldamento centralizzato sono stati riapplicati, oltre a regolare i valori applicabili per gli accordatori di strumenti musicali e integrarli per i tessuti in poliestere e i denti artificiali.

GCH / KDV non è disponibile